Maffeo Pantaleoni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Maffeo Pantaleoni

Maffeo Pantaleoni (1857-1924), economista italiano.

  • Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. L'abilità consiste nel ridurre le spese, dando nondimeno servizi efficienti, corrispondenti all'importo delle tasse.

Della divisione del lavoro in attribuzioni maschili e femminili[modifica]

  • È un fatto comune al sorgere e al primo sviluppo di ogni grande corrente religiosa che la situazione della donna subisca una depressione.
  • Il cristianesimo, religione orientale, a misura che si diffuse, distrusse la situazione di uguaglianza nelle leggi e nei costumi, e di indipendenza di spirito e d'azione, che la donna aveva raggiunta nell'impero romano.
  • L'uguaglianza tra la donna e l'uomo scomparisce in ogni epoca in cui le esigenze belliche prendono il sopravvento.
  • Solo un certo nucleo di funzioni, che non è che parte della massa totale delle varie funzioni, è costante attribuzione dell'uno o dell'altro sesso. Intorno a questo nucleo sta un grande campo di cui i limiti subiscono continui spostamenti.
  • Ci sorprenderebbe dover riconoscere che possa esservi sul nostro globo un piccolo paradiso terrestre femminile in cui spetta alla sola donna il diritto di espellere il marito dal domicilio e quello di ritenersi tutti i beni della comunione; che possa essere obbligo del marito di cucire gli abiti della moglie; che altrove, anche in ciò che riguarda armi e attrezzi da caccia, sia consultata la donna, e via dicendo.
  • La Storia ci mostra che la inventività scientifica e tecnica, e la originalità di condotta, sono qualità proprie soltanto della mentalità maschile, fino al segno di essere addirittura ripugnanti a quella della donna. [...] Sennonché anche qui va osservato che la schiera degli iniziatori è piccola assai anche tra gli uomini, e che la vita delle masse, sieno esse maschili o femminili, è vita che scorre su via già tracciata nella roccia da pochissimi titani, e che poi è assestata e allargata dal peso delle masse che la percorrono.
  • Si è spesso insistito su di una notevole inferiorità economica della donna, che, cioè, essa non saprebbe mantenere se stessa. I cambiamenti della tecnica smentiscono quest'affermazione.
  • La ragione fondamentale per non concedere il voto politico, cioè l'elettorato attivo e passivo, alle donne, finché dura l'attuale ordinamento parlamentare, e non sarà mutato il carattere attuale dei problemi politici, e il metodo di dare loro una soluzione, è questa: che i diritti non creano le situazioni, ma, queste quelli.
  • L'istinto della maternità è forse il più forte fra tutti quelli che sono propri dell'umanità.
  • Molte donne non hanno famiglia. Continuando a operare le cause che attualmente le privano di una famiglia, un numero alquanto maggiore dell'attuale non avrà famiglia o potrà, volendo, non averla. Ciò non può che migliorare la situazione di quelle che una famiglia acconsentiranno a formare.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]