Luigi Tenco

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Luigi Tenco

Luigi Tenco (1938 – 1967), cantautore e attore italiano.

Citazioni di Luigi Tenco[modifica]

  • [Ultime parole] Io ho voluto bene al pubblico italiano e gli ho dedicato inutilmente cinque anni della mia vita. Faccio questo non perché sono stanco della vita (tutt'altro) ma come atto di protesta contro un pubblico che manda Io tu e le rose in finale e una commissione che seleziona La rivoluzione. Spero che serva a chiarire le idee a qualcuno. Ciao. Luigi. (biglietto vergato a mano, la cui paternità è discussa, ritrovato accanto al suo corpo, nella sua camera all'Hotel Savoy di Sanremo[1])

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Luigi Tenco (1962)[modifica]

Etichetta: Dischi Ricordi, 1962.

  • Cara Maestra, un giorno m'insegnavi | che a questo mondo noi, noi siamo tutti uguali; | ma quando entrava in classe il Direttore | tu ci facevi alzare tutti in piedi, | e quando entrava in classe il bidello | ci permettevi di restar seduti. (da Cara Maestra, n. 1)
  • Tu, | fatina che non vidi mai, | tu sei stata regina del regno | che un giorno sognai. | E tu, | mio caro vecchio albero, | tu sei stato il castello d'un regno | e neppure lo sai. (da Il mio regno, n. 5)
  • Un regno | con un solo soldato | che cercava le streghe, | voleva cacciarle a sassate; | un regno | che ogni giorno viveva | di mille e mille e mille | "c'era una volta".| Se | non m'avessero detto mai | che le fiabe son storie non vere, | ora là io sarei.[2] (da Il mio regno, n. 5)
  • Mi sono innamorato di te | perché non avevo niente da fare, | il giorno volevo qualcuno da incontrare, | la notte volevo qualcosa da sognare. (da Mi sono innamorato di te, n. 7)
  • Ed ora | che avrei mille cose da fare | io sento i miei sogni svanire | ma non so più pensare | a nient'altro che a te. (da Mi sono innamorato di te, n. 7)
  • Mi sono innamorato di te | e adesso non so neppure io cosa fare | il giorno mi pento d'averti incontrato | la notte ti vengo a cercare. (da Mi sono innamorato di te, n. 7)
  • Io sì, | che t'avrei fatto vivere | una vita di sogni | che con lui non puoi vivere. | Io sì, | avrei fatto sparire | dai tuoi occhi la noia | che lui non sa vedere. (da Io sì, n. 8)
  • Io sì, | t'avrei detto il mio amore | cercando le parole | che lui non sa trovare. | Io sì, | t'avrei fatta invidiare | dalle stesse tue amiche | che di lui ora ridono. (da Io sì, n. 8)
  • Io sì, | t'avrei fatta arrossire | dicendoti: "Ti amo" | come lui non sa dire. (da Io sì, n. 8)
  • Vorrei | provare | ad essere un'altra persona, | per vedere | me stesso | come mi vedono gli altri. | Vorrei | sapere | qual è l'impressione che prova | chi non sa | per nulla | quello che faccio e che sono. (da Come mi vedono gli altri, n. 10)
  • La mia | paura | è che, a vedere me come sono, | io potrei | rimanere deluso.[3]. (da Come mi vedono gli altri, n. 10)

Luigi Tenco (1965)[modifica]

Etichetta: Jolly, 1965.

  • Ho capito che ti amo quando ho visto che bastava una tua frase per far sì che una serata come un'altra cominciasse per incanto a illuminarsi. (da Ho capito che ti amo, n. 1)
  • Io | non scriverò | mille poesie | per un tuo sguardo, | io | non voglio fare | del nostro amore | un romanzo; | non sono io | il principe azzurro | che vuol portarti | fin sulla luna, | io... | eccomi qui: | un uomo che ti vuol bene. (da Non sono io, n. 2)
  • A te | chiedo soltanto | di essere quella che sei, | così | come ti viene, | senza problemi tra noi. | E quando all'alba, | stanco d'amore, | ti penserò | ancora una volta | io non penserò | che sono stanco di te. (da Non sono io, n. 2)
  • Ah... l'amore l'amore, | quante cose ti fa fare l'amore, | ah... l'amore l'amore, | quante parole ti fa dire l'amore, | quanta vita, quante ore | regalate all'amore, | quante frasi dette al vento | dedicate all'amore. (da Ah... l'amore l'amore, n. 3)
  • Ah... l'amore l'amore, | quanti sogni ti brucia l'amore | ah... l'amore l'amore, | quante notti non ti lascia dormire, | e ti senti più grande del mare | e ti senti ancor meno di niente. (da Ah... l'amore l'amore, n. 3)
  • Poi un giorno ti accorgi | che è finito il tempo dell'amore: | giuri che ormai | sei rimasto deluso, | che non crederai | più all'amore. | Poi una sera | uno sguardo ti dice qualcosa | e sei fuori dal mondo. (da Ah... l'amore l'amore, n. 3)
  • Ragazzo mio, | un giorno ti diranno che tuo padre | aveva per la testa grandi idee, | ma in fondo, poi... | non ha concluso niente | non devi credere, no, vogliono far di te | un uomo piccolo, una barca senza vela. (da Ragazzo mio, n. 4)
  • Ma tu non credere, no, che appena s'alza il mare | gli uomini senza idee, per primi vanno a fondo. | Ragazzo mio, un giorno i tuoi amici ti diranno | che basterà trovare un grande amore | e poi voltar le spalle a tutto il mondo. (da Ragazzo mio, n. 4)
  • No, no, non credere, no, | non metterti a sognare | lontane isole che non esistono | non devi credere, ma se vuoi amare l'amore | tu, ... non gli chiedere quello che non può dare. (da Ragazzo mio, n. 4)
  • Io lo so già | che tu vivrai | meglio di me. | Io lo so già | che tu saprai | andar lontano; | come so già che tu ridi di me, | e di chi come me | non sa | vivere bene, | e di chi come me | non fa | come fai tu, che pensi solo a te. (da Io lo so già, n. 5)
  • Ti auguro solo che non cambi mai, | perché se cambierà, per la gente come te, | non ci sarà più posto nel mondo, | non ci sarà più posto nel mondo per quelli come te.[4] (da Io lo so già, n. 5)
  • Se potessi, amore mio, | ti darei tutto quel che vedo | ma posso darti solo quel che ho io | e purtroppo non è gran cosa. | Se potessi, amore mio, | vorrei essere un grand'uomo, | saperti amare come una regina, | ma purtroppo son quel che sono. (da Se potessi amore mio, n. 6)
  • Tu non hai capito niente | di come sono io, | e di come t'amerei di più | se una volta fossi tu | a cercarmi. | Tu non hai capito niente: | stai lì ad aspettare, | devo sempre essere io il primo | a chiederti l'amore.[5] (da Tu non hai capito niente, n. 7)
  • Poi, | appena ti stringo | una mano | tra le mani, | allora | tutto cambia | e tu diventi | uguale a me, | ma | è già un'altra cosa: | non è più | la stessa cosa: | è il primo passo che | vorrei da te. (da Tu non hai capito niente[5], n. 7)
  • Tu non hai capito niente, | ma forse capirai | quando un giorno mi sarò stancato | di te che aspetti sempre, | e quel giorno ti farò aspettare | inutilmente. (da Tu non hai capito niente[5], n. 7)
  • Amore, amore, amore, amore, amore... | Su questo amore è già stato detto tutto, | eppure tutti hanno ancora da dire, | chi parlando del cuore, | chi con parole nuove. | Amore, amore, amore, amore, amore... | Ad ascoltare tutto quel che se ne dice, | sembra che intorno ci sia solo gente | che oltre al grande amore | non pensa a niente. (da La ballata dell'amore, n. 8)
  • Com'è difficile, bambina mia, | com'è difficile volerti bene, | con questa voglia che ho | di andare via, | di andarmene | per il mondo. | Com'è difficile, bambina mia, | com'è difficile veder finire | tutti i miei sogni | in un bicchier d'acqua, | senza neanche | aver visto il mare. (da Com'è difficile, n. 9)
  • Quando la sera me ne torno a casa | non ho neanche voglia di parlare | tu non guardarmi con quella tenerezza | come fossi un bambino che ritorna deluso. (da Vedrai vedrai, n. 10)
  • Si lo so che questa | non è certo la vita | che ho sognato un giorno per noi. | Vedrai, vedrai | vedrai che cambierà | forse non sarà domani | ma un bel giorno cambierà. (da Vedrai vedrai, n. 10)
  • Preferirei sapere che piangi | che mi rimproveri d'averti delusa | e non vederti sempre così dolce | accettare da me tutto quello che viene. | Mi fa disperare il pensiero di te | e di me che non so darti di più. (da Vedrai vedrai, n. 10)

Tenco[modifica]

Etichetta: RCA Italiana, serie Special, 1966.

  • Lontano, lontano nel tempo | qualche cosa | negli occhi di un altro | ti farà ripensare ai miei occhi | i miei occhi che t'amavano tanto. (da Lontano lontano, n. 1)
  • E lontano, lontano nel mondo | in un sorriso | sulle labbra di un altro | troverai quella mia timidezza | per cui tu | mi prendevi un po in giro. (da Lontano lontano, n. 1)
  • Io sono uno | che parla troppo poco, | questo è vero, | ma nel mondo c'è già tanta gente | che parla, parla, parla sempre | che pretende di farsi sentire, | e non ha niente da dire. (da Io sono uno, n. 2)
  • Io sono uno | che sorride di rado, | questo è vero, | ma in giro ce ne sono già tanti | che ridono e sorridono sempre, | però poi non ti dicono mai | cosa pensano dentro. (da Io sono uno, n. 2)
  • Io sono uno | che non nasconde le sue idee, | questo è vero, | perché non mi piacciono quelli | che vogliono andar d'accordo con tutti | e che cambiano ogni volta bandiera | per tirare a campare. (da Io sono uno, n. 2)
  • Un uomo come tanti altri | un giorno incontra l'amore, | come tanti altri... | Un amore come tanti altri, | il più bello e il più brutto del mondo, | come tanti altri.... (da Come tanti altri, n. 4)
  • Una storia che non è certo nuova, | cominciata un giorno qualunque | e che un giorno qualunque finisce. | Un addio come tanti altri, | qualcuno che ha voglia di piangere | come tanti altri.... (da Come tanti altri, n. 4)
  • Non l'avrei nemmeno raccontata, | solo che questa volta quel qualcuno | sono io, purtroppo sono io: | un uomo come tanti altri | e mi sento il più solo di tutti, | come tanti altri. (da Come tanti altri, n. 4)
  • Se sapessi come fai | a fregartene così di me | se potessi farlo anch'io | ogni volta che tu giochi col nostro addio.[6] (da Se sapessi come fai, n. 5)
  • Se sapessi come fai | a esser sempre così certa che io | dico, dico, ma alla fine | vengo sempre poi a pregarti "non andar via". | Vorrei che per un giorno solo | le parti si potessero invertire: | quel giorno ti farei soffrire | come ora soffro io. (da Se sapessi come fai, n. 5)
  • Un giorno dopo l'altro | il tempo se ne va: | le strade sempre uguali, | le stesse case. | Un giorno dopo l'altro | e tutto è come prima; | un passo dopo l'altro | la stessa vita. (da Un giorno dopo l'altro, n. 7)
  • E gli occhi intorno cercano | quell'avvenire che avevano sognato, | ma i sogni sono ancora sogni | e l'avvenire è ormai quasi passato. | Un giorno dopo l'altro | la vita se ne va: | domani sarà un giorno | uguale a ieri. (da Un giorno dopo l'altro, n. 7)

Luigi Tenco canta Tenco, De André, Jannacci, Bob Dylan[modifica]

Etichetta: Joker, 1972[7]

  • Giudice, | vorrei lasciare mia moglie. | Giudice, | vorrei andarmene via... | Perché l'hai sposata? | Perché portava in dote | terreni confinanti | con le terre che ho io. | Forse le vostre terre non confinano più? | Ma scusi... che domande sono? Ma certo che confinano | ancora. | E allora non avrai mai il permesso | di lasciare tua moglie, | di andartene via.. (da Vita familiare[8], n. 2)
  • Giudice, | vorrei lasciare mia moglie. | Giudice, | vorrei andarmene via... | Perché l'hai sposata? | Perché l'amavo troppo | e non potevo più vivere | se non vicino a lei. | Forse che ora tu non l'ami più? | No, io non l'amo più. | E allora... ma scusi... non si può così... ma insomma... il | vincolo indissolubile... non è possibile... no, non si può... | basta!.... (da Vita familiare,[8] n. 2)
  • Se lei sapesse cos'è la vita sociale | non mi starebbe a seccare | perché io la faccia passare. | Se lei sapesse essere un uomo civile | aspetterebbe il suo turno | come fa tutta l'altra gente. | Senta, ma lei non sa chi sono io: | sono il commendator tale, | parente del ministro tale. | Mi spiace, ma questo non m'importa niente, | lo dica pure al suo parente, | io non mi lascio influenzare.. (da Vita sociale,[9])
  • La vuol capire? | questa è la vita sociale: | commendatori o cavalieri, | per noi la gente è tutta uguale. | Impari un poco a essere un uomo civile, | a essere un poco più gentile | con chi fa il proprio dovere. | Senta, la prego, mi faccia passare, | se in mezz'ora non ho fatto | io sono un uomo rovinato. | Spiacente, ma non ci posso fare niente, | prima di lei c'è altra gente | che ha diritto di passare. (da Vita sociale[9], n. 4)
  • Ma senta, un'ultima cosa vorrei dire... | Ho giusto diecimila lire... | di cui non so proprio che fare. | Va bene... visto che lei insiste tanto | daremo ascolto al sentimento, | va bene, passi pure avanti. | Ma si ricordi, e almeno sia riconoscente, | che al posto mio tanta altra gente | ne avrebbe chiesto ventimila. (da Vita sociale[9], n. 4)
  • Era l'autunno e il cameriere Antonio | servendo ad un tavolo di grandi industriali | sentì decidere che per l'estate prossima | sarebbe andata di moda l'acqua blu. (da La ballata della moda, n°7)
  • Loro dicevano che bastava fare | una campagna di pubblicità, | mettere in ogni bar un po' di bottigliette | ed il successo non poteva mancare. (da La ballata della moda, n°7)
  • Antonio tra se rideva | ahahah-ahahah | diceva: "me ne infischio della moda | io bevo solo quello che mi va". (da La ballata della moda, n°7)
  • Un marinaio in mezzo al mare | con una barca ed un cannone. | È andato là per fare la sua guerra | ad un nemico | che non ha mai visto. | Con sé ha portato il ritratto di una donna | con qualche lettera, | con i suoi sogni. (da La ballata del marinaio[10], n°9)
  • Un marinaio in mezzo al mare | il suo nemico ormai è andato a fondo. | Però qualcosa è rimasto sulle onde | e lui va a vedere | cosa mai può essere. | Trova il ritratto di una donna e qualche lettera, | sogni di un uomo | andato a fondo. (da La ballata del marinaio[10], n°9)

Non incluse negli album[modifica]

  • Li vidi passare | vicino al mio campo | ero un ragazzino | stavo lì a giocare. | Erano trecento | erano giovani e forti, | andavano al fronte | col sole negli occhi. (da Li vidi passare[11], 1967)
  • Avrei dato la vita | per essere con loro | dicevano domani | domani torneremo. | Aspettai domani | per giorni e giorni | col sole nei campi | e poi con la neve. (da Li vidi passare[11], 1967)
  • Ma una sera ad un tratto | chiusi gli occhi e capii | e quella notte in sogno | io li vidi tornare. | Ciao amore ciao amore | ciao amore ciao. (da Li vidi passare[11], 1967)
  • La solita strada, bianca come il sale, | il grano da crescere, i campi da arare. | Guardare ogni giorno se piove o c'è il sole | per saper se domani si vive o si muore, | e un bel giorno dire basta e andare via. | Ciao amore, ciao. (da Ciao, amore ciao, 1967)
  • Andare via lontano a cercare un altro mondo, | dire addio al cortile, andarsene sognando. | E poi mille strade grigie come il fumo, | in un mondo di luci sentirsi nessuno. | Saltare cent'anni in un giorno solo, | dai carri dei campi agli aerei del cielo. | E non capirci niente e aver voglia di | tornare da te. (da Ciao, amore ciao, 1967)

Versioni alternative[modifica]

  • Se lei sapesse | cos'è la vita sociale | non mi starebbe a seccare | per far passare la sua pratica. | Se lei sapesse | essere un uomo civile | aspetterebbe il suo turno | come fa tutta l'altra gente. | Senta, | ma lei non sa chi sono io, | sono Pasquale Pasqualetti, | figlio del grande Pasqualetti... | Ehm ehm, mi spiace, | non so chi sia 'sto Pasqualetti, | continui pure ad aspettare | come fa tutta l'altra gente. | E poi impari | cos'è la vita sociale, | qui, Pasqualetti o Pasqualoni, | per noi tutta la gente è tutta uguale. | Impari un poco | a essere un uomo civile, | ad aspettare il proprio turno | e non a fare il prepotente. | Senta, se la mia pratica non passa, | se non son fuori per le dieci | io sono un uomo rovinato. [...] Ma senta, un'ultima cosa vorrei dire... | anzi le scriverò due righe | su queste diecimila lire... | E va bene, passi pure avanti, | queste due righe mi han convinto, | in fondo ho troppo buon cuore.[12] (Vita sociale; in Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, pp. 97-98)
  • Lui mi rispose un poco imbarazzato: | "Eh, uhm, stando così le cose, | che ne diresti di darmi un colpetto al parafango? | a te non costa niente, | io invece potrei farmi sostituire | il [...] del fanale che non funziona". | "Ogni volta che c'è da stare in coda | bisognerebbe aspettare il proprio turno | senza cercare di prendere il posto | a chi sta avanti". | Io gli dissi: "Hai ragione | ma perché allora l'altro giorno | al posteggio dei taxi | sei passato davanti a tutti?" | Lui mi rispose un pochino imbarazzato: | "Eh, uhm, non ricordo com'è andata, | comunque è probabile che avessi | molta fretta... | si fa così per dire, | parlando di pura teoria | ma non pretenderai che io restassi lì ad aspettare".. (Vita sociale; in Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, pp. 97-98)
  • C'è stato un tempo in cui andavo in giro, | tanto per fare il tipo interessante, | a dire che per me la società | è un peso che non voglio sopportare, | io che non so che farne del progresso, | che amo la vita primitiva. | Ma un mio amico dentista | dal quale ero andato | per farmi levare un dente | mi disse:"Se non ami il progresso | prova a toglierti 'sto dente | con un coltello". | C'è stato un tempo in cui andavo in giro | a fare il pensatore intellettuale, | dicevo che la vita sociale | ha giovato al progresso della scienza, | però per il progresso del pensiero | non è servita a niente. | Ma un mio amico editore | dal quale ero andato | per farmi pubblicare un libro | mi disse:"Se non ami il progresso | ogni copia del tuo libro | scrivila a mano". (Vita sociale; in Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, pp. 97-98)

Citazioni tratte da racconti inediti[modifica]

  • [...] Volevo guardare; ma i miei occhi erano sbarrati, fissi sulla strana figura che ora si dirigeva verso il bagno. Un bicchiere; una pasticca; capii. Volevo correre verso di lui, fermarlo; ma non potevo. Ero lì fermo, dovevo osservare tutta questa scena come solo spettatore. Provai ad urlare; ma la voce non venne. Giaceva lì su quel letto disfatto ansando. Un piccolo rivolo di sangue gli usciva dal naso. Forse sarei stato ancora in tempo, dovevo salvarlo, dovevo. [...].[13] (da Giaceva immobile, in Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 173)
  • [...] E Paolo, agente brillante che è poi (l'avrete capito) protagonista dell'insieme, incede brillante verso il portone. Non lo fa per se stesso, è chiaro, neppure per gli altri. Per il nemico. Che ha voluto sfidarlo. Quindi incede con impeto per impaurirlo e per fargli capire che la lotta è iniziata in campo aperto. Niente da fare per il miserando, il poveretto. Paolo immenso, l'agente Paolo ha deciso. E il nemico, all'intravedere la luce del sole invernale che entra nel portone della strada, già piange la sua sconfitta.[13] (da L'Agente Paolo, in Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 172)
  • [...] Poiché era notte, in un salone era stata aperta la porta che immetteva sul terrazzo, dimodoché qualcuno che sentisse il bisogno di un po' d'aria fresca usciva per un po' ad appoggiarsi, bicchiere nella mano, alla balaustra. Accadeva, naturalmente, che qualcuno, ragazzo o ragazza, dopo essere stato per qualche tempo in compagnia, si stufasse e volesse ritirarsi a parlare con il suo bicchiere. Ma dopo qualche tempo, anche questi solitari ritornavano, o nel gruppetto prima o di un altro, e davano il cambio a qualche altro desideroso di meditazioni. [...].[13] (da Nessuno dei partecipanti alla festa, in Enrico de Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 178)

Citazioni su Luigi Tenco[modifica]

  • [Al Festival di Sanremo del 1978] Io penso che Luigi Tenco dieci anni fa sia morto di noia perché da ventotto anni Sanremo è sempre uguale, perché non c'è la buona intenzione di cambiarlo davvero. (Rino Gaetano)

Note[modifica]

  1. Citato in Simone Coacci, Luigi Tenco. Una storia sbagliata, Ondarock.it.
  2. Una variante, una versione uscita postuma nel 1969 presenta alcuni versi leggermente differenti: «ogni dì riviveva» e, nel finale, «il mio regno ora avrei». Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 41.
  3. In una registrazione rimasta inedita, con una musica leggermente diversa e con un arrangiamento molto swing, è presente un'altra variante dell'ultimo verso: «preferire un'altra compagnia più simpatica di meCfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 56.
  4. In una variante, una versione uscita postuma nel 1982 gli ultimi due versi sono così sostituiti: «non ci sarà più nessuno a dare una mano, | non ci sarà più posto per vivere tra gli altri per quelli come te». Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 77.
  5. a b c Un foglio dattiloscritto riporta questa versione notevolmente diversa: «Tu non hai capito niente | né di me né di te, | questo amore non è amore | e non chiedermi perché. | Tu non hai capito niente | e mi parli di noi | quando in mezzo a noi c'è un vuoto | che non finisce mai. | Io cerco nei tuoi occhi | un calore che non c'è, | tu invece stai con me | per parlare delle stelle, | io voglio amarti oggi | e non dico t'amerò | e tu mi dici di no. | Tu non hai capito niente | o forse sono io | che non ho capito niente | e ho sbagliato perché | ho cercato in te qualcosa che non c'è.» Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 83.
  6. Nella versione registrata per la Rai è pubblicata in un 45 giri promozionale la parola «fregartene» è sostituita da «infischiartene». Mentre in un foglio dattiloscritto, l'espressione «col nostro addio» viene sostituita da «con il mio amore». Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 108.
  7. Pubblicazione postuma di registrazioni risalenti al periodo Saar (1964-1965). Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 237.
  8. a b Indicata da Tenco come sesta ballata, con il titolo originale Ballata della vita familiare Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 100
  9. a b c Indicata da Tenco come quinta ballata, con il titolo originale Ballata della vita sociale o del progresso Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, p. 96
  10. a b Tenco stesso indica questo brano come la prima delle "ballate" composte per il programma televisivo Le comare e pubblicate postume nel 1972. Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti
  11. a b c Prima versione di Ciao, amore ciao.
  12. Versione vicina al testo ufficiale, riscontrabile con lievi differenze sia su carta che su nastro registrato.
  13. a b c Da alcuni racconti lunghi, usciti dopo quarant'anni dai cassetti della Torre di Recco dove Tenco viveva. Cfr. Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, retro copertina.

Bibliografia[modifica]

  • Enrico De Angelis, Luigi Tenco. Io sono uno. Canzoni e racconti, Baldini&Castoldi, Milano, 2002. ISBN 88-8490-215-0

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]