Proverbi bonifacini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
il paese di Bonifacio in Corsica

Questa voce contiene una selezione di proverbi in ligure bonifacino cioè di Bonifacio (Corsica).


Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • A san Bastian, i giurni allunghiun di ün ura é di ün bàiu di can
A san Sebastiano, i giorni si allungano di un'ora e di un abbaio di un cane
  • A colira da séra, lascira pè a métina.
La collera della sera, lasciala per la mattina
  • A vurpi perdi u pélu, ma u vizziu mai
La volpe perde il pelo ma non il vizio

B[modifica]

  • Bunifazziu é piccinin, quandu i cosi nun si sanu a séra, si sannu a métina
Bonifacio è piccolo, le cose che non si sanno la sera, si sanno la mattina
Le cose a Bonifacio si sanno subito

C[modifica]

  • Chi agnilu si fà, a vurpi si ru manggia
Quello che si fa agnello, la volpe se lo mangia
  • Chi si méscia d'affari altrui, di tré malani ghi ni tuca duvi
Chi si impiccia negli affari altrui, di tre disgrazie giene toccan due.
  • Chi piscia ciaru, nun n'a bisogniu di migu
Chi piscia chiaro, non ha bisogno di medicine

D[modifica]

  • Da crovi nun ghi sciorti cardarini
Dai corvi non escono canarini
  • D'ogniün gh'à i sè guai
Ognuno ha i suoi guai

E[modifica]

  • E largu in dè u brénu é strétu in dè a farina
Prodigo in cose di scarso valore come la crusca, avaro in cose sostanziose come la farina.

I[modifica]

  • I guai di a piniata, ri cunusci a trula, chè ri riméscia
I guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che rimescola

L[modifica]

  • Lati é vin chioji goufin
Il latte e il vino non si bevono assieme
  • L'ogilu in dé a caggia, sè nun canta d'amù, canta di raggia
L'uccello nella gabbia, se non canta per amore, canta per rabbia

N[modifica]

  • Né di mazu, né di mazun nun cacciati u tè pinizzun
Che sia maggio o maggio inoltrato, non mettere via la maglia pesante
  • Nun stuzzicà, u can chè dormi
Non stuzzicare il cane che dorme

O[modifica]

  • O cativu marinà, tütti i véinti ghi dannu noia
Al cattivo marinaio, tutti i venti gli vengono contro
  • O mési d'agustu, buggi u mà, é bugi u mustu
Nel mese di agosto, il mare ribolle come fa il mosto


P[modifica]

  • Passaiu a Madonétta, adiu a zuvinéta
Passata [il faro della] la Madonnina, addio ragazzina
  • Pésca é pésca, üna cara paga a lésca
A forza di pescare, ti viene a costare tanto l'esca
  • Piscaù di a cana, piggia pésci é nun guadagnia; a fin di a séttimana stripa léinza é rumpi a cana
Il pescatore con la canna, piglia pesci ma non ci guadagna; alla fine della settimana strappa la lenza e spacca la canna

Q[modifica]

  • Quélu chè si loda, si abroda
Quello che si vanta, si umilia
  • Quélu chè fà a süpa ra manggia
Quello che si fa la zuppa se la mangia
Ognuno pensa prima a se stesso
  • Quandu niviriggia a trinità, lascia a zappa é scapa in casa
Quando nevica il giorno della Trinità, lascia la zappa e scappa in casa

U[modifica]

  • U diaviru ri fa a fà, é u signiùn ri fà a scrovi
Il diavolo fa le malefatte e il Signore le fa scoprire
  • U povéru meschin quandu gh'à u pan, nun gh'à vin
Il povero meschino quando ha il pane, non ha il vino
  • U tropu, stropia
Il troppo, stroppia

Voci correlate[modifica]