Cante jondo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Citazioni sul cante jondo.

  • Io meditavo assorto, dipanando | i fili della noia e la tristezza, | e mi giunse all'orecchio | dalla finestra della stanza, aperta || ad una calda notte dell'estate, | il lamento di un verso sonnolento | infranto dagli oscuri tremolii | di magiche musiche del mio paese. || ... Era l'Amore, come rossa fiamma... | – Nervosa mano su vibrante corda | causava un dorato lungo sospiro, | che poi in sprazzo di stelle si mutava –. || ... Era la Morte, con la falce in spalla, | il passo lungo, scheletrica e torva. | – Così come bimbo la sognavo –. (Antonio Machado)
  • Monotono e puro, ora simile al più grave e triste gregoriano, ora affine alla melopea araba, linea melodica unica e avvincente, quasi ipnotica: il solo, unico canto profondo. (Robert Brasillach)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]