Vai al contenuto

Luigi Meroni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Luigi Meroni

Luigi Meroni (1943 – 1967), calciatore italiano.

Citazioni su Luigi Meroni[modifica]

  • Edmondo Fabbri era un po' all'antica. Io lo conoscevo bene, avendolo avuto come allenatore a Mantova. Avrebbe preferito convocare Meroni, ma non gli andavano a genio i suoi capelli. (Luigi Simoni)
  • Era il simbolo di estri bizzarri e libertà sociali in un paese di quasi tutti conformisti sornioni. (Gianni Brera)
  • Ero malato di calcio. A Siena giocavo nel Luigi Meroni Football Club: gloria granata, ma il nostro presidente pensava che fosse un assoluto genio del pallone. (Domenico Diele)
  • [«Nella stagione '60-'61 lei ha giocato anche con Gigi Meroni, vero?»] Meroni era nei ragazzi. Mi pare avesse cinque anni meno di me, per cui quell'anno lì non abbiamo giocato assieme. Qualche anno dopo, quando entrambi eravamo a Torino, lui in granata e io in bianconero, ci incontravamo spesso e lui mi diceva che ero sempre stato il suo idoletto. Gli piaceva come giocavo e, da ragazzo, cercava di ispirarsi un po' a me. (Carlo Dell'Omodarme)
  • Scrostava la muffa dalle abitudini, smascherava le ipocrisie. Un tenero rivoluzionario che dava il meglio di sé nel lavoro e poi rivendicava libertà totale. (Candido Cannavò)
  • Un bohémien che amava sfidare i benpensanti vivendo more uxorio (scandalo!) con una ragazza polacca già sposata e girando con una gallina al guinzaglio. (Gian Antonio Stella)

Altri progetti[modifica]