Serhij Plochij

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Plochij nel 2015

Serhij Mykolajovyč Plochij (1957 – vivente), docente e storico ucraino.

Citazioni di Serhij Plochij[modifica]

Da I cancelli dell’Europa. Ucraina & Russia in sei libri

Intervista di Sophie Roell sulla crisi russo-ucraina, angallo.medium.com, 22 febbraio 2022

  • L'Ucraina è importante perché è la seconda repubblica post-sovietica per grandezza. Se l'Ucraina resiste con successo, ciò mette in discussione la pretesa russa per il resto dello spazio post-sovietico.
  • L'Unione Sovietica è crollata sulla questione dell'Ucraina. I primi ad alzare la bandiera dell'indipendenza sono stati gli stati baltici, ma sono piccoli paesi e non sono slavi. Il referendum ucraino del dicembre 1991 non poneva la domanda su cosa si volesse fare con l'Unione Sovietica, il referendum riguardava solo l'Ucraina: "Vuoi che l'Ucraina sia indipendente?" Ma una volta che più del 90% degli ucraini ha risposto affermativamente, l'URSS se n'è andata entro una settimana. Le repubbliche dell’Asia centrale furono davvero espulse dall'Unione Sovietica perché la Russia non era interessata a un'unione con loro senza l'Ucraina. Questo è l'inizio della parte più recente della storia: l'Unione Sovietica è caduta sulla questione dell'Ucraina e ora, se vogliamo che ci siano efficaci sfere di influenza russe economiche, militari e di altro tipo, l'Ucraina è essenziale, come lo era nel 1991 .
  • Sì, le lingue sono diverse, ma gli ucraini si sono mobilitati al di là delle linee linguistiche. Un buon numero di soldati che combattono oggi al fronte parlano russo. La lingua russa non significa automaticamente identità russa e lealtà alla Russia.
  • All'inizio della guerra, la Russia ha violato molti trattati. Uno dei principali è stato il Budapest Memorandum, firmato nel dicembre 1994 con Stati Uniti, Regno Unito, Russia e Ucraina. C'erano anche accordi separati che sono stati firmati con il Kazakistan e con la Bielorussia. Secondo gli accordi, queste repubbliche rinunciarono agli arsenali nucleari che avevano ereditato dall'Unione Sovietica in cambio, non di garanzie, ma di “assicurazioni” da parte degli altri tre poteri della loro sovranità, dell'inviolabilità dei loro confini e così via. Nel 2014, la Russia, uno dei paesi che ha fornito tali assicurazioni e al quale l'Ucraina ha trasferito il suo arsenale nucleare, ha violato la sua integrità territoriale e ha occupato la Crimea.
  • [Sul Memorandum di Budapest] L'Ucraina è stata derubata delle sue armi nucleari. Il prezzo era sbagliato. Il prezzo avrebbe dovuto essere l'adesione alla NATO o qualcos'altro che fosse effettivamente significativo, che avrebbe salvato l'Ucraina dall'aggressione russa. Quello che è successo all'Ucraina da quando è stata disarmata ha e avrà un impatto negativo sulla storia globale della denuclearizzazione. I paesi ci penseranno due volte la prossima volta che qualcuno si presenterà proponendo di dare loro un pezzo di carta in cambio delle loro armi nucleari. È un enorme disincentivo a denuclearizzare. Questa è l'importanza globale di questa storia, al di là della semplice crisi attuale.
  • Putin attaccherà oggi o no? O forse domani? Una persona non può vivere così per quattro o cinque o sei mesi. In questo momento, in Ucraina, capisco che non c'è panico. Tutto ciò che è normalmente nei negozi, è lì. Le persone non fanno scorta di carta igienica, come abbiamo fatto noi quando è arrivato il Covid. Tutto è in abbondanza. L'unica cosa che non c'è sono armi da caccia e pistole che le persone possono comprare. Questa è l'unica cosa su cui c'è stata una corsa. È interessante il modo in cui la società reagisce. Per qualsiasi motivo, non stanno facendo scorta di nient'altro che le armi, il che significa che vogliono restare e resistere. Vogliono potersi proteggere.
  • [Su Vladimir Putin] Il suo obiettivo è rendere l'Ucraina filo-russa o smembrarla. Non ci è riuscito nel 2014. Ha afferrato parte del territorio ucraino ma ha mobilitato il resto contro la Russia. In Ucraina, il numero di persone che vogliono entrare a far parte della NATO è aumentato di tre volte. L'Ucraina è diventata più vicina all'Occidente: conducendo esercitazioni militari congiunte con la NATO e così via. È l'esatto opposto di ciò che voleva ottenere. Quindi il piano ora è tornare e minacciare il governo ucraino, creare crisi interne, accaparrarsi più territorio: in pratica, gli obiettivi sono gli stessi.

Da Le ragioni storiche dell'invasione dell'Ucraina

Intervista di Roberto Saviano sull'invasione russa dell'Ucraina del 2022, YouTube, 26 aprile 2022

  • [Sull'idea che la guerra fu scatenata in risposta all'espansione di Nato] Penso che questo sia il racconto che è stato proposto da Putin, e a cui ha creduto una grossa fetta di pubblico occidentale in generale. Sono molto scettico su questo argomento nel complesso, perché se fosse stata una vera preoccupazione per Vladimir Putin, avrebbe cercato di negoziare e non avanzare [...] il tipo di richieste che hanno fatto capire subito a tutti che non era interessato ai negoziati e stava cercando di distruggere quei negoziati. [...] Se Vladimir Putin fosse stato preoccupato per la NATO, non avrebbe attaccato l'Ucraina, perché quello che è successo oggi in termini di unità dell'Alleanza, in termini di spostamento delle nuove truppe verso il confine orientale, era facilmente prevedibile. Quindi la Russia si è trovata oggi in una posizione molto, molto peggiore in termini di una possibile minaccia della NATO rispetto a prima della guerra. E di nuovo, non serviva una sfera di cristallo per vederlo. Quindi, da quel punto di vista, non prendo affatto sul serio queste spiegazioni.
  • Il battaglione Azof non si è mai dimostrato in alcun modo e a nessun titolo parte della politica ucraina. [...] La mia più grande sorpresa come studioso, come accademico, è l'impronta davvero molto limitata del nazionalismo ucraino e del nazionalismo radicale nella politica ucraina. [...] Il Paese è guidato da un presidente di origine ebraica, l'unico presidente di origine ebraica al di fuori di Israele. E il ministro della Difesa ha origini ebraiche. Prima ci sono stati due primi ministri di origine ebraica, quindi non sembra un Paese posseduto dai nazisti da cui deve liberarsi.
  • [Sulle accuse di massacri di russofoni in Donbass e Crimea da parte del governo ucraino] Questo fa certamente parte della propaganda di Putin e della spiegazione della guerra. Il problema è che in Crimea nessuna morte e nessuna strage è mai stata registrata dalle forze ucraine, ma anche nessun tipo di persecuzione di qualsiasi gruppo di qualsiasi nazionalità in Crimea, quando ovviamente vediamo l'oppressione di massa [da parte dei russi] della popolazione [tartara]. Queste persone sono state arrestate, rapite, uccise e poi mandate nel nuovo blocco per lunghissime condanne. Quindi è tutto ben documentato. È tutto nei media. In Crimea vediamo assolutamente il contrario di ciò che è stato affermato. [...] Non ho familiarità con nessun atto, in particolare atti di intenzionale strage di massa o uccisione di una popolazione [nel Donbass]. L'unica cosa che so è che [...] c'è stato l'abbattimento del volo MH 18 della Malaysian Airlines ed è stata fatta dalle forze separatiste ed è stata fatta con l'equipaggiamento russo. Questo è un crimine ben documentato, e non punta nella direzione ucraina.
  • Il discorso su Crimea e Donbass è davvero un modo per distrarre il dibattito per metterlo in una direzione diversa o avviare un dibattito in cui non c'è spazio reale per alcun dibattito perché i fatti puntano tutti in una direzione.
  • La Russia è arrivata nel 2014 in Ucraina con questo messaggio: siamo qui per proteggere i russi e i russofoni [...] dalla presunta oppressione ucraina, [...] quando in realtà almeno la metà della nostra popolazione quotidianamente parlava russo. Era semplicemente impossibile immaginare qualsiasi tipo di discriminazione. C'erano pochissime scuole, forse una o due, ma non più di 10, ed è persino esagerato, scuole di lingua ucraina, quindi di che tipo di discriminazione o di oppressione possono parlare?
  • Quello che vedete oggi nelle parti temporaneamente occupate dell'Ucraina, nell'est e nel sud, sono le aree dell'Ucraina dove c'è la più alta percentuale di russi etnici e la lingua dominante nelle strade, specialmente nelle grandi città, è russo. Quindi, prima di tutto, queste città come Mariupol e Kharkiv, sono città di lingua russa in cui una percentuale significativa di etnia russa sono le principali vittime. [...] Guardi le città occupate, come [...] Melitopol, come Cherson, di nuovo, città di lingua russa, dove la gente sta manifestando contro i carri armati già ora, la seconda, terza settimana dopo l'occupazione, senza voler prendere parte al progetto russo che gli viene offerto. Questo dimostra l'assurdità di questa affermazione sulla liberazione dei russi o della lingua russa dall'oppressione dello stato ucraino, perché quelle persone hanno effettivamente mostrato dedizione a quello Stato, e lo dimostrano perché lo Stato è molto tollerante, perché lo Stato è stato in grado, nel corso di questi ultimi 30 anni dalla dichiarazione di indipendenza dell'Ucraina [...] di produrre una sorta di lealtà che non si basa sulla lingua, né sulla religione, né sull'etnia. È una sorta di lealtà di cui si legge nei libri di testo, in quelli di scienze politiche, e molto raramente si vede nella vita reale, quando la lealtà si basa sulla lealtà alle istituzioni e, nel caso ucraino, alle loro istituzioni democratiche. E ciò che la Russia porta, soprattutto nei territori occupati, ma nella Russia stessa, è tutt'altro che democrazia.
  • Penso che per l'Ucraina, dopo questa guerra, non ci sia via di ritorno. L'orientamento occidentale, l'orientamento verso l'Europa non solo è entrato a far parte della fede nazionale, ma è stato anche pagato col sangue.
  • Nessuno voleva prestare troppa attenzione alla Crimea. È quasi come l'annessione di Hitler dell'Austria.
  • In un modo o nell'altro, i Paesi tendono a parlare come una sola voce al tempo della guerra. E l'Ucraina ha trovato una comunicazione molto efficace nella persona di Zelensky. Si è rivelato un politico molto, molto bravo per un motivo particolare. Percepisce davvero lo stato d'animo delle persone e della società.
  • La norma nel periodo post-sovietico era che i nuovi Paesi diventassero autoritari. [...] Direi che questa è la norma per la maggior parte dei Paesi che emergono sulle rovine degli antichi imperi. Puoi guardare i Paesi dell'Europa orientale durante il periodo tra le due guerre, ancora una volta, la maggior parte di loro finisce in campo autoritario. Quindi, da questo punto di vista, la democrazia ucraina è un'eccezione. [...] In Ucraina, le élite stavano cercando di diventare sempre più élite post-sovietiche e di avere una loro fase autoritaria in Ucraina. Quindi non si discostavano da quell'idea. E ci sono stati due tentativi di introdurre una forma di autoritarismo in Ucraina. La prima è stata la Rivoluzione Arancione del 2004 e la seconda si è conclusa con la Rivoluzione della dignità del 2013 e del 2014, entrambe associate a Maidan. Questo in pratica significa che la società ucraina ha detto entrambe le volte: Ok, ora non lo voglio. Non lo accettiamo.
  • Ci sono diverse ragioni per cui l'Ucraina rimane democratica. La mia spiegazione è che, almeno in parte, questo è legato al fatto che storicamente l'Ucraina è stata costituita al di fuori delle regioni che appartengono a diversi imperi. C'è una traiettoria leggermente diversa. Ci sono regioni che differiscono culturalmente e linguisticamente e, allo stesso tempo, c'è fondamentalmente lealtà all'idea dell'Ucraina. Quindi, affinché l'Ucraina funzioni, devi dare spazio a tutte queste regioni. E non c'è mai stato autoritarismo e il centralismo non ha mai avuto fortuna in Ucraina.
  • Putin ha creato tutta la teoria secondo cui i russi e gli ucraini sono lo stesso popolo. E lui ci crede. Quindi, se la guardi da quella prospettiva, se parte del tuo stesso popolo diventa democratico, rimane democratico e ha successo, allora cosa significa per la legittimità del tuo regime autoritario? Se la tua legittimità si basa sull'idea che okay, la Russia non è governabile in altro modo, i russi hanno una storia diversa dall'Europa e così via, questo rovina e presenta una grave minaccia.
  • Maidan è il successo della democrazia ucraina che ha presentato e presenta a Putin una grande sfida, che è molto più grave di qualsiasi cosa la NATO potrebbe mai inventare.

Altri progetti[modifica]