Francesco Baracca

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Baracca (1888 – 1918), aviatore italiano.

Francesco Baracca
accanto al suo caccia SPAD S.XIII. Sull'aereo è ben visibile lo stemma della sua famiglia, il "cavallino rampante", divenuto poi emblema della scuderia Ferrari.

Citazioni di Francesco Baracca[modifica]

  • Il pilota[1], un cadetto viennese di 24 anni, ferito leggermente alla testa, è salvo per miracolo, perché ben otto palle lo hanno sfiorato, l'osservatore, un primo tenente, è invece ferito gravemente da tre palle e forse non se la caverà. L'apparecchio era tutto intriso di sangue coagulato al posto dell'osservatore e dava una triste impressione della guerra. Ho parlato a lungo con il pilota austriaco, stringendogli la mano e facendogli coraggio poiché era molto avvilito; veniva dal fronte russo dove aveva guadagnato la croce di guerra e medaglia al valore che portava sulla sua uniforme azzurra. Non aveva potuto salvarsi dalla mia caccia e mi esprimeva la sua ammirazione con le poche parole di italiano che sapeva. Aveva dovuto scendere, avendogli forato in varie parti i serbatoi della benzina, mentre l'osservatore ferito è caduto dietro la mitragliatrice e gridava dal dolore... Una folla di soldati ed ufficiali era accorsa da ogni parte, tanto che hanno dovuto far sgomberare con la cavalleria e sparando fucilate in aria, poiché là era un terreno battuto dai cannoni austriaci a lunga portata e potevano vederci, nonostante la nebbia...[2]

Citazioni su Francesco Baracca[modifica]

  • Dopo la battaglia di Pantelleria, Mussolini aveva voluto premiare gli aviatori per gli efficaci risultati ottenuti su segnalazione del ministero, aveva scelto Carlo Emanuele Buscaglia come espressione più completa e valida per rappresentare il valore dell'aviatore nella seconda guerra mondiale. Veniva a pesare così sul capo di Buscaglia l'alone di gloria assegnato nella prima guerra a Baracca. (Martino Aichner)

Note[modifica]

  1. Del primo aereo abbattuto da Baracca. Cfr. Eroi e poveri diavoli della grande guerra, p. 28.
  2. Citato in Paolo Brogi, Eroi e poveri diavoli della grande guerra, Imprimatur editore, Reggio Emilia, 2014, pp. 28-29. ISBN:8868301466

Voci correlate[modifica]

Carlo Emanuele Buscaglia

Altri progetti[modifica]