Adorazione

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sull'adorare e sull'adorazione.

  • Chiunque adori una divinità diversa dall'Immensità, pensando 'Essa è uno, io sono un altro', non sa. È come un capo di bestiame per gli dèi. (Bṛhadāraṇyaka Upaniṣad)
  • Colui che ama la natura è il vero adoratore di Dio.
    Colui che adora Dio e disprezza il suo simile, adora invano. (Inayat Khan)
  • Corpo e anima, o saranno due mani giunte in eterna adorazione, o due polsi ammanettati per una cattività eterna. (Charles Péguy)
  • Dobbiamo porre più attenzione al mistero e alla bellezza dell'adorazione cattolica, di una visione sacramentale del mondo che ci porta a riconoscere e a valorizzare la bellezza della creazione come presagio dei cieli nuovi e della terra nuova. (William Joseph Levada)
  • L'adorazione nasce dall'ammirazione. (Maurice Zundel)
  • L'adorazione non si fa con i fiori, ecc. La vera adorazione è un saldo pensiero rivolto al grande etere indifferenziato, un dissolversi intensamente in esso. (Vijñānabhairava Tantra)
  • L'offerta di tutte le cose alla coscienza, in identità con essa, tale, dicono le scritture, la vera adorazione; il cogitare che essa è così piena di tutte le cose, tale la contemplazione; colui che tale cogitazione riesce a renderla incrollabile, e così pensa, in unione con un discorso interiore, costui conosce la vera recitazione; colui che delle cose offerte alla coscienza dissolve ogni differenziazione e gliele presenta fatte tutte di fiamma, ecco chi celebra la vera oblazione; colui che così facendo vede come tutte le cose sono uguali l'una all'altra, ed acquista di tale uguaglianza un'incrollabile certezza, costui osserva il vero voto. (Abhinavagupta)
  • Ma colui che percepisce se stesso come Dio e il cui discorrere mentale è spontaneamente scomparso, chi mai potrebbe adorare? (Lalla)
  • Prima di ogni attività e di ogni mutamento del mondo deve esserci l'adorazione. Solo essa ci rende veramente liberi; essa soltanto ci dà i criteri per il nostro agire. (Papa Benedetto XVI)
  • Non pensare sia ozio il molto indugiare in adorazione davanti a Dio, essa [è] l'umiliazione del corpo e dell'intelligenza ... e una grande prontezza alla carità di Dio. (Isacco di Ninive)

Altri progetti[modifica]