William Ewart Gladstone

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
William Gladstone nel 1861

William Ewart Gladstone (1809 – 1898), uomo di stato britannico.

Citazioni di William Ewart Gladstone[modifica]

  • II governo borbonico rappresenta l'incessante, deliberata violazione di ogni diritto; l'assoluta persecuzione delle virtù congiunta all'intelligenza, fatta in guisa da colpire intere classi di cittadini, la perfetta prostituzione della magistratura, come udii spessissimo volte ripetere; la negazione di Dio, la sovversione d'ogni idea morale e sociale eretta a sistema di governo.[1]
Questa è la negazione di Dio elevata a sistema di governo.[2]
This is the negation of God erected into a system of Government.
  • L'egoismo è la maggior maledizione della razza umana.[3]
  • Non potete combattere il futuro. Il tempo è dalla nostra parte.
You cannot fight against the future. Time is on our side.[4]

Citazioni su William Ewart Gladstone[modifica]

  • Il Gladstone si mantenne [...] sempre seguace dell'insegnamento ch'egli diceva di aver avuto da Peel, che cioè il principio giusto e sano in finanza è di essere larghi nella previsione della spesa, prudenti nel calcolo delle entrate, di far in modo che ogni esercizio finanziario paghi le sue proprie spese e di aver cura che queste non sorpassino il reddito dello Stato. (Riccardo Dalla Volta)
  • La grande e più duratura opera che il Gladstone compì fu questa, per usare le parole del Buxton, ch'egli trovò la entrata e le imposte del paese ancora fondate sostanzialmente sul vecchio sistema caotico, con i suoi dazi vessatori restrittivi e dannosi e ch'egli lo lasciò libero da tutti i dazi protettivi, differenziali e speciali, con un sistema di imposte semplici, riunite su pochi oggetti e prelevate soltanto per scopi finanziari. (Riccardo Dalla Volta)

Note[modifica]

  1. Citato in Carlo Alianello, La conquista del sud, Rusconi Editore.
  2. Citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 145.
  3. Da un discorso ad Hawarden, 28 maggio 1890; citato in Fernando Palazzi, Silvio Spaventa Filippi, Il libro dei mille savi, Hoepli, Milano, 2022, n. 2373. ISBN 978-88-203-3911-1
  4. Citato in Elizabeth Knowles, The Oxford Dictionary of Quotations, Oxford University Press, 2004.

Altri progetti[modifica]