Nobile Contrada dell'Aquila

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Una lanterna decorativa della Contrada dell'Aquila

Citazioni sulla Nobile Contrada dell'Aquila.

Inno ufficiale[modifica]

  • Immensa folla che gremisci piazza | dubbi puoi aver se corre l'Aquilon | la sua vittoria è certa perché ha l'ali | e avanti a tutti sempre resterà, || anche se il Palio è spesso lottato | con un cavallo alato che vuoi far? | È l'Aquilon giallo celeste e nero | primo su tutti vedono arrivar...[1]
  • Aquila vola | chi di te più in alto ancor potrebbe andar | quasi ammaliate, restan tutte le contrade ad ammirar, | se tu sei sovran dell'aria | della Piazza sarai tu, | la più bella e sempre prima chi potrà arrivarti più: || l'uccello nostro | è il più grosso che nel mondo non ha eugual | chi combatte col suo rostro | presto vinto nella polvere cadrà![1]
  • Giubbetto d'or dai simboli imperiali | che ardito sfrecci in dura tenzon | non puoi temer se anche i più grossi | dettano legge e voglion fa i padron, | poi viene il giorno che valore vero | di una contrada fulgere già sa, | è l'Aquilon giallo celeste e nero | primo su tutti vedono arrivar.[1]

Motti[modifica]

  • Con le unghie e con il rostro
Unguibus et rostris.
  • Dell'Aquila il rostro, l'ugna e l'ala.
  • Io sola sostengo nel sole lo sguardo.

Note[modifica]

  1. a b c Versi di Carlo Sottili.

Altri progetti[modifica]