White Collar (quinta stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: White Collar.

White Collar, quinta stagione.

Episodio 1, Le monete d'oro[modifica]

  • Neal: Moz è grandioso! Ma come convinciamo Peter a fuggire di prigione?
    Mozzie: Perché dobbiamo convincerlo?
    Neal: Vuoi portarlo fuori a spalla?
    Mozzie: Sfortunatamente non ho il fisico adatto!
  • Diana: Ehi capo!
    Peter: Diana! [Vedendola con il pancione] Ma guardati io...quanto tempo sono stato via?
    Diana: No, non così tanto. L'ho tenuto nascosto più che ho potuto!
    Peter: Spero non per colpa di qualcuno.
    Diana: No, per carità. Volevo tenerlo nascosto più a lungo possibile, ma alla fine non avevo più abiti per nascondere questo ometto!
    Peter: Ometto?
    Diana: Già, è un maschio!
    Peter: Ah, be' io...non vorrei essere indelicato, ma...
    Diana: Non è di Neal!
    Peter: No, non intendevo...
    Diana: Sto scherzando! L'ho fatto in clinica. Suo padre è uno chef con un quoziente di intelligenza superlativo!
    Peter: Bene. E sua madre il miglior agente con cui io abbia mai lavorato! Buona combinazione.
  • Elizabeth: Che cosa guardi?
    Peter: Neal Caffrey...che sta immobile.
    Elizabeth: Può succedere?
    Peter: È successo anche ieri per quattro ore di fila.
    Elizabeth: Mh, al centro della stanza. Be', magari stava meditando...o cambiando una lampadina complicata!
    Peter: Lampadina complicata...la mia domanda è se Neal fosse davvero lì, tanto per cominciare.
    Elizabeth: Eludere il segnale della cavigliera non è impossibile?
    Peter: L'impossibile è una delle specialità di Neal Caffrey!

Episodio 2, Lo scambio[modifica]

  • Jonson: Diana?
    Diana: Sì, numeri di carte di credito rubate, passaporti confiscati, opere d'arte sparite!
    Neal: [Interrompendo Diana] Che cos'è? Un lori lento?
    Diana: Caffrey? Hai notato la mia pancia?
    Neal: Scommetto che è un trabocchetto!
    Diana: Sono incinta di otto mesi, non mangio e non dormo bene. Non sono dell'umore!
    Neal: Ridurrò le interruzioni al minino. D'accordo.
  • Peter: Hai qualche ragione per cui dovrei seguirti?
    Neal: A parte il motivo per cui mi segui da quasi 10 anni?
    Peter: A parte quello!
  • Peter: Quindi ti piace.
    Neal: Sì, purché le cose tra noi restino...
    Peter: Normali?
    Neal: Sì!
    Peter: Ho un titolo diverso ma sono sempre il vecchio me stesso!
    Neal: Anche io!
    Peter: E allora faccio bene a seguirti!
  • Mozzie: Strappare i denti a un morto e sostituirli con i miei? Nella remota possibilità che ci sia un paradiso, questa cosa mi farà bandire!
    Neal: Credo che il paradiso ce lo siamo giocato tanto tempo fa!
  • Mozzie: Signora FBI! Senti, questo non è quello che sembra!
    Diana: Sembra che tu sia Teddy Winters!
    Mozzie: E se lo fossi?
    Diana: Io dovrei arrestarti!
    Mozzie: Allora non lo sono!

Episodio 3, L'ultimo caso[modifica]

  • Neal: La fascia di prezzo?
    Siegel: Non ho limiti!
    Neal: A New York li hai a meno che tu non sia molto ricco! ...sei molto ricco?
    Siegel: Ho spiazzato Neal Caffrey, ho fatto qualcosa di nuovo!
  • Neal: Sei ricco come un Hilton? Un Trump? Hai uno yacht personale?
    Siegel: Non in ufficio Caffrey. Qui non deve saperlo nessuno, ok?
    Neal: Hai confidato un segreto a un truffatore, vuoi vivere nel pericolo agente Siegel!
  • Siegel: Il nome è Stephanie.
    Neal: La tua ex moglie?
    Siegel: Il mio yacht.
    Neal: Lo sapevo!
  • [Peter scende dall'auto]
    Neal: Ma come, una Lincoln? Dov'è la limousine!
    Peter: Come va l'agente Siegel?
    Neal: Controlla la mia cavigliera un paio di volte l'ora!
    Peter: Fa bene! È il suo compito, mi dispiace.
    Neal: Vado a prendere i caffè nei bar davanti alle banche e ai musei!
    Peter: Lo stai torturando!
    Neal: A te come va?
    Peter: Ho un palco d'onore allo Yankee Stadium per la partita di domani. Elizabeth, io e il mio gessato preferito!
    Neal: E un mucchio di politici.
    Peter: Oh, li lascio a Elizabeth, ci pensa lei. Se li rigira come vuole. Guardarli mi diverte più della partita!
    Neal: È bello vedere che ti godi i frutti del tuo lavoro.
    Peter: Grazie ma questo è niente...c'è qualcosa di meglio!
    Neal: Che cosa, farai il primo lancio?
    Peter: Di più!
    Neal: L'accesso ai tunnel segreti del governo senza traffico e con molti parcheggi!
    Peter: Devi smetterla di dar retta a Mozzie!
    Neal: Eh, lui dice che esistono!
  • Mozzie: E potrò cancellare un nome dalla lista dei miei nemici!
    Neal: Per la maggior parte della gente questa è una metafora, non una lista vera...
  • Jonson: Ah, Peter dovresti firmare degli altri documenti.
    Peter: Se continuo così mi verrà il tunnel carpale! Ma come faceva Hughes a firmare tutta questa roba?
    Jonson: Aveva un timbro con la firma sopra!
    Peter: Con Caffrey in giro sarebbe troppo pericoloso!
  • Jonson: Da quant'è che non controlli la cavigliera?
    Peter: ...oh...
    Jonson: Peter?
    Peter: Da 10 minuti! È a casa, forse a dipingere qualcosa che non dovrebbe!
  • Ah, pergamena al forno! È come la faceva mia madre! (Mozzie)
  • Siegel: Ora siamo seduti davanti a un museo aspettando che qualcuno rubi un dipinto. Non dirmi che non ti fa impazzire!
    Neal: Era molto più emozionante quando ero io quello che rubava!

Episodio 4, Senza controllo[modifica]

  • Mozzie: Be', il grande fratello ha bruciato tutte le mie risorse e non ho più una casa né denaro e la cosa peggiore è che l'ufficio federale è riuscito a confinarti in questo impenetrabile recinto!
    Neal: È il mio appartamento!
    Mozzie: Una cella decisamente spaziosa!
    Neal: E tu sei il mio compagno di cella?
    Mozzie: Potrei definirmi una specie di detenuto...
  • Peter: Noi dobbiamo rimetterci al lavoro!
    Neal: Noi? Oh, Peter grazie, ma non devi farlo per me!
    Peter: Io sono il capo, prendo io le decisioni qui e ho deciso che ci dedicheremo attivamente alle indagini ed è ciò che faremo!
    Neal: Da dove incominciamo?
    Peter: Truffa e contabili!
    Neal: Possiamo ricominciare?
    Peter: Chi decide non sei tu, sono io!
    Neal: Come primo caso non sembra granché!
    Peter: Questo lo è! Guarda qui...
    Neal: [Fa finta di addormentarsi] Mi ero addormentato!
  • Peter: La faccenda si fa molto strana, non mi piace.
    Jonson: Davvero? Quel tizio entra nei nostri uffici e ci prega di arrestarlo. Credevo che la cosa ti entusiasmasse!
    Peter: Non mi entusiasmo mai.
    Jonson: Tutti si entusiasmano per qualcosa!
    Peter: Tu per cosa?
    Jonson: Per i reality show! Li guarderei sempre!
  • Peter: Tecnicamente dovrei avere un mandato per controllare quel computer!
    Neal: Per fortuna al tuo consulente non serve!
  • Dr.ssa Summers: Il mio lavoro con i criminali riabilitati è pro bono ma ora non ho proprio il tempo di occuparmi di nuovi pazienti.
    Neal: Non le sto chiedendo di lavorare gratis!
    Dr.ssa Summers: Costo molto.
    Neal: Nessun problema! Peter potresti riassumere alla dottoressa il mio curriculum?
    Peter: Riassumere? Allora, Neal è stato condannato per falsificazione di titoli, è stato implicato in quasi cinquanta crimini di contraffazione di opere d'arte, poi c'è il fatto che risulta sospettato in diverse inchieste federali di alto profilo.
    Dr.ssa Summers: Per cosa esattamente?
    Peter: Ne scelga una!
    Neal: Morale della favola: i soldi non sono mai stati un problema per me!
    Peter: Non ho sentito!
  • Peter: Due criminali, stessa psichiatra.
    Neal: Io credo che pensi più a se stessa che ai suoi pazienti.
    Peter: È possibile che abbia spinto un paziente a derubare un altro paziente ma è il modo che non mi convince. Non puoi inculcare l'idea di commettere una rapina nella testa di qualcuno senza che se ne accorga!
    Neal: Peter, non è così strano. Pensa a un numero da 1 a 10.
    Peter: No, ti odio quando fai così!
    Neal: Pensa a un numero. 2, 3, 4, 5, uno qualsiasi! Fatto?
    Peter: Sì, pronto.
    Neal: Ora ripetilo nella tua mente, 7, 7, 7 per esempio.
    Peter: Lo so cosa stai facendo, non è 7 Neal.
    Neal: No...è 9!
    Peter: D'accordo, dimmi come hai fatto!
    Neal: Quando ti ho elencato i possibili numeri da scegliere l'ultimo era dispari e tu hai scelto un numero dispari.
    Peter: E poi?
    Neal: Ti ho indotto a eliminare alcune opzioni dicendo 2, 3, 4, 5 a voce alta.
    Peter: Perciò restavano solo 1 e 9!
    Neal: E nessuno sceglie l'1 perché è troppo ovvio! Il 9 è più difficile perciò l'hai scelto.
    Peter: Molto bene, ok. Ma perché mi dici questo.
    Neal: In meno di 20 secondi ti ho fatto scegliere il numero che volevo. Ora pensa a Griffitt e alla Summers, con molto più tempo lei avrebbe potuto fargli fare tutto ciò che voleva. Quell'uomo è innocente!
  • Dr.ssa Summers: Lavoro.
    Neal: Imprigionato.
    Dr.ssa Summers: Gelosia.
    Neal: Debolezza.
    Dr.ssa Summers: Denaro.
    Neal: Sostegno.
    Dr.ssa Summers: Donne.
    Neal: Speranza.
    Dr.ssa Summers: Peter.
    Neal: Onestà
    Dr.ssa Summers: Furto.
    Neal: Abilità.
    Dr.ssa Summers: Beccato!
    Neal: Ops! Ne ha capito qualcosa?
    Dr.ssa Summers: È presto per una diagnosi.
    Neal: Ma...si è fatta un'idea.
    Dr.ssa Summers: Le sue risposte sono uniche nel complesso.
    Neal: Le assicuro che so gestirmi dottoressa!
    Dr.ssa Summers: Il comportamento è sociopatico.
    Neal: Prego?
    Dr.ssa Summers: Lei lavora sulla percezione degli altri, su come pensa che si sentano. Questo influenza le sue azioni e i suoi pensieri più di quanto facciano le su emozioni. L'inganno e la manipolazione sono le caratteristiche principali della sociopatia, lei eccelle in entrambi.
    Neal: L'inganno e la manipolazione sussistono in tutti quelli che mentono e tutti quanti mentiamo, inclusa lei dottoressa.
    Dr.ssa Summers: Forse, ma non tutti credono nelle proprie bugie.
    Neal: Perché dovrei illudere me stesso?
    Dr.ssa Summers: Perché non vuole che nessuno veda le sue debolezze.
    Neal: Non le sembro uno sicuro di sé?
    Dr.ssa Summers: Chi è sicuro di sé ammette i propri difetti, lei no, al contrario sorride molto.

Episodio 5, Master plan[modifica]

  • Peter: Almeno spiegaci come hai fatto a sfilargli i gemelli mentre ingurgito questa roba!
    Neal: ...PDA.
    Elizabeth: Pubblica dimostrazione d'affetto?
    Neal: Posso usare la tua giacca?
    Elizabeth: Certo!
    Peter: Mh...non sono sicuro che mi piaccia!
    Neal: [Prende la giacca e una grappetta] Attacca questa alla manica sinistra.
    Elizabeth: Secondo me non funzionerà.
    Neal: Sì, invece! Ti sfilerò una cosa dal polso. Guarda.
    Peter: Ah, io sto guardando è!
    Neal: Manipolare la prossimità. [Facendo finta di togliere qualcosa dalla spalla si Elizabeth] Tecnica diversiva... [Guardandola negli occhi] controllo dell'attenzione.
    Peter: Prossimità, diversivo, attenzione...PDA!
    Elizabeth: [Facendo vedere a Neal che la grappetta era ancora lì] C'è ancora!
    Neal: [Gli mostra l'orologio] Dall'altro polso. Ti ho detto anche quello che avrei rubato!
    Elizabeth: L'orologio da polso! Hai un bel tocco!
  • [Mozzie è vestito da apicoltore]
    Vai a una festa in maschera? (Neal)
  • Neal: Moz!
    Mozzie: Oh! Per una volta non sono l'unico a ronzare in casa tua.
    Neal: È un po' forte per un solo alveare!
    Mozzie: Si da il caso che ne abbia prese tre. Janet il secco è stato beccato, perciò sua moglie ha chiesto aiuto.
    Neal: Quindi oltre a fare il maggiordomo e a prendermi cura di Peter, ora sono anche il guardiano di api orfane!
  • Mozzie: È un tonico con 18 amminoacidi contenuti in un anti microbico pieno di flavonoidi a base di miele che ti libererà dai sintomi e anche ti rafforzerà, ti...tirerà su il morale e aumenterà la...tua performance. Mi ringrazierai più tardi! [Peter ha un rigurgito che trattiene] O forse no!
    Neal: No!
    Peter: Dovrei bere questa roba?
    Mozzie: Una adesso, la seconda fra due ore e la terza entro quattro ore dalla prima.
    Peter: Sono un pazzo solo per averlo considerato!
    Neal: Difficilmente starai peggio!
    Peter: Spero proprio di no.
    Neal: Devo andare da i Wolkott, stammi bene Peter!
    Mozzie: Io resto qui a osservare!
    Peter: Osservare cosa? Che può succedere?
    Mozzie: Be', nei primi 15 minuti...adesso vediamo.

Episodio 6, La stella del pattinaggio[modifica]

  • Neal: Vuoi prendere tu il comando questa volta?
    Mozzie: No, sei tu il frontman! Io mi accontento di essere il chitarrista!
    Neal: Be', lo era anche John Lennon!
    Mozzie: Ti ringrazio per l'esempio.

Episodio 7, Un tuffo nel passato[modifica]

  • Neal: Che c'è?
    Mozzie: Tu, gli affari e le donne! La trinità blasfema!
    Neal: Rebecca sta solo collaborando al caso del codice.
    Mozzie: Ah, questa non sarebbe la prima volta. Kate, Alex, Sara, adesso Rebecca...questo va ben oltre il caso del codice!
    Neal: Sei diventato un esperto d'amore?
    Mozzie: Uno che amò non saviamente ma troppo bene.
    Neal: ...Otello.
    Mozzie: Già e la fine è tristemente nota!
  • Occupatene con Jones, mi fido di voi due..be', almeno in parte! (Peter) [A Neal]
  • Neal: Salve!
    Jill: Neal Caffrey!
    Neal: Noi ci conosciamo?
    Jill: Jill Stone. Ho passato tutta la notte a leggere i vostri casi, non riuscivo a smettere!
    Neal: I migliori non fanno dormire.
    Jill: Mh-mh, per non parlare dei peggiori!
  • [Guardando verso l'ufficio di Peter]
    Jones: Mh, stiamo notando la stessa cosa?
    Neal: Peter Burke a disagio.
    Jones: Non è da lui questo atteggiamento. Sai che lei è dell'FBI?
    Neal: Non è il classico agente in doppio petto. Di sicuro non lo indossa mai, guarda che atteggiamento diretto, aperto! Senza alcuna paura.
    Jones: È una donna molto sicura di sé, vero?
    Neal: [Vedendo che Jill tocca il braccio di Peter] Oh, non è la prima volta che lo tocca così!
    Jones: Ah-ah...
    Neal: Hanno un passato!
    Jones: Guarda gli occhi, non smette di fissarlo.
    Neal: Vuole capire se lui prova qualcosa... [Vedendo che Peter tocca Jill] cavolo!
    Jones: Che c'è?
    Neal: Ci ha fatto sesso!
    Jones: Peter?
    Neal: Non di recente!
    Jones: So che Peter ha avuto una relazione importante con una collega quando era a Quantico. Lei è entrata nel GSS.
    Neal: È la CIA dell'FBI?
    Jones: Sono poliziotti davvero tosti!
    Neal: Ecco perché è sicura di sé! È una ex di Peter...non c'è dubbio!
  • Peter: Jill è soltanto un'agente dell'FBI che mi ha chiesto aiuto. Tutto qua! Fine della storia.
    Neal: Non guardi mai Jones in quel modo!
  • Peter: Che vino è questo?
    Elizabeth: Ah, quello che ci ha regalato Mozzie che avevi paura di aprire.
    Peter: Ce l'ho ancora!
  • Elizabeth: Cosa ne pensi di questa Jill?
    Neal: Servono studi approfonditi...
    Elizabeth: Per me si sente sola.
    Neal: Vive in una Chevrolet dell'86, dubito che organizzi molte feste.
    Elizabeth: Non si è mai sposata. Peter potrebbe essere l'ultimo uomo che ha amato.
    Neal: Vent'anni senza amare nessun altro non sono pochi...
    Elizabeth: Chi si innamora di Peter non lo dimentica più. Quel sentimento non potrà mai svanire...è impossibile.
    Neal: Davvero? Parliamo dello stesso Peter Burke?
    Elizabeth: Tu non ne hai idea.

Episodio 8, Scavando a fondo[modifica]

  • Peter: Be', per il momento abbiamo una cassa rubata che richiede la nostra attenzione. Sequestrata dalla dogana canadese questa mattina a una compagnia di trasporti fittizia. L'autista è scappato, sembra svanito nel nulla.
    Neal: Dev'essere una merce molto interessante per averti fatto uscire dall'ufficio.
    Peter: Ne approfitto per sgranchirmi un po' le gambe!
    Neal: Non mi dire, sono diamanti della miniera di Diavik nei territori del nord-ovest!
    Peter: O è solo sciroppo d'acero!
    Neal: Scherza pure, ma un furto di sciroppo d'acero fruttò 20 milioni di dollari...ma servirebbe una cassa più grande!
    Peter: E un sacco di pancakes! Agente speciale Burke, proceda.
    Neal: Sembra Natale!
    Peter: Non è un regalo, è merce rubata! Lo so che per te è difficile capirlo!
  • Peter: [Esaltato] Diamo la caccia a un T-rex! Se avessi 7 anni impazzirei!
    Neal: Anche adesso non mi sembri tranquillo!
    Peter: Non vedo l'ora di vedere quando si ricongiungerà al suo uovo!
    Neal: Mozzie tempo fa creava fossili e li sotterrava in qualche scavo!
    Peter: Tempo fa?
    Neal: Un paio di mesi fa...
  • Neal: Pensi che abbia davvero uno scheletro nell'armadio?
    Peter: Non so cosa nasconda là dentro ma c'era un grosso spazio vuoto proprio sotto il teschio del raptor.
    Neal: Be', ha avuto il tempo per spostare quello che c'era...quindi sarà qualcosa di illegale.
    Peter: Per questo ci metti tanto ad aprirmi la porta quando busso?
    Neal: Credi che io nasconda qualcosa sotto il mio letto?
    Peter: Credo che tu nasconda qualcosa.
  • Peter: Holt è partito. Jones ha controllato le sue carte di credito, ha comprato un biglietto aereo.
    Neal: La sola ragione per cui acquisterei un biglietto a mio nome con la mia carta è perché voglio far credere che ho lasciato il paese.
    Peter: La compagnia ha confermato la sua presenza.
    Neal: La presenza di qualcuno con un biglietto a nome Holt! Ricordi quando credevi fossi a Monaco?
    Peter: Non dirmi che ho fatto perlustrare tutta la città per niente!
    Neal: Comprai un biglietto di prima classe a mio nome e feci il check in. Una volta al gate cercai qualcuno che viaggiasse da solo con bagaglio a mano.
    Peter: Se qualcuno imbarca un bagaglio e non sale sull'aereo, l'aereo non decolla!
    Neal: Gli cedetti il biglietto e lui lo prese perché nessuno sano di mente che deve fare cinque mila chilometri direbbe di no a un posto in prima classe!
    Peter: Senza sospettare un secondo fine?
    Neal: Non tutti sono sospettosi come te, Peter!
    Peter: Questo perché per anni ho avuto a che fare con in tuoi comportamenti sospetti!
  • Peter: Forza. Mostriamo a Forsyth come l'FBI gestisce la selezione naturale!
    Neal: Te l'eri preparata?
    Peter: Mentre venivamo!
  • Neal: Non è poi così tardi per te per diventare paleontologo.
    Peter: Certe cose è meglio godersele da lontano!
    Neal: Ah, come il furto di preziosi!
    Peter: I tuoi hobby sono tutti illegali?
    Neal: Gioco a scacchi!
    Peter: Tu baravi a scacchi, a Union Square!

Episodio 9, Il compromesso[modifica]

  • Neal: Peter...è una moneta d'oro gallese.
    Peter: Sì e penso che sia una di quelle rubate attraverso l'agenzia di viaggi.
    Neal: Sono pronto a scommetterci! Da dove proviene?
    Peter: Da un banco dei pegni. Un tizio voleva venderla.
    Neal: Sai come si chiama?
    Peter: Pazienza...
    Neal: È un po' strano come nome!
    Peter: La pazienza è tutto! I criminali fanno sempre degli sbagli...e gli si ritorcono contro come saprai.
  • Rebecca: Direi missione compiuta!
    Mozzie: Te lo lascio dire solo se ci attraversa un gatto nero e ne usciamo incolumi!

Episodio 10, Il giorno del giudizio[modifica]

  • Mozzie: Un uomo saggio non rinuncia mai al suo guadagno mentendo, senza un vero motivo.
    Hegen: Grazie, mi reputi saggio!
    Mozzie: In realtà mi riferivo a Neal. Quando sarà finita te la farà pagare e non sarà tanto piacevole!

Episodio 11, Colpo al cuore[modifica]

  • Come disse Oscar Wilde: il volto di una donna è la sua opera di fantasia! (Mozzie)
  • Jones: Ha un fascicolo intero sulla vita di Neal. Neanche noi abbiamo un file così dettagliato!
    Peter: Di quello fa una copia in più!
  • Neal: Hai visto che ha fatto?
    Jones Ha finto di non conoscere Hegen.
    Neal: Ha finto di essere angosciata perché mi sospettate di omicidio.
    Jones: A me sembra davvero angosciata.
    Neal: Infatti lo è...ma non certo per me. È impossibile non avere reazioni a notizie imprevedibili come questa. Un truffatore scaltro usa le reazioni a proprio vantaggio. Tu giochi a poker?
    Jones: Ehm, ogni tanto organizzo un venerdì sera a casa mia. Non sarai mai invitato! Non ti offendere è!
  • Mozzie: Non vuoi rinunciare al diamante?
    Neal: Guarda l'aspetto positivo: ora non dovremo dividerlo in tre!
    Mozzie: Sicuro di volerlo davvero?
    Neal: Non c'è ragione di aspettare! Peter sta andando a Washington e Rebecca è dietro le sbarre.
    Mozzie: Quando la mia barista preferita si trasferì ci misi di più a riprendermi.
    Neal: Con un tesoro che vale milioni di dollari ti saresti ripreso molto prima!
    Mozzie: Non posso darti torto!

Episodio 12, Frode telematica[modifica]

  • Peter: Tieniti pronta ad entrare in azione con Dybeck...e vacci con Neal!
    Diana: Ho già avuto un figlio, due sono troppi per me!
    Neal: Sei tornata da poco ma è tutto come prima!
    Peter: Fate i bravi voi due, fate i bravi!
  • Diana: Complimenti per essere sopravvissuto a questa brutta storia.
    Neal: Oh, grazie per non avermi chiesto come sto!
    Diana: Due cose abbiamo in comune: detestiamo quella domanda...
    Neal: E sappiamo cavarcela da soli! Ascolta, come tuo informatore...
    Diana: Non sei il mio informatore!
    Neal: Sei il mio supervisore.
    Diana: Ah, che sensazione sgradevole!

Episodio 13, Lo scambio[modifica]

  • Neal: Che hai fatto al braccio?
    Mozzie: Mi fa male da quando mi sono risvegliato... [Guardandosi il braccio] è il segno di una puntura!
    Neal: Forse ti ha iniettato qualcosa!
    Mozzie: Magari del tiopental sodico!
    Peter: Il siero della verità?
    Mozzie: Ora potrei essere sotto la sua influenza!
    Peter: Hai infranto qualche legge di recente?
    Mozzie: Assolutamente nessuna!
    Peter: Non era il siero della verità!
  • Mozzie: La morte non è nulla ma vivere sconfitti e privi di gloria è come morire ogni giorno!
    Neal: Napoleone?
    Mozzie: Un uomo incrollabile. Non si fermerebbe davanti a niente pur di trovare il gemello del diamante Hope e neanche noi lo faremo!
  • Neal: Dovremmo portarlo subito all'ospedale, anche con la forza se sarà necessario!
    Peter: Ha detto di sentirsi bene!
    Neal: Mozzie è voluto venire è vero, ha insistito ma io non riesco a considerarlo come una risorsa.
    Peter: Una risorsa? Lo starei usando?
    Neal: Credo che faresti di tutto per arrestare Rebecca!
    Mozzie: 33!
    Peter: Che cosa significa?
    Mozzie: 33 gradini! La scala a chiocciola Peter!
    Neal: Ti sei accorto di come lo hai chiamato?
    Mozzie: Mr. FBI?
    Peter: È molto peggio di quanto credessi!
  • Neal: Ok, ok, sta calmo!
    Mozzie: Stare calmo? Tra poche ore dovrò dare a San Pietro un ventino per attraversare il cancello, la calma non è contemplata!
  • Peter: Hai il kit da scassinatore?
    Neal: È ovvio!
  • Peter: Ti ho visto liberarti dalle manette in meno di un minuto!
    Neal: Certo, quando ce le ho ai polsi! Quando me le mettono mi affido a un vecchio trucchetto.
    Peter: Pompi le vene e i muscoli dei polsi e delle mani così quando li rilassi si rimpiccioliscono e puoi sfilarti le manette!
    Neal: Ti ho dato troppe informazioni sul mio mondo!
    Peter: Ero convinto che volessi lasciarlo.
    Neal: Be', non attaccato a una cavigliera!
  • Neal: Allora che c'è? Avrò un nuovo capo? Chi è il fortunato?
    Peter: Nessuno.
    Neal: Mh...di sicuro non sarai tu. Hai l'aria di uno in partenza!
    Peter: Ho chiamato Bruce a Washington...l'ho informato sulla tua cattura di Rebecca Low. Gli ho detto che ti sei meritato la libertà.
    Neal: Peter io...
    Peter: Lui è d'accordo. Parlerà col direttore dell'FBI per rapidizzare la pratica! Una volta firmata, per il rilascio basterà una telefonata al procuratore generale.
    Neal: Quando?
    Peter: Penso che ci vorranno un paio di giorni! Ma...c'è una condizione.
    Neal: Quale?
    Peter: Dovrai venire a trovarci a Washington e di frequente!
    Neal: Giuro che sarò l'invitato che non se ne vuole mai andare!
    Peter: E se non manterrai la promessa...se saprò che hai rubato anche solo un cappero, lascerò la mia ordinata scrivania e ti darò la caccia!
    Neal: Come ai vecchi tempi!
    Peter: Con lo stesso risultato! [Stringe la mano a Neal e poi si abbracciano]
  • Mozzie: Neal, se non sei un criminale...che cosa sei?
    Neal: È quello che ho voglia di scoprire. Sono passati cinque anni da quando andai a Parigi... Bangkok, Istanbul, senza questa cavigliera potremo andarci!
    Mozzie: D'accordo e mentre saremo lì, se vedremo una balena le lanceremo un arpione! La balena non è un pesce quindi la metafora è accettabile. Monet ha dipinto anche quando era troppo cieco per trovare il cavalletto, Mick Jagger continuerà a cantare finché non morirà sul palco, tu devi continuare a fare quello che ti riesce meglio!
    Neal: Una delle molte differenze tra me e Mick Jagger è che io rischio la prigione se non cambio quello che faccio!

Altri progetti[modifica]