Civetta

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Una civetta

Citazioni sulla civetta.

  • A venti passi dalla mia casetta, | c'era un carrubo e, sul carrubo, a notte, | gridava, forsennata, la civetta. || E non facea dormire, | chè, se taceva un poco, | ancor più forte rigridava dopo. || Alfine, tacque. Sul carrubo, infatti, | mio padre indirizzò la fucilata. || A giorno, un nido vuoto rinvenimmo | ed una piccola civetta morta! || Soltanto allor capimmo | che quella mamma | cantava a modo suo la ninna-nanna | all'unico tesor della nidiata. (Michele Marzulli)
  • Devi sapere che le civette, dopo aver pagato i loro antichi debiti, rinascono come persone ostinate nel regno degli esseri umani. (Buddha, Śūraṃgama sūtra)
  • Queste castigano i loro schermidori, privandoli di vita, ché così ha ordinato natura, perché si cibino. (Leonardo da Vinci)
  • Sono poi in rapporti di ostilità la berta e la civetta. La berta, infatti, nel bel mezzo del giorno (poiché la civetta non ci vede bene quando c'è luce) le sottrae tutte le uova e se le mangia. Al contrario, la civetta, nel pieno della notte, fa lo stesso con le uova della berta: insomma, una è avvantaggiata di giorno, l'altra di notte. (Aristotele)

Proverbi[modifica]

  • Anco le civette impaniano. (toscano)
  • I panioni fermano, ma le civette chiamano. (toscano)
  • La nota dla Pasqueta e' scor e' ciù e la zveta.[1] (romagnolo)
  • Per ogni civetta che si sente cantare sul tetto, non bisogna metter lutto. (italiano)

Note[modifica]

  1. «La notte dell'Epifania parlano il chiù e la civetta.»

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]