Tennessee Williams

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Tennessee Williams

Thomas Lanier Williams, meglio noto come Tennessee Williams (1911 – 1983), drammaturgo e scrittore statunitense.

Citazioni di Tennessee Williams[modifica]

  • [A proposito di Montgomery Clift] Ero incantato dalla sua bellezza femminile. Monty era la più adorabile delle persone al mondo, era considerato il miglior giovane attore americano. [...] Fui ipnotizzato dai suoi occhi. Erano come quelli di un uccellino ferito.[1]
  • Nella memoria tutto sembra accadere con musica.
In memory everything seems to happen to music.[2]
  • Ogni cosa avrebbe potuto essere qualsiasi altra ed avrebbe avuto lo stesso significato.
[...] anything might have been anything else and had as much meaning to it.[3]

Tutti i racconti[modifica]

  • Dio poteva anche essere, a ripensarci, un abitante di questa città misteriosamente guasta, le cui case grigio brune erano come pelli secche di locuste. Dio era, come Lucio, un uomo solo e sbigottito, Che avvertiva che c'era qualcosa di sbagliato ma non poteva porci rimedio, un uomo Che sentiva il sonnambulo e maldestro incedere del tempo e l'ostilità della sorte e avrebbe voluto nascondersi lontano da queste cose in luoghi pieni di luce e di calore. (da La maledizione[4])
  • Il desiderio è qualcosa che viene a occupare uno spazio più grande di quello che il singolo individuo può concedergli. (da Il desiderio e il massaggiatore negro[4])
  • Le parole sono una rete per catturare la bellezza! (da Il campo dei bambini azzurri[4])
  • La bellezza fisica, fra tutte le qualità umane, è quella usata e sprecata con maggior prodigalità; come se chiunque l'abbia creata la disprezzasse, giacché tanto spesso è fatta soltanto per essere disonorata dolorosamente e per gradi, e trascinata in catene per le vie. (da Tre giocatori di un gioco estivo[5])

Note[modifica]

  1. Citato in Michelangelo Capua, Montgomery Clift, vincitore e vinto, Lindau Editore, 2009. ISBN 9788871808086
  2. (EN) Da The Glass Menagerie (Lo zoo di vetro), scena I.
  3. (EN) Da The malediction; in One Arm and Other Stories, New Directions Publishing, 1967, p. 39. ISBN 0811202232
  4. a b c Traduzione di Giuliana Beltrami Gadola.
  5. Traduzione di Nora Finzi.

Bibliografia[modifica]

  • Tennessee Williams, Tutti i racconti (One Arm and Other Stories e Hard Candy. A Book of Stories), traduzione di Giuliana Beltrami Gadola e Nora Finzi, Giulio Einaudi editore, Torino, 1966.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]