Federico Zandomeneghi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Zandomeneghi: Place d'Anvers (1880)

Federico Zandomeneghi (1841 – 1917), pittore italiano.

Citazioni su Federico Zandomeneghi[modifica]

  • Dopo aver soggiornato alcuni anni a Firenze ed aver iniziato, col Signorini, col Banti e col Lega[1], il movimento innovatore dei macchiaiuoli toscani, andò a Parigi, vi si stabilì definitivamente e partecipò a tutte le battaglie degli impressionisti, attestando, con un'assai gustosa e vivace serie di pitture ad olio, di pastelli e di disegni, una visione individuale specie delle folle eleganti, delle figure di bambine e di giovani donne e di nudi femminili, in cui l'acume nell'osservare il vero e nel ritrarlo con segno preciso e nervoso nell'istantaneità del movimento si unisce quasi sempre ad una grazia armoniosa di colorazione e ad una signorile eleganza di composizione e di taglio del quadro. (Vittorio Pica)

Note[modifica]

  1. I pittori Telemaco Signorini (1835–1901), Cristiano Banti (1824–1904) e Silvestro Lega (1826–1895).

Altri progetti[modifica]