Shadowhunters - Città di ossa

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Shadowhunters - Città di ossa

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Mortal Instruments: City of Bones

Lingua originale inglese
Paese Germania, Stati Uniti d'America
Anno 2013
Genere fantastico, azione, avventura
Regia Harald Zwart
Soggetto Cassandra Clare (romanzo)
Sceneggiatura I. Marlene King, Jessica Postigo
Produttore Don Carmody
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Shadowhunters - Città di ossa, film del 2013 con Lily Collins, regia di Harald Zwart.

Frasi[modifica]

  • Narra la leggenda che i crociati evocarono un angelo. L'angelo Raziel. Raziel versò il suo sangue in una coppa e chi ne bevve diventò metà angelo e metà umano. Cacciatore di demoni. E lo divennero i suoi figli e i figli dei suoi figli. Creature dall'immenso potere in grado di ristabilire l'equilibrio e di proteggere il mondo in una guerra contro il male. Una guerra che non potrà mai essere vinta ma che dovrà sempre essere combattuta. (Hodge Starkweather)
  • Quando compii 9 anni mio padre mi regalò un falcone e mi disse di renderlo obbediente. Avrei dovuto tenerlo incappucciato ma non ce la facevo proprio, anzi, lo toccavo e accarezzavo, finché non si fidò di me. Perfettamente addomesticato. Lo portai da mio padre aspettandomi che fosse orgoglioso del risultato. Lui disse: "Ti avevo detto di renderlo obbediente ma tu gli hai insegnato ad amarti. Non l'hai addomesticato, l'hai rovinato." Lo prese e gli spezzò il collo. Piansi tutta la notte e poi non piansi mai più. (Jace Wayland)

Dialoghi[modifica]

  • Simon: Clary, fammi capire... tua madre è scomparsa, e te ne vai in giro con questo metallaro fallito biondo ossigenato? Dove hai rimediato questo tizio?
    Clary: È stato lui a trovare me.
  • Clary: È il momento in cui ti strappi la camicia per fasciarmi le ferite?
    Jace: Se volevi che mi spogliassi bastava chiederlo.
  • Simon: Non dovremmo chiamare la polizia? lntendo quella vera.
    Jace: Ottima idea, perché non ci abbiamo pensato negli ultimi mille anni?
  • Hodge: I Nascosti comprendono più o meno tutti: vampiri, lupi mannari, stregoni...
    Clary: Stregoni! Forte! E come li uccidete gli zombie?
    Hodge: Non li uccidiamo.
    Clary: Certo, sono già morti.
    Hodge: No, non esistono.
  • Clary: Vestirmi da puttana mi farà ritrovare mia madre?
    Isabelle: Vacci piano, quelli sono i miei vestiti. Non è bellissima, Alec?
    Alec: Come una che dovrebbe lasciare il suo numero nei cessi pubblici.
  • Magnus Bane: L'intera vita di tua madre: la fuga, il nascondersi, le bugie, erano per tenerti al sicuro.
    Clary: Mi ha mai detto qualcosa di vero?
    Magnus Bane: C'è una mappa del tesoro dentro la tua testa. Trova la Coppa e ti condurrà da tua madre.
  • Clary: Avete un accordo con la Chiesa?
    Jace: I demoni esistono in tutto il mondo nelle forme più svariate. I Cacciatori non aderiscono a nessuna religione in particolare e ogni religione ci assiste nella battaglia. Saremmo potuti entrare in una sinagoga o un tempio scintoista. Sotto l'altare di ogni chiesa troverai questo [un baule pieno di armi]
  • Isabelle: Cos'ha di speciale?
    Jace: È coraggiosa.
    Isabelle: Noi Cacciatori lo siamo tutti.
    Jace: A noi l'hanno insegnato, lei è diversa.
    Isabelle: Ci farà uccidere tutti.
  • Simon: So che io ho bisogno di te più di quanto tu ne abbia di me.
    Clary: Non è vero.
    Simon: lnvece sì, ma non mi è mai importato.
    Clary: Ho sempre avuto soltanto mia madre, Luke e te. Non pensare mai che non sei importante per me.
  • Clary: Piano con quel pianoforte! Lo suoni come se avessi perso il tuo unico amore.
    Jace: Purtroppo il mio unico vero amore rimane me stesso.
  • Clary: Suonavi con molta passione.
    Jace: È questo il problema. Ci metto troppa emozione. Andrebbe suonato solo riproducendo le note senza interpretazione.
    Clary: La musica è fatta proprio per trasmettere emozione.
    Jace: I demoni reagiscono a certe frequenze, quando due note si incontrano. Li fa impazzire. Fu Bach a scoprirlo e a creare una partitura usando una progressione matematica di combinazioni tonali, che ci consente di smascherare i demoni.
    Clary: Bach era un Cacciatore di demoni?
    Jace: Sì.
    Clary: Bach è per i demoni quello che l'aglio è per i vampiri?
    Jace: In un certo senso, però l'aglio può finire, la musica no.
  • Jace: Quello è un Portale. Un fenomeno naturale, come il Triangolo delle Bermuda. L'lstituto gli fu costruito intorno. Per alcuni è stato il primo edificio costruito a New York. Le dimensioni non sono solo linee rette, ci sono curve, pieghe e angoli. È difficile da spiegare, ma il Portale può condurti ovunque tu desideri in questa dimensione. Infrangi la barriera e raggiungerai i luoghi dei tuoi pensieri più profondi.
    Clary: Questo significa, mia madre!
    Jace: Aspetta! Passiamo tutta la vita ad allenarci per usarlo, a visualizzare dove ci porterà prima di oltrepassarlo, e questo richiede un'incredibile concentrazione. Se lo oltrepassi senza l'allenamento adeguato puoi finire nel Limbo, persa nella tua mente per sempre.
  • Jace: Vai, corrigli dietro, chiedigli scusa. Ripetigli quanto è importante per te!
    Clary: Smettila di fare così!
    Jace: Così come?
    Clary: Come se niente possa ferirti!
  • Valentine: Con questa Coppa la nostra stirpe verrà purificata. Salverò la razza.
    Clary: Forse non conosci molto bene la storia mondana ma ti assicuro che quando si inizia a parlare di preservare la razza non va mai bene.
  • Clary: Ho attraversato il Portale per fuggire da Valentine. Pensavo che avrei raggiunto mia madre e sono finita nell'ultimo posto in cui vorrei trovarmi.
    Luke: Il Portale ti ha fatto arrivare qui perché stavi pensando a me. Nel profondo, sai che puoi fidarti.
  • Clary: Se vuoi, tieni pure la testa fuori dal finestrino.
    Luke: Sono un lupo mannaro mica un golden retriever!
  • Clary: Non so più come guardare il mondo. Non vedo le strade, i semafori, le macchine. Vedo demoni e angeli. È tutto diverso.
    Jace: Il mondo è lo stesso. Sei tu che sei diversa.

Altri progetti[modifica]