Thomas Browne

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Thomas Browne

Sir Thomas Browne (1605 – 1682), scrittore britannico.

Citazioni di Thomas Browne[modifica]

  • Il mondo io lo considero un ospedale, non una locanda; un posto per morire, non per viverci. (da Religio Medici[1])
Perché il mondo io non lo considero come un ostello, ma un ospedale; non un posto per vivere ma per morire.[2]
  • Quale canzone cantassero le sirene, o quale nome assumesse Achille quando si nascose tra le donne, per quanto problemi sconcertanti, non sono al di là di ogni congettura. (da Hydriotaphia[3])
  • Se tra i comuni oggetti d'odio ve n'ha uno che io disprezzo e derido, questo è il grande nemico della Ragione, della Virtù e della Religione, la Moltitudine: quel mostro numeroso che, esaminato nelle sue parti, sembra composto di uomini e di ragionevoli creature di Dio; ma, insieme confuso, non forma altro che una gran bestia, e una mostruosità più prodigiosa dell'Idra. Non si va contro la carità chiamando stolti costoro [...] E sotto il nome di Moltitudine io non comprendo solo il popolino: vi è una marmaglia anche tra i nobili. (da Religio Medici, parte II, sez. 1[4])

Citazioni su Thomas Browne[modifica]

  • [Su Dante Alighieri e Thomas Browne] [...] entrambi erano singolarmente privi di quel che noi moderni chiamiamo il senso del humour, quello spirito folletto, sublimità del terra a terra, che sembra appartenere agli ingegni minori. (Mario Praz)

Note[modifica]

  1. Citato in Fruttero & Lucentini, Íncipit, Mondadori, 1993.
  2. Citato in Focus n. 73, p. 166.
  3. Citato in E. A. PoeI Delitti della Rue Morgue.
  4. Citato in Mario Praz, L'investigatore Thomas Browne, La Cultura, ottobre 1929.

Altri progetti[modifica]