E Johnny prese il fucile

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

E Johnny prese il fucile

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Johnny Got His Gun
Paese USA
Anno 1971
Genere drammatico, guerra
Regia Dalton Trumbo
Attori

E Johnny prese il fucile, film americano del 1971 di Dalton Trumbo con Timothy Bottoms e Donald Sutherland.

Frasi[modifica]

  • Non posso pregare così. Posso dire solo mio Dio, non farlo andar via, fa che non sia ucciso. (Kareen)
  • Perché non accendono le luci? C'è così buio qui! È buio e tranquillo. Sento persino il sangue che mi pulsa nelle vene. Ma non sento le pulsazioni nelle orecchie. Quando non si sentono le pulsazioni vuol dire che si è sordi. Sei sordo, Joe, sordo! (Joe)
  • Qui si gioca d'azzardo. Le scommesse sono alte. Quello che dirige il gioco fissa le poste durante tutto il giorno e tutta la notte. Ogni tanto lascia che gli altri vincano. Ma se uno gioca troppo a lungo, allora perde. E se si perde, non si può tornare indietro. In nessun modo. (Joe)
  • Dio, hanno continuato a tagliare. Certo, è molto meno costoso tagliare una gamba che non ricucirla. Con una guerra che continua ad andare avanti, non hanno molto tempo. Sono tutti stanchi. Ma come può un medico ridurre un uomo allo stato in cui mi trovo ora e lasciarlo vivere? (Joe)
  • Sto vivendo un incubo. Sento una voce che mi dice che esisto. Svegliami, mamma, dimmi che non è vero. (Joe)
  • Non c'è realtà più grande per chi si sveglia dal sonno di un'esistenza mortale del sogno che abbiamo sognato dormendo. (Madre di Joe)
  • Non voglio più sentir dire che dio è amore perché se no finirò con l'odiarlo. (Joe)
  • Abbracciami, figliolo. Ho bisogno del tuo calore per tenere lontano il freddo della morte. (Padre di Joe)
  • Penso che sia sempre così; ogni uomo deve affrontare la morte, da solo. (Padre di Joe)
  • Qualche volta, anche adesso, continuo a sognare che qualcuno mi voglia uccidere. [...] Sento il rumore dei soldati che ci rincorrono, le loro urla, anch'io urlo, e le mie urla mi svegliano. (Gesù)
  • Non ho più niente, sono solo un pezzo di carne che continua a vivere. (Joe)
  • La morte ha la sua dignità, specialmente in guerra. (Ufficiale)

Dialoghi[modifica]

  • Kareen: Potevi farti esonerare, per via tua sorella.
    Joe: Mia madre ce l'ha un lavoro e quando il paese ha bisogno di te devi andarci.
  • Padre di Joe: Non ho niente a questo mondo che valga qualche cosa. La casa piccola, il lavoro piccolo, anche il mio stipendio è piccolo, un figlio piccolo. Oh, a pensarci bene neanch'io sono davvero un gigante. Tutto quello che mi circonda è piccolo, modesto, tranne questa canna da pesca. E ogni anno ci avvolgo sul rocchetto il miglior filo di seta. E la vernice? Viene dalla Cina. È la migliore del mondo! Guarda che roba, la migliore ambra. Nessuno ha una canna da pesca come questa, nemmeno il direttore della banca. La mia vita è così povera e squallida che senza questa canna niente mi distinguerebbe dagli altri, niente. Ecco perché le voglio bene.
    Joe: Dimmi, papà, le vuoi bene più di me?
    Padre di Joe: Naturalmente, che cos'hai per essere un uomo diverso dagli altri? Non hai niente di speciale.
    Joe: Invece sì, papà.
    Padre di Joe: Che cosa?
    Joe: Ora non sono niente di speciale, ma un giorno lo sarò.
    Padre di Joe: Certo che lo sarai. Non stai forse per restituire la democrazia al mondo libero?
    Joe: Cos'è la democrazia?
    Padre di Joe: Mah, con precisione non lo so nemmeno io. È come una specie di governo. Riguarda però i giovani che si uccidono tra di loro se non sbaglio.
    Joe: I vecchi non si uccidono tra di loro?
    Padre di Joe: I vecchi mantengono accesi i focolari nelle case.
    Joe: Perché, non lo potrebbero fare anche i giovani?
    Padre di Joe: Sì, ma vedi i giovani non hanno una loro casa, ecco perché debbono andare ad ammazzarsi tra di loro.
    Joe: Quando verrà il mio turno tu vorrai che ci vada?
    Padre di Joe: Per la democrazia ogni uomo deve dare anche l'unico figlio che ha.
  • Joe: Siamo davvero qui io e te insieme o anche questo è un sogno?
    Gesù: È un sogno.
    Joe: Come lo sai?
    Gesù: Perché è solo un sogno.
    Joe: No! Non ti credo.
    Gesù: Nessuno mi crede. Ecco perché io sono così reale. Sono come tutti i sogni che non diventano realtà.
  • Ufficiale: Gli dica qualcosa lei padre.. potrebbe almeno dirgli di avere fede in Dio.
    Prete: Pregherò per lui per il resto della mia vita ma non rischio di mettere a dura prova la sua fede con le sue stupidaggini.. questo è il risultato della sua professione, non della mia!"

Altri progetti[modifica]