Ágnes Heller

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Ágnes Heller

Ágnes Heller (1929 – vivente), filosofa ungherese.

Citazioni di Viktor Orbán[modifica]

  • Sessant'anni fa, il 23 ottobre 1956, l'Ungheria intera, compresi moltissimi comunisti, si ribellò unita contro la dittatura. Oggi manca quel coraggio.[1]
  • Orbán parla sempre due linguaggi, uno a uso interno e uno per il resto del mondo: fuori dall'Ungheria loda Angela Merkel, a casa spara a zero contro di lei. E cerca di far dimenticare a tutti che l'Ungheria oggi anti-migranti allora fu un Paese di migranti: dopo l'invasione russa fuggirono a centinaia di migliaia, trovarono solidarietà e salvezza.[1]
  • Io constato semplicemente che la Fidesz, il partito del premier, non solo pensa di essere lo Stato, ma se ne è appropriato, e nonostante la bassa partecipazione elettorale al referendum sulle quote di migranti esulta per un 98 per cento di sì ottenuti, percentuale che ricorda quelle cupe dittature.[1]
  • Le rivoluzioni vincono – se i regimi non perdono guerre – solo quando la voglia di libertà contagia anche il potere.[1]

Note[modifica]

  1. a b c d Dall'intervista Andrea Tarquini Agnes Heller: "La mia Ungheria ha perso il coraggio che ebbe 60 anni fa", Repubblica.it, 23 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica]