Discussione:Proverbi bergamaschi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

"Val püsseé un andà che cént andem" - Potremmo sbagliarci, ma püsseé non è affatto bergamasco, è più milanese. Se è bergamasco, è un bergamasco parlato in località vicine a Lecco o a Milano. --213.203.144.59 14:11, 10 ott 2008 (CEST)

Senza fonte[modifica]

  • À a scuà ol mar.
Vai a spazzare il mare (andare a fare un lavoro inutile.. come scopare il mare).
  • A dientà ècc, a s'diènta s-cècc.
Diventando vecchi si diventa bambini.
  • A ülìs bé, se spènt negót.
A volersi bene, non si spende niente.
  • A la dòna fàga mancà töt ma mia i sólcc.
Alla donna puoi far mancare tutto ma non i soldi.
  • A la Mórt se s'làsa ché töt.
Alla Morte si lascia tutto.
  • A'ndà s'bèca, a stà a cà l'sèca.
(Sottinteso l'uomo) "Ad uscire si rimorchia, a stare a casa rinsecchisce".
  • Agost gh'è gnà sìra che ghè fósch.
Ad agosto arriva buio prima di sera.
  • Agost se rinfrèsca l'bósch.
Ad agosto si rinfresca il bosco.
  • Almeno ù che l' sì, disìm che gnì, che parl'a chi g'à e ù che gh'ì.
Almeno voi che lo sapete ditemi che venite, che si parla di chi ha.
  • A dés agn l'è ü s-cèt, a vint agn l'è ü paù, a trènt agn l'è ü leù, a quaranta l'è ü béstiù, a sinquanta l'è ü volpù, a sessanta l'è ü capù, a setanta l'è ü s-cetù, a otanta l'è 'n del balù.
(L'uomo) a 10 anni è un ragazzo, a 20 è un pavone, a 30 è un leone, a 40 è un bestione, a 50 è un volpone, a 60 è un cappone, a 70 è un ragazzone, a 80 è nel pallone.
  • A l' tira piö ü pél de pòta che sènt caài chi tròta.
Tira di più un pelo di figa di cento cavalli al trotto.
  • A mangià l'órss ol cül al sé rincorss.
A mangiare l'orzo (minestra tipica) il culo si accorge (fa scaricare).
  • A parlà de cül e de mèrda l'anima la se consèrva.
A scherzare di "culo e merda" si mantiene lo spirito.
  • A ó a ae e òi i ae ìe.
(Scioglilingua) Vado ad api e voglio le api vive

N.B. Le forme morfologiche e lessicali vengono adattate alla situazione. La corrispettiva versione in dialetto "standard" sarebbe: (mé) 'ndó a ae e öle i ae ìe

  • A ó a et a ent i ae ìe.
(Scioglilingua) Vado a veder vendere le api vive
  • A chèla àca là che la 'a 'nchela cà là.
(Scioglilingua) Guarda quella mucca là che va in quella casa là.
  • Aqua sànta e tèra sànta'nsema i fà ól paciüch.
Acqua santa e terra santa, insieme, fanno melma. /simile al detto l'occasione fa l'uomo ladro/.
  • Bèi e bröcc a i è depertöt, bù e gram a i è depertöt.
Belli e brutti sono ovunque, capaci e incapaci sono ovunque.
  • Boca fa sito che tàn paghe mes bicer.
Bocca stai zitta che ti pago mezzo bicchiere.
  • Caràter de la rassa bergamasca, fiama de rar, sóta la sènder brasca.
Carattere della razza bergamasca: s'infiamma raramente, sotto la cenere la brace.
  • Chi gà pùra dèl pecàt al mörr cól cül pélàt.
Chi ha paura del peccato muore col culo pelato.
  • Chi g'a n' bél nàs, g'a n' bu cass.
Chi ha un bel naso, ha un buon cazzo
  • Chi l'è stacc iscotàt öna ólta, l'ótra l' ghe bófa sura
Chi è stato scottato una volta, l'altra ci soffia sopra
  • Chi g'a mia l'antadùr i'se 'anta de per lür
Chi non ha qualcuno che lo vanti si vanta da solo
  • Chèl che g'ó al cül (té) me l' tróet
Tutto quello che ho al sedere me lo trovi
Tutto quello che ho lo sfoggio.
  • Chèl chè'l rìa tàrde al mangia i ànsaròcc.
Chi arriva tardi mangia gli avanzi. (Metaforicamente anche in amore)
  • Chèl che l'sà a l'laùra, chèl che l'sà mìa l'insègna.
Chi sà lavora, chi non sà insegna.
  • Chèle che córr a töte i campàne i è i pö putàne.
"Le donne che accorrono a tutte le campane (di chiesa) sono le più puttane."
  • ...Ciao màma che'ndò cól nóno.
...Ciao mamma che vado a vivere col nonno.
Detto di una (un) giovane che ha una relazione con un anziano.
  • Ciàpèn da chi che'l piàns e daghèi a chè'l che'l grègna.
Prendi soldi da chi si lamenta e danne a chi sorride.
  • Cort de vista, long de batista.
Corto di vista, lungo di pene.
  • Cül e sólcc i fà chèl che ghe'nà òia.
Culo e soldi fanno quello che gli pare.
  • De chèi tocàcc de Dio, tri pass in drio.
Da quelli toccati da Dio, tre passi indietro.
Dai pazzi bisogna stare lontani.
  • Del sunì a s'böta vià negótt.
Del maiale non si butta via nulla.
  • Di vinte ài trènta i và chi spaènta, di quarànta i sinquànta i và chi stànta, di sesànta i setànta i précc i cànta, di otànta'nda'nsö i se cónta gnà piö.
Dai 20 ai 30 (anni di un essere umano) quando muoiono spaventa, dai 40 ai 50 sono i più che vivono, dai 60 ai 70 sono i più che muoiono, oltre gli 80 sono pochi i vivi.
  • Dòne che la piàns e caàl che 'l süda... i è fals cume Giüda
Variante: Fónna che la piàncc e caàl che l' süda, töcc du fals cume Giüda
Donna che piange e cavallo che suda, sono falsi come Giuda.
  • Dal dedré la te tènta, dal denàcc la te spaènta.
La donna che vista da dietro ti tenta, dal davanti ti spaventa.
  • Dopo la quarantìna ü dulùr ògne matìna.
Dopo i quarant'anni un dolore ogni mattina.
  • Fà e desfà l'è sèmper laurà
Fare e disfare è sempre lavorare.
  • Fin'àl quarànta de Màss caa mia fò i stràss.
"Fino alla prima decade di giugno non levarti i vestiti."
  • Fin che ghe n'è, viva'l re.
"Detto di chi sfrutta compiacente fin quando ne trae beneficio."
  • Ghè de ìga l'invìss quando ghè ol lüìss.
Per un uomo è bene desiderare se è in grado di soddisfare.
  • Ghe n'é che mör, ma che nas... .
C'è molta gente che muore, ma c'è ne anche che nasce... .
'Gioco di parole: Detto popolare utilizzato per commentare nasi molto "importanti".
'' In questo caso "nas" (nascere) ha lo stesso suono di naso.
  • Ghe n'è piö de fò che de dét.
Ce ne sono più fuori che dentro. /Riferito a matti e delinquenti/.
  • I dòne balòse i pèla i póe sènsa fàle usà.
Le donne furbe spennano le galline senza farle urlare (circuìscono senza farsi accorgere)
  • I dòne de San Maté i gà ól denàcc po' anche'l de dré.
Le donne di S. Matteo hanno tanto seno e tanto sedere (agli uomini piacciono formose).
  • I sbaja pò i précc a dì mèsa.
Sbagliano anche i preti a dire messa
  • In d'una cà i sta bè duma tri done: Ona viva, ona morta e ona piturada in su la porta.
In una casa stanno bene solo tre donne: Una viva, una morta e una pitturata sulla porta.
  • La aca ògne inte dé, ol caàl ògne òtt dé e la fónna töch i dé.
La mucca ogni venti giorni, il cavallo ogni otto giorni e la donna tutti i giorni
  • La bóca l'è la cumudità de la zét.
La bocca è la comodità della gente
Con la bocca puoi raccontare quello che ti fa più comodo (ti avvantaggia).
  • La bóca l'è mia straca se la sènt mia de aca.
La bocca non è sazia se non sa di vacca
Non si è sazi, se non si è concluso il pasto con del formaggio.
  • La gà mia cólpa la gàta se la padrùna l'è màta.
Non ha colpe un animale (figlio) se il padrone (genitore) è matto.
  • L'esperiènsa l'è la mader de la sciènsa
L'esperienza è la madre della scienza.
  • L'è mèi ün asen vif che ü dutùr mórt.
È meglio un asino vivo che un dottore morto.
  • L'è mèi ü rat in bóca al gat, che ün òm in mà a ün aocàt.
È meglio un topo in bocca ad un gatto, che un uomo in mano ad un avvocato.
  • La crùss col pà, l'è bu portà.
La croce, con il pane, è più facile da portare.
  • La fónna che té paghet de meno l'è chèla che té paghet söbet.
La donna che ti costa meno nella vita è quella che paghi subito.
  • L'è méi 'èndela che tèndela.
È meglio venderla che darle retta.
  • L'è grant pò ol campanil ma i ghe pissa töcc adòss.
È alto anche il campanile ma ci urinano addosso tutti.
  • Murùsa stantìda, famèa falìda.
Fidanzamento lungo, famiglia fallita.
  • Mèi èndela che tróàla.
Meglio venderla che trovarla.
Detto di colei o affare che può portare guai..
  • Mèi ès ü gré de pièr che ü fic de àzen.
È meglio essere un grano di pepe che essere una fico d' asino.
  • Mèi ol vì cólt che l'acqua frègia.
Meglio il vino caldo che l'acqua fredda.
  • Mèi s-ciòpa pànsa che ròba che ànsa.
Meglio abbuffarsi che avanzare roba.
  • Maià l' maiòca, l'è a laurà che l' borbòta.
Per mangiare mangia, è a lavorare che si lamenta.
  • Mè crèt a metà de chèl che s'vèt e a negót de chèl che s'sènt
Bisogna credere a metà di quello che si vede e a niente di quello che si sente
  • Mia lǒnc chel toche, mia gros che l'istope ma dür chel düre
Non lungo che tocchi, non grosso che tappi ma duro che duri
Con riferimento alle caratteristiche del membro maschile.
  • Michèl àl pórta la merènda'n ciél.
"S. Michele porta la merenda in cielo. /Detto di chi ha una grande generosità/
  • Nedàl ü pass de gàl, Pasquèta ün urèta, Sant'Antóne ün'ura gròsa.
A Natale le giornate si allungano di un poco, a Pasquetta di quasi un'ora e a Sant'Antonio (da Padova) più di un'ora.
  • Nas che pissa 'n bóca, guai a chi la tóca.
Naso che piscia in bocca [ossia ha naso aquilino] guai a chi lo tocca [ovvero: ha un carattere irascibile.]
  • 'Ndóe a l' suna i campane gh'è bèc e pütane.
Dove suonano le campane ci sono becchi e puttane.
In tutti i paesi ci sono cornuti e prostitute.
  • Ògne ü 'ncà sò al fà chèl'chèl'ghé'nnà òia.
Ognuno, casa sua, fa quel che gli pare.
  • Oia de fà saltèm adoss, che ma sa spòste.
Voglia di fare saltami addosso, che mi sposto.
  • Ol basì l'è l' prim scalì.
Il bacino è il primo scalino.
  • Ól tròpp bo tépp a li schìsa l'oss dèl còll.
Il troppo buon tempo schiaccia l'osso del collo.
  • Ól vì bù l'è'l bastù di ècc.
Il buon vino è il bastone dei vecchi.
  • Ol Signùr l'ha perdunàt ól ladrù ma mìa spiù.
Gesù ha perdonato in croce il ladrone ma non Giuda.
  • O cagà o lasà liber al büs.
Come a dire : "Agisci o togliti di mezzo".
Quando, nei tempi passati, il watercloset era un semplice buco in cortile, la disponibilità di quest'ultimo era, evidentemente, prioritaria.
  • Per amùr o per mangià i se'ntent töcc i sàncc.
Per amore o per mangiare si capiscono tutti.
  • Per fà öna crus g'à öl du lègn, ü piö lóngh e ü piö pissèn.
Per fare una croce ci vogliono due legni, uno più lungo e uno più corto.
  • Pò ü pàl l'è bèl éstìt de cardinàl.
Anche un palo è bello vestito da cardinale.
  • Pulènta frègia, strachì che spössa l'è la baüssa di milanéss.
Polenta fredda e stracchino puzzolente ingolosiscono i milanesi.
  • Précc e frà, caàs el capel e lassai 'ndà.
Preti e frati, togliersi il cappello e lasciarli andare per la loro strada.
  • Prìma o dopo i rìa töcc söl bachetù.
Prima o poi tutti prendono una bastonata.
  • "Pòta!" a l' diss i fracc quanc i sa scòta.
"Pota!" lo dicono i frati quando si scottano.
  • Pöta de ostér, caala de malghéss, aca de urtulana, porca de mulenér, lassàghele a chi gh'i a.
Ragazza da osteria, cavalla da malghese, mucca da ortolana, porca del mugnaio, lasciarle ai loro padroni.
  • Per capí capésse, l'é a laorà che patésse.
Per capire capisco, è a lavorare che patisco.
  • Puchì al fa diertì
Piccolo fa divertire
Riferito al membro maschile.
  • Quando l'Albensa l' g'à ol capel, ol piöf o l' fà bel.
Quando l'Albenza ha il cappello, o piove o bel tempo.
  • Quando ol (Linsù) Resegù a l' gh'à sö l' capèl, mèt zó la ranza e ciapà 'n di mà ol restèl.
Quando il (Linzone) Resegone ha il cappello, lascia da parte la falce e afferra il rastrello.
  • Quando i nass i è töi bèi, quando i se spûza i è töi sciòrr, quando i mör i è töi bràe.
Quando si nasce si è tutti belli, quando ci si sposa si è tutti ricchi, quando si muore si è tutti bravi.
  • Quando i rùndene i ula bass se te sét sènsa ombrèla slonga l' pass.
Quando le rondini volano basso (rasoterra), se sei senza ombrello, accelera il passo.
  • Quando la löna la fa la curuna, ol bèl tép ol me abanduna.
Quando la luna fa la corona, il bel tempo ci abbandona.
  • Quando l'om l'è sóta tèra, la dòna la se fa bèla.
Quando l'uomo è morto, la donna si fa bella.
  • Quando'l'piöff de la montàgna s'ciàpa la sàpa e s'và'n'campagna.
Quando la pioggia arriva dalla montagna (dalle Orobie alla città di Bergamo) è passeggera.
  • Quando l' truna i lömaghe i se muntuna.
Quando tuona, le lumache si ammucchiano.
  • Quando l' canta l' gal fò de ura, se l' gh'è ciàr a l' se sniùla.
Quando il gallo canta fuori orario, se c'è sereno si rannuvola.
  • Quando l'cül al tìra la bràga l'è úra de petàga.
"Quando (la donna) indossa abiti stretti vuole essere corteggiata".
  • Quando l'acua la fà i balù, gh'à de 'ègnen amò 'n vagù.
Quando piovendo si formano bolle nelle pozzanghere pioverà ancora a lungo.
  • Quando l'sùl al tramonta la ègia la spónta.
"Quando non c'è più tempo i tiratardi cominciano a lavorare."
  • Quando l' taca a 'gnì ol pil grisì, lassa la fónna e taches al vi.
Quando inizia a diventare il pelo grigio, lascia la donna e attaccati al vino.
  • Róss de sera bèl tép se spéra, róss de matina l'acua l'è 'isina.
Rosso di sera bel tempo si spera, rosso di mattina brutto tempo si avvicina.
  • Ràsa bergamasca, sòta la sender brasca.
La razza bergamasca, arde sotto la cenere (sembra fredda da fuori, ma nasconde un grande cuore)
  • Scùa nöa, scùa bé.
Scopa nuova, scopa bene.
  • Sé ègné mia ègne gnècc, se ègne gnècc ègne gnàcc, se so mia gnècc ègne mèj, alùra l'è mèj che ègne mia gnècc.
Se non vengo mi arrabbio, se mi arrabbio non vengo, se non mi arrabbio vengo meglio, allora è meglio che non mi arrabbio.
  • Spìör de nas, nutisie en viàs.
Prurito di naso, notizie in viaggio.
  • Se té stantàet ü dé a nas, té nassìet co la cua.
Se aspettavi ancora un giorno prima di nascere, saresti nato con la coda.
Modo di dire per dare dell'asino a qualcuno
  • Se te öret giüdicà bé, mètet sèmper nei so pé
Se vuoi giudicare bene, mettiti nei suoi piedi (ovvero panni)
  • Sentài zò se'n'ciàpa piö de ràcc.
A star seduti non si prendono topi (non si conclude nulla).
  • Signùr di poarècc chel dì sciòrr i è amò'n'lècc.
Signore dei poveretti, quello dei ricchi è ancora a letto.
  • Solcc e ròba i scont bé la gòba.
Soldi e roba nascondono bene la gobba.
  • Solcc e pecàcc l'è mal giüdicà.
Su soldi e peccati si giudica male.
  • Söche e melù a la sò stagiù.
Zucche e meloni alla loro stagioni ossia c'è un tempo per ogni cosa.
  • Sich sach de sòch sèch, i è car ach a cà
Cinque sacchi di legna secca, sono cari anche a casa.
  • S'gh'à de crèd metà de chèl che s'vèd e negót de chèl che s'sènt
Bisogna credere a metà di ciò che si vede e a niente di ciò che si sente.
  • Sul aböcc aböcc acqua sòta ai öcc
Sole che va e che viene porta pioggia.
  • Súra glòria, sóta misericòrdia.
"A ricchezza ostentata si nasconde miseria."
  • Tàcé có, tàte cràpe; tàcé cüi, al döpe i ciàpe.
Tante teste, idee diverse; tanti culi, chiappe diverse.
  • Té sé compagn del Michelàss: a l' màia, a l' biv e l' va a spass.
Sei come il Michelasso (o Michelaccio): mangia, beve e va a spasso.
(Simile: Proverbi Camuni)
  • Te manca trènta a andà a trentü.
Ti manca trenta ad arrivare a trentuno.
'Dicesi di persona quasi completamente priva di cervello'.
  • Té fét la vida del bel campà: màia, a l' biv e l' fa menà.
Fai la vita del bel campare: mangiare, bere e farlo menare (masturbarsi).
'Dicesi a persone pigre'.
  • Tépp e sólcc i sistéma töt.
Tempo e soldi sistemano tutto.
  • Tri dòne in d'öna cà i va decórde quando öna comànda, ün'otra l'è mórta e la tèrsa l'è pitüràda söla pórta.
Tre donne, in una casa, vanno d'accordo quando una comanda, un'altra è morta e la terza è pitturata sulla porta.
  • Té che té Tàkèt i Tàk, tàchèm a mé i mé tàcc. Mè teccàt i tàcc a tè? taccèti tè i tò tàk, tè che te tàkèt i tàk
Te che attacchi i tacchi, attami i miei tacchi. Io attaccarti i tacchi? attaccali te i tuoi tacchi, te che attacchi i tacchió
  • Val püsseé un andà che cént andem
Vale di più un andare che cento andiamo