Francis Marion Crawford

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Francis Marion Crawford

Francis Marion Crawford (1854 – 1909), scrittore statunitense.

La strega di Praga[modifica]

Incipit[modifica]

Una grande moltitudine affollava la chiesa; assiepata dietro i vecchi banchi neri, in piedi lungo la navata e i corridoi laterali, addossata spalla a spalla anche nelle due cappelle laterali all'abside, un enorme massa di uomini pallidi e donne dagli occhi, esti, sui cui volti era scritta la storia di una nazione.
I fusti possenti delle colonne della costruzione gotica, come tronchi giganteschi di una foresta vergine, si stagliavano sulla macchia ombrosa, dispiegando i loro rami di pietra, molto in alto, nell'oscurità. Dalle finestre che si aprivano sulla navata, una luce incerta calava a mezz'aria e sembrava galeggiare sul buio sottostante, come olio sull'acqua di un pozzo. Sul lato volto a occidente si ergeva maestoso un organo sgraziato dalle canne annerite, appesantito da polverose decorazioni dorate di grandezza spropositata, simile ad un'enorme corona reale dimenticata in un deposito dell'universo, ossidata e coperta di polvere.

Citazioni[modifica]

  • C'è qualcosa nei volti di quelli che sono veramente vecchi che non fa pensare all'età, ma alla vaga possibilità di una rinascita. Solo le mani raccontano la loro storia, con le giunture grosse, scarnite e levigate, le scure cavità e le innaturali unghie giallastre. (p. 63)

Incipit di alcune opere[modifica]

Cristina[modifica]

Al tramonto avevamo cenato sull'ampia terrazza dell'antica torre, poiché lì faceva più fresco durante il gran caldo dell'estate. Inoltre, una piccola cucina era stata ricavata su un angolo della grande piattaforma quadrata, e questo rappresentava una grande comodità, piuttosto che andare su e giù coi piatti lungo quei ripidi gradini di pietra, scheggiati e consumati dovunque dal tempo.

Il fantasma della bambola[modifica]

Fu un terribile incidente, e per un attimo l'ottima organizzazione di Cranston House s'interruppe e calò un profondo silenzio. Il maggiordomo apparve dalla stanza isolata nella quale stava trascorrendo il suo periodo di riposo, e due camerieri spuntarono contemporaneamente da opposte direzioni. C'erano tutti i domestici sullo scalone, e quelli che ricordavano gli avvenimenti con maggior esattezza asserirono che la signora Pringler si trovava proprio sul pianerottolo. La signora Pringler era la governante. Per quanto riguarda la bambinaia, l'aiuto-bambinaia e una terza cameriera addetta alla nursery, i loro sentimenti non possono essere descritti.

Bibliografia[modifica]

  • Francis Marion Crawford, Cristina, traduzione di Gianni Pilo e Sebastiano Fusco, in "Storie di vampiri", a cura di Gianni Pilo e Sebastiano Fusco, Newton & Compton 1994. ISBN 8879834177
  • Francis Marion Crawford, Il fantasma della bambola, traduzione di Mida, in "Storie di fantasmi", a cura di Gianni Pilo e Sebastiano Fusco, Newton & Compton, 1995.
  • Francis Marion Crawford, La strega di Praga (The Wictch of Prague), traduzione di Daniela Daniele, Edizioni Studio Tesi, Pordenone 1987.

Altri progetti[modifica]