Eredità

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sull'eredità e sull'erede.

  • Chi non sa conservare l'eredità paterna morirà in miseria, nonostate qualsiasi sforzo demoniaco. (Aleksàndr Sergeevič Puškin)
  • Godersi in pace una ricca eredità, passata di padre in figlio, è sempre una bella cosa: ma per i giovani, l'industria, l'abilità e la svegliatezza d'ingegno valgono più d'ogni altra fortuna ereditata. (Carlo Collodi)
  • Il movimento dell'ereditare si situa sul bordo tra la memoria e l'oblio, tra la fedeltà e il tradimento, tra l'appartenenza e l'erranza, tra la filiazione e la separazione. Non l'uno contro l'altro, ma l'uno nell'altro, l'uno avvitato nel legno duro dell'altro. (Massimo Recalcati)
  • L'eredità non è l'appropriazione di una rendita, ma è una riconquista sempre in corso. Ereditare coincide allora con l'esistere stesso, con la soggettivazione, mai compiuta una volta per tutte, della nostra esistenza. (Massimo Recalcati)

Publilio Siro[modifica]

  • Chi è erede per nascita è più sicuro di chi lo è per testamento!
  • È preferibile sopportare un erede che cercarlo!
  • Il pianto dell'erede è un riso mascherato.

Proverbi italiani[modifica]

  • Folle chi vive abietto e disagiato, per lasciare i suoi figli in ricco stato.
  • Il delitto, la pena e il disonore, non passano all'erede o al successore.
  • Sia pur grossa la torta e spaziosa, divisa in molti pezzi è poca cosa.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]