Proverbi bergamaschi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Raccolta di proverbi bergamaschi.

  • Amùr de fradèi, amùr de cortèi.[1]
Amore di fratelli, amore di coltelli.
  • A san Martì l'è vèć töt ol vi.[2]
A san Martino è vecchio ogni vino. (proverbio toscano)
  • A san Martì stópa 'l tò 'i, e a Nedàl conmensa a tastàl.[2]
A san Martino (11 nov.) stoppa il tuo vino, ed a Natale (25 dic.) comincia ad assaggiarlo.
  • Bel in fassa, bröt in piassa.[3]
Belli in fasce, brutti in piazza.
  • Fomne, pàssere e oche i è tante a' quando i è poche.[4]
Donne, passere e oche sono molte anche quando son poche.
  • L'imbreagù nó 'l sa parlà che de 'i bu.[5]
L'ubbriacone non sa parlare che di vino buono.
  • Morusa del cümü, spusa de nigü.[1]
L'amorosa di troppi non sarà mai sposa.
  • Pa, vi e sòche, e se 'l völ fiocà che 'l fiòche.[6]
Pane, vino e ceppi, e se vuol nevicare, nevichi.
  • Quando la barba la trà al bianchì, lassa la dòna e ciapa 'l vi.[7]
Quando la barba comincia a incanutire, lascia la donna e prendi il vino.
  • Vià 'l gat, bala 'l rat.[8]
Quando il gatto non è in paese, i topi ballano.
Quando il padrone è fuori, i servi fan quel che vogliono.

Note[modifica]

  1. a b Citato in Tiraboschi, Amore, pp. 22-24.
  2. a b Citato in Tiraboschi, Agricoltura, economia rurale, p. 16.
  3. Citato in Tiraboschi, Bellezza e suo contrario, fattezze del corpo, pp. 28-31.
  4. Citato in Tiraboschi, Donna, matrimonio, pp. 54-62.
  5. Citato in Tiraboschi, Affetti, passioni, voglie, p. 15.
  6. Citato in Tiraboschi, Economia domestica, p. 64.
  7. Citato in Tiraboschi, Gioventù, vecchiezza, p. 85.
  8. Citato in Tiraboschi, Diligenza, vigilanza, pp. 53-54.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]