Ciro Esposito

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ciro Esposito

Ciro Esposito (1981 - vivente) è un attore italiano.

Citazioni di Ciro Esposito[modifica]

  • La "presenza scenica" si acquisisce lavorando su se stessi, anche accettando i propri difetti, e cercando continuamente un contatto reale con il pubblico. Il risultato del lavoro consiste nell'acquisizione della naturalezza sul palco e un controllo del corpo nello spazio. Tale consapevolezza, naturalmente, è importante anche fuori dal palcoscenico. (29 giugno 2019)[1]
  • Paolo è stato il primo maestro, cinematograficamente parlando, non solo il maestro nel film Marco Tullio Sperelli, ma un maestro di vissuto cinematografico. Noi tutti lì eravamo 14 bambini. [...] Paolo era tutto tranne il Fantozzi che ci aspettavamo noi. [Era] una persona molto seria, molto ligia, molto precisa, poco goffa...serioso. Conoscerlo dal vivo e capire che era un uomo totalmente diverso dal personaggio [...] faceva strano soprattutto attraverso gli occhi di un bambino di 8 anni. (4 luglio 2017)[2]
Francesco Sciortino, Intervista a Ciro Esposito: “Da "Io speriamo che me la cavo" a "Gomorra", 3 luglio 2019
  • [Tu hai iniziato nel teatro. Quanto pensi sia importante questo mondo nella formazione di un attore?] Penso che il teatro sia fondamentale per chi vuole intraprendere il mestiere dell'attore perché calcare un palcoscenico e respirare quell'aria ti forma artisticamente e ti insegna tanti aspetti importanti sia per il cinema che per la televisione.[3]
  • [Tu sei napoletano e spesso hai dovuto interpretare ruoli non troppo felici per Napoli. Che effetto fa per te vestire i panni del cattivo?] È la parte oscura di Napoli e qualcuno la deve pur raccontare. La televisione, il cinema e il teatro sono anche mezzi di informazioni e c'è bisogno di personaggi negativi per far conoscere e valorizzare la parte buona. Mi fa piacere interpretare questi ruoli perché ritengo che spesso il cattivo sia quello che viene ricordato di più. Il buono ha bisogno del cattivo per essere tale. Credo che il lavoro sporco qualcuno lo debba pur fare e, dal punto di vista artistico, è sempre divertente e stimolante interpretare un cattivo.
  • [Vuoi dedicare qualche parola all'Oscar alla carriera che riceverà Lina Wertmüller?] Penso sia un premio assolutamente dovuto e credo sia un peccato che questi grandi maestri debbano ricevere riconoscimenti del genere solo dopo tanto tempo.

Note[modifica]

  1. Intervistato da Clementina Leone. L’attore campano Ciro Esposito alla scuola di teatro “Crescere Insieme” di Mercato San Severino. 29 giugno 2018, su corrieredellospettacolo.net. URl archiviato il 12 agosto 2019.
  2. Intervistato da Fanpage.it. Morto Villaggio, Ciro Esposito di 'Io speriamo che me la cavo': "Volevo dirgli ti voglio bene". 4 luglio 2017, su youtube.com (canale di Fanpage.it, dal minuto 0:34). URL archviato il 29 settembre 2017.
  3. Citato da Francesco Sciortino. Intervista a Ciro Esposito: “Da "Io speriamo che me la cavo" a "Gomorra". 3 luglio 2019, su corrieredellospettacolo.net. URL archiviato il 12 agosto 2019.

Altri progetti[modifica]