Lou von Salomé

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Lou von Salomé

Lou von Salomé nota anche come Lou Andreas-Salomé (1861 – 1937), scrittrice e psicoanalista tedesca di origine russa.

Citazioni di Lou von Salomé[modifica]

  • [Sull'amicizia con Nietzsche] Strano che involontariamente coi nostri discorsi giungessimo a quei precipizi, a quei punti vertiginosi dove ci si è arrampicati una volta solitari, per riguardare nelle profondità. Abbiamo sempre scelto i sentieri da camosci, e se qualcuno ci avesse uditi, avrebbe creduto d'ascoltare il colloquio di due demonî.[1]

Citazioni sulle Memorie di Lou Andreas-Salomé[modifica]

  • L'orgoglio e l'aridità della donna intellettuale è il basso continuo di quest'opera. (Preziosa l'osservazione che a Vienna, dove pure entrò «con muchas campanillas», si preferiva un altro genere di donna, la «Wiener Mädel» ricca d'altre qualità femminili). Ora come non pensare alla fragilità fisica di uomini quali Nietzsche o Rilke? Né ci sembra neppure retrospettivamente appetibile assistere a un incontro fra Menadi intellettuali quali Lisbeth Nietzsche, Lou Andreas Salomé e Cosima Wagner a Bayreuth. Veramente allora «il meglio», per distorcere un po' la frase della vegliarda in agonia, «il meglio è la morte». (Leone Traverso)

Libro domestico di Stibbe[modifica]

  • Godere del dolore è gioire della guerra.
  • È nel commiato che amiamo di più.
  • L'amicizia tra persone di sesso diverso è una nobile inclinazione.
  • La grandezza umilia, la saggezza inasprisce.
  • La metafisica è la religione dell'intelletto.
  • La nostra fedeltà è più forza dell’abitudine che forza dei sentimenti.
  • La religione è il sogno di felicità dell'umanità.
  • Le massime fondate su giochi di parole non sono fatte da noi, ma dal linguaggio per noi. Poiché tuttavia ci si aspetta, per lo più, che le massime colpiscano, e poiché si è colpiti più immediatamente dalle parole che dai pensieri, le massime fondate sul linguaggio passano per le più acute.
  • Ognuno ha un ambito speciale in cui coltiva ancora la moralità.
  • Quanto più ciò che è elevato si estende in larghezza, tanto più perde della propria altezza.

Note[modifica]

  1. Dalle Memorie di Lou Andreas-Salomé, citato in Leone Traverso, Sul "Torquato Tasso" di Goethe e altre note di letteratura tedesca. Pubblicazioni dell'Università di Urbino, serie di Lettere e Filosofia, vol. XIX, Argalìa Editore, Urbino, 1964, p. 287.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]