Wilhelm Furtwängler

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Wilhelm Furtwängler in un francobollo tedesco

Wilhelm Furtwängler (1886 – 1954), direttore d'orchestra tedesco.

Citazioni di Wilhelm Furtwängler[modifica]

  • Dirigo ciò che sta dietro le note.[1]
  • Fra tutti coloro che si sono pubblicamente espressi, il primo e, per lungo tempo, il solo che abbia penetrato Beethoven, è stato Richard Wagner. I discorsi, gli scritti, le esecuzioni dedicate a Beethoven costituiscono una parte della sua vita. E se anche alcune sue parole ci suonano qua e là retoriche, dobbiamo pensare alla necessità, in cui si trovava Wagner, di comunicare il suo sapere a un'epoca indifferente e poco propensa alla comprensione. (da Considerazioni sulla musica di Beethoven, in Suono e Parola, Fògola, Torino, 1977[1])
  • Rimarrà per sempre a Wagner il merito di aver mostrato per primo, con le sue parole e più ancora con le sue esecuzioni e impegnando tutta la sua appassionata personalità, che cosa è veramente Beethoven. (da Considerazioni sulla musica di Beethoven, in Suono e Parola, Fògola, Torino, 1977[1] )

Citazioni su Wilhelm Furtwängler[modifica]

  • Furtwängler conferma, nel modo più ampio, l'asserzione wagneriana che una costante modificazione del tempo, trasforma un pezzo di musica da segni impressi sulla pagina stampata in quello che realmente è: un processo vivente di generazione e di crescita. (Francesco Gallia)
  • Quanto a Furtwängler, ricordo un buffo incidente occorso durante una prova del baccanale (versione di Parigi) del Tannhäuser [Richard Wagner], da lui diretto. Avevo già cominciato a provare le evoluzioni coreografiche – alquanto osées, per l'anno 1935 – quando all'improvviso Furtwängler salì sul palcoscenico e sedette su uno sgabello, la partitura posata sulle ginocchia, nel bel mezzo della scena.
    «Dottor Furtwängler, lei non può starsene qua! Si porti al proscenio, per favore! Ho bisogno di tutto lo spazio possibile per il baccanale!»
    «Ma è proprio per questo che sono venuto a sedermi qui!»
    Credevo che scherzasse, invece non si mosse. E la risposta mi lasciò perplessa. (Margarita Wallmann)
  • [Rivolgendosi a Margarita Wallmann]. Ricordi il giorno in cui ho detto a Furtwängler che dirigeva la Nona Sinfonia [Ludwig van Beethoven] molto, troppo lentamente? E lui mi ha risposto: Forse è Toscanini che la dirige troppo in fretta? (Arturo Toscanini)

Note[modifica]

  1. a b c citato in Francesco Gallia, Introduzione a Richard Wagner, Del dirigere (Über das Dirigieren), Edizioni Studio Tesi, Pordenone ,1989. ISBN 88-7692-218-0.

Altri progetti[modifica]