La casa dalle finestre che ridono

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

La casa dalle finestre che ridono

Immagine San Giovanni in Triario (San Giovanni in Triario, Minerbio).jpg.
Titolo originale

La casa dalle finestre che ridono

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1976
Genere thriller, orrore, giallo
Regia Pupi Avati
Soggetto Pupi Avati e Antonio Avati
Sceneggiatura Pupi Avati, Antonio Avati, Gianni Cavina e Maurizio Costanzo
Produttore Antonio Avati e Gianni Minervini
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La casa dalle finestre che ridono, film del 1976, con Lino Capolicchio e Gianni Cavina, regia di Pupi Avati.

Incipit[modifica]

I colori. I miei colori. Escono dalle mie vene. Son dolci i mì culor. Dolci. Iè dolz come l'autun, iè cheld cum al sanguv, sono lisci come la sifilide e vanno, vanno dentro agli occhi della gente, portando a tutti l'infezione. I mì culor. I mì culor. Sono dentro al mio braccio i miei colori. Meo Deus. Lontano, lontano vanno i miei colori. I van luntan, i posn ander luntan. Ma bisogna morire per loro. Aprirsi dentro. Oh Deus Señor. Purificarsi. Via, via, via tutto. La purezza. La purezza. Sono tutti i miei colori. Sono tutti i miei colori. Figlio de puta. Si ecco, Meo Deus. Ecco. Ecco, Meo Deus. Sento che sta morendo, sta morendo. Ecco, muore. Purificarsi, purificarsi. Sta morendo. Purificarsi. Tenetelo fermo, tenetelo fermo, tenetelo fermo... (Voce fuori campo)

Frasi[modifica]

  • Non appena finito quel suo bel lavoro, quel dipinto diventerà una delle quattro specialità della zona. Oltre le donne, l'acqua e il silenzio. (Solmi)
  • Ma questo è un grande pittore. Solo un grande artista può dare un senso così vero alla morte. Ha capito tutto. (Stefano)
  • Non la prenda subito così di petto il suo lavoro. Se si aspetta gratitudine qua, aspetta un pezzo. (Don Orsi)
  • Lo sai una cosa? Hai una faccia triste. Dai, volevo dire che sei simpatica. (Stefano)

Dialoghi[modifica]

  • Voce la telefono: Se ne vada via, lui non vuole.
    Stefano: Pronto? Ma chi parla?
    Voce la telefono: Non tocchi quel quadro!

Altri progetti[modifica]