Luigi Ciotti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti (1945 – vivente), sacerdote e attivista italiano.

Citazioni di Don Luigi Ciotti[modifica]

  • C’è una paura suscitata dalle disuguaglianze ma anche una paura indotta da chi la sfrutta a fini di potere. La paura può essere un formidabile bacino di consenso.[1]
  • Il volontariato non deve essere un " delegato" alla solidarietà. Non può essere solo accoglienza, assistenza di poveri e emarginati, deve essere al contempo denuncia delle cause politico- economiche che generano povertà e emarginazione.[1]
  • La mafia è una merda.[2]
  • La forza della mafia non sta nella mafia, è fuori, è in quella zona grigia costituita da segmenti della politica, del mondo delle professioni e dell'imprenditoria.[2]
  • Il Volto sofferente della Sindone non cerca i nostri occhi ma il nostro cuore, invita dunque ciascuno di noi a guardarsi dentro con verità, a risvegliare il proprio cuore e le proprie coscienze sulle ingiustizie di questo mondo di fronte alle quali non si può tacere. [3]

Da L'intervista – Don Ciotti, Libera: "Per rilanciare l’Italia servono coscienze inquiete"

Intervista di Emiliano Moccia, Sociale.corriere.it, 6 aprile 2016.

  • [Sulla legalità] Ci vuole una rivolta dal basso, delle coscienze, per essere cittadini responsabili e questo credo che sia cresciuto negli ultimi anni. Però ci vuole anche una maggiore rivolta che parte dalle coscienze, dal di dentro, ci sono ancora troppi cittadini ad intermittenza, c'è ancora troppa delega ed allora "il morso dei più" diventa necessario.
  • [Su cosa nostra e le verità taciute] Noi continuiamo a dire da anni che le verità passeggiano per le vie delle città. Perché c'è chi sa, c'è chi ha visto, c'è chi nasconde. Ed allora bisogna avere più coraggio, bisogna aiutare soprattutto i ragazzi a prendere coscienza che l'impegno e la responsabilità parte da ciascuno di noi.
  • [Sulla legalità] È soprattutto il "noi" che vince, perché non possiamo lasciare le persone da sole, scaricare l'impegno solo a qualcuno. Non è solo compito della Magistratura, delle forze dell'ordine che già fanno molto nonostante una restrizione di mezzi e di strumenti. Serve il lavoro di tutti.
  • Abbiamo bisogno di coscienze inquiete nel Paese, di cittadini che dicano basta. È da secoli che noi parliamo di mafia.
  • Non è possibile stare seduti in Parlamento se si hanno delle vicende, delle indagini aperte, che rilevano delle commistioni con la mafia.

Note[modifica]

  1. a b Da intervista di Enrico Bellavia, Don Ciotti: " Il futuro è l’Altro", la Repubblica, 31 marzo 2019, p. 39.
  2. a b Citato nel discorso di Don Ciotti in occasione della 17ª giornata contro le mafie organizzata da Libera, Genova, 17 marzo 2012.
  3. Citato in L'amore che salva, la pastorale sanitaria a convegno davanti alla Sindone, Acistampa.com, 25 maggio 2015.

Altri progetti[modifica]