Professione: reporter

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Professione: reporter

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Professione: reporter

Paese Italia, Francia, Spagna
Anno 1975
Genere drammatico
Regia Michelangelo Antonioni
Sceneggiatura Michelangelo Antonioni, Mark Peploe, Peter Wollen
Produttore Carlo Ponti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

Professione: reporter, film italo-franco-spagnolo del 1975 con Jack Nicholson e Maria Schneider, regia di Michelangelo Antonioni.

Tagline
Tutti i giorni sparisce qualcuno. Ogni volta che uno esce da una stanza.

Frasi[modifica]

  • Sono scappato da tutto. Da mia moglie. Dalla mia casa. Da un figlio adottato. Da un lavoro di successo. Da tutto eccetto le cattive abitudini di cui non riesco a liberarmi. (David Locke)

Dialoghi[modifica]

  • La ragazza: Tutti i giorni sparisce qualcuno.
    David Locke: Ogni volta che uno esce da una stanza.
  • David Robertson: E adesso cosa vedi?
    La ragazza: Un uomo che si gratta la spalla. Un bambino che tira dei sassi... e polvere. C'è molta polvere qui. Non è strano come succedono le cose? Come le costruiamo? Sarebbe terribile essere ciechi.
    David Robertson: Io conoscevo un uomo che era cieco. Quando arrivò all'età di 40 anni si fece fare un'operazione e riacquistò la vista.
    La ragazza: E cos'ha provato?
    David Robertson: All'inizio era... felice... incantato... facce, colori, paesaggi. Ma poi tutto cominciò a cambiare. Il mondo era molto più brutto di come se l'era immaginato. Nessuno gli aveva mai detto quanto sporco fosse. Quanta miseria. Vedeva squallore dappertutto. Quando era cieco attraversava la strada da solo con un bastone. Dopo aver riacquistato la vista, lo prese la paura. Cominciò a vivere nell'oscurità. Non usciva più di casa. Dopo tre anni si tolse la vita. Ma tu che cazzo ci fai qui con me.

Citazioni su Professione: reporter[modifica]

  • È un'opera di grande dimensione artistica, collocabile nella sala principale del museo immaginario del cinema degli anni '70. Naturalmente il mercato del cinema che guarda soltanto alla cassetta senza pregiudiziali artistiche, ha finito per dare Oscar, Palme e Oneri Vari ad opere mastodontiche e spettacolari, ma per lo spettatore intelligente sarà facile selezionare il grano dal loglio. (Franco Nebbia)
  • [Professione: reporter] In tutto il film si respira un'aria di morte imminente, come in un giallo, e in fin dei conti è un giallo di inusitata fattura. Si sente il gravame di tanta letteratura che spazia da Rimbaud (fuga in Africa e fuga dall'Africa) a Moravia, a Sartre, a Camus a Pirandello. (Franco Nebbia)

Altri progetti[modifica]