La bestia nel cuore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

La bestia nel cuore

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

La bestia nel cuore

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 2005
Genere drammatico
Regia Cristina Comencini
Sceneggiatura Giulia Calenda, Cristina Comencini, Francesca Marciano
Produttore Riccardo Tozzi
Interpreti e personaggi
Note
  • Festival di Venezia 2005: Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile a Giovanna Mezzogiorno
  • Nomination all'Oscar al miglior film straniero 2006
  • David di Donatello 2006: "migliore attrice non protagonista" (Angela Finocchiaro)

La bestia nel cuore, film italiano del 2005, regia di Cristina Comencini.

Frasi[modifica]

  • Caro Daniele, non ho potuto dirgli niente, non voglio la sua compassione. Se glielo avessi raccontato forse non sarebbe più riuscito a toccarmi senza pensarci. E io non avrei più avuto il coraggio di guardarlo negli occhi. (Sabina)
  • Cara Sabina, non sai quanto sono emozionato dopo la nascita di Daniele. Non faccio che guardare la foto che mi hai mandato e alle volte mi commuovo come un cretino. Tante cose vorrei scriverti, ma una mi preme più di tutte: ci sono dolori da cui è impossibile guarire, il nostro è uno di questi. Ma questo non ci impedisce di camminare insieme agli altri con le spalle dritte e i piedi fermi in terra. Ora che sei madre, capirai quanto è importante saperlo fare. Una cicatrice è un segno indelebile, non una malattia. La vita, quello che pensavamo ci avessero tolto, possiamo riprendercelo. Anche se per farlo abbiamo dovuto cancellare per sempre il ricordo dei bambini che eravamo. (Daniele)
  • [Al piccolo Daniele] Non crescere troppo in fretta, che ti devo mettere vicino al cassonetto. (Andrea)

Dialoghi[modifica]

  • Maria: Da quando mio marito mi ha mollata, io ci ho pensato – sai? – che sarebbe stato più semplice avere una storia con una donna.
    Emilia: Ah sì? Perché non ci hai provato...
    Maria: Perché mi sembrava un ripiego.

Altri progetti[modifica]