Proverbi greci

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Α,α [alpha (pronuncia: alfa)][modifica]

  • Ἀγροίκου μὴ καταφρονεῖ ῥήτορος.
Non disprezzare il rozzo parlatore
(Zenobio, Corpus paroemiographorum, 1,15)
  • Ἂκουστε τις λέξεις που προσέρχονται ἀπὸ τὴν καρδία.
Ascolta le parole che provengono dal cuore
(Luciano di Samosata, Iuppiter tragoedus, 19)
  • Ἃμας απήτουν, οἱ δ'ἀπηρνούντο σκάφας.
Chiedevano secchi e rifiutavano vasche
(Plutarco, De garrulitate, 512e)
  • Αυτό δε τό σιγάν ομολογούντος εστί σου.
Proprio il tuo silenzio dimostra che sei d'accordo
(Euripide, Ifigenia in Aulide, 1142)

Γ,γ [gamma][modifica]

  • Γνώμαι πλέον κρατούσιν ή σθένος χερών
I retti ragionamenti fanno più presa delle robuste mani.
(frammento di Sofocle 939 Radt)

Δ,δ [delta][modifica]

  • Δίς καί τρίς τό καλόν
Due o tre volte le cose belle
(Platone, Filebo, 59ce; Leggi, 6,754c, 12,956e)

Ε,ε [epsilon][modifica]

  • Εκ γάρ τόυ περισσέυματος τής καρδίας τό στόμα λαλέι
La bocca parla per l'abbondanza del cuore
(Vangelo secondo Matteo, 12,34 e Vangelo secondo Luca 6,45)
  • Ελλυχνίων όζειν τά ενθυμήματα
Quei ragionamenti puzzano di stoppini
(Plutarco, Vita di Demostene, 8,4)
  • Εν υγρώ εστιν η γλώττα
La lingua sta nell'umido
(Teofrasto, Caratteri, 7,9, [il chiacchierone])

Η,η [eta][modifica]

  • Η γάρ σιωπή τοίς σοφοίσιν απόκρισις
Il silenzio per i saggi è una risposta.
(Euripide, frammento 977 N)

Κ,κ [cappa][modifica]

Λ,λ [lambda][modifica]

  • Λέγειν τά λεγόμενα
Riferire cose che mi hanno raccontato
(Erodoto, Storie, 7,152,3)

Μ,μ [mu (pronuncia: mi)][modifica]

Ξ,ξ [csi][modifica]

  • Ξύλον αγκύλον οδέποτ' ορθόν
Un legno storto non sarà mai dritto
(Galeno, 8,656)

Ο,ο [omicron][modifica]

  • Ο δέ ψευδής λόγος γίνεται παρά τό πρώτον ψέυδος
Il discorso falso trae le mosse da una falsa premessa
(Aristotele, Analitica priora, 66a, 16)
  • Ο μέν λόγος θαυμαστός, ο δέ λέγων άπιστος
Da una parte il discorso è seducente, ma chi parla è inattendibile
(Plutarco, Regem et imperatorum apophthegmata, 192b)
  • Ονείρατά μοι λέγεις
Mi racconti sogni
(Luciano, Dialoghi dei morti, 25,2)
  • Οπερ έδει δείξαι
Come volevasi dimostrare
Euclide, lo scriveva a chiosa delle dimostrazioni dei teoremi; più noto a noi come Quod erat demonstrandum
  • Ου λέγειν τυγ'εσσί δεινός, αλλά σιγάν αδύνατος
Tu non sei abile a parlare, ma incapace di tacere
(Epicarmo, frammento 272 Kaibel)
  • Οὐ χρὴ λέοντος σκύμνον ἑν πόλει τρέφειν
Non bisogna allevare in città un cucciolo di leone[1]
(Aristofane, Rane, 1431a)
  • Ουδ' άν τρί' ειπείν ρηματ' οιός τ' εν
Non ero capace di dire neppure tre parole
(Aristofane, Nuvole, 1402)
  • Ουκ αντιλέγοντα δέι τόν αντιλέγοντα πάυειν, αλλά διδάσκειν; ουδέ γάρ τόν μαινόμενον αντιμαινόμενός τις ιάται
Non si deve far smettere chi contraddice contraddicendolo, ma convincendolo: neppure il pazzo infatti è curato da chi diventa a sua volta pazzo
(Antistene, frammento 65D)
  • Oὐκοῦν εἰς αὔριοντὰ σπουδαῖα
Rimando a domani le cose importanti (in latino in crastinum differo res severas)
(Archia)
  • Οὐκοῦν ἐροῦμεν ὅτι νῦν ἦλθ' ἐπὶ στόμα;
Non diremo forse ciò che ora ci è venuto alla bocca?
(Platone, Repubblica 8,563c)
  • Ούτε γής ούτε ουρανού άπτεται
Non riguarda né il cielo, né la terra
(paremiografi, App. Prov. 4,47)

Τ,τ [tau][modifica]

  • Τό σιγάν πολλάκις εστί σοφώτατον ανθρώπω νοήσαι
Spesso per l'uomo il tacere è il più saggio dei pensieri
(Pindaro, Nemea, V, 18)
  • Τόν ήττω λόγον κρείττω ποιέιν
Trasformare l'argomentazione più debole nella più forte
(Protagora)
  • Τόπων μεταβολαί ούτε φρόνησιν διδάσκουσιν, ούτε αφροσύνην αφαιρούνται
Cambiare luogo non fa diventare assennati, né toglie la stupidità
(Biante, 1,229,9)

Φ,φ [phi (pronuncia: fi)][modifica]

  • Φησίν σιωπών
Parla tacendo
(Euripide, Oreste, 1592)
Simile all'italiano: Chi tace acconsente
  • Φιλήκοον έιναι μάλλον ή πολύλαλον
Meglio ascoltare che parlare molto
(massima di Cleobulo, riportata da Diogene Laerzio)

Ψ,ψ (psi)[modifica]

Note[modifica]

  1. Citato in Christian Stocchi, Dizionario della favola antica, BUR, Milano, 2012, p. 261.

Voci correlate[modifica]