La dannazione di Faust (opera)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Illustrazione per l'opera La dannazione di Faust

La dannazione di Faust, opera di Hector Berlioz, leggenda drammatica in quattro parti. Poema di H. Berlioz, A. Gandonnière e Gérard de Nerval, adattamento scenico di Raul Gunsbourg.

Incipit[modifica]

In Ungheria.

Faust: Al vecchio inverno subentrò l'April,
Natura s'è ringiovanita:
Dalla splendente cupola infinita
Del ciel, piovono raggi,
Fluir per l'aria io sento
La mattutina brezza;
E molce il petto ardente
La soave freschezza;
Ascolto gorgheggiare
Gli augei che si destâr.
Ed il romoreggiare
Di piante lungo e d'acque.
Oh! come dolce è vivere
qui nella solitudine
Lungi alle lotte umane,
Lungi alla moltitudine|
S'io avessi mai a dire
All'attimo fuggente:
«Tempo, t'arresta!»
No! Tutto si disperde!...
Sul campo dell'onore,
o chi dopo una danza delirante
Da morte è colto in braccio d'un'amante?
Un uomo son io.
O sono un dio?...
Qual luce si fa agli occhi miei?
No, il mondo degli spiriti
Chiuso non è!
È il tuo cor che è morto, e per sempre...
Tu, discepol, ti leva! – Bagna il tuo sen mortale
Nel purpureo raggio dell'aurora.
Dall'empireo alla terra lo spazio armonioso
S'apre per te in un cantico eternale!

Bibliografia[modifica]

  • La Dannazione di Faust (Damnation de Faust), musica di Hector Berlioz, versione italiana di Ettore Gentili, Casa Musicale Sonzogno, Milano.

Altri progetti[modifica]