Franz Beckenbauer

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Franz Beckenbauer

Franz Beckenbauer (1945 – vivente), ex calciatore, allenatore e dirigente di calcio tedesco.

Citazioni di Franz Beckenbauer[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Sono un tifoso bianconero perché è il club che ha vinto di più nella storia del calcio italiano, un po' come il Bayern da noi, e ha sempre avuto campioni e allenatori di grandissimo livello. Per questo motivo da sempre sono un suo sostenitore.[1]
  • L'Italia pagherà in campo lo scandalo calcio. Consideravo l'Italia tra le grandi favorite per il titolo. Ma il caos scoppiato danneggerà la squadra azzurra. I calciatori avranno la testa altrove.[2] [ultime parole famose]
  • Auguri Sandro, 70 anni. Non dimenticheremo mai le sfide nel 1970, sei una vera e propria leggenda dell'Inter.[3]
  • L'Inter era una squadra leggendaria. C'erano giocatori come Facchetti e Mazzola, e in panchina c'era un totem come Herrera, con cui avevo parlato più volte e che mi convinse a lasciare il Bayern Monaco. [La differenza tra noi e loro] Era gigantesca. Noi giocavamo al "Grünwalder Straße Stadion", che aveva una capienza di circa 12.000 spettatori, loro invece a San Siro. L'atmosfera di quello stadio mi affascinava. Volevo giocarci ad ogni costo.[4]

Citazioni su Franz Beckenbauer[modifica]

  • L'ho conosciuto da piccolo. Io ero nella nazionale giovanile che si preparava al mondiale del 1979 e lui, un grande da tempo, giocava nel Cosmos. Mi ha sempre colpito la sua eleganza di gioco. (Diego Armando Maradona)
  • Ogni volta che viene nominato, viene nominato col nomignolo di Kaiser. Dici per le sue note di personalità straripante? No, perché con la sua faccia da ragazzo del coro sembra esattamente quel dolcissimo sovrano che la Baviera ha avuto di nome Ludwig II [...]. È un borghese per default. Sposa la classica bionda ma gioca divinamente a calcio. No, togliete il ma, il ma non serve: gioca divinamente a calcio. È razionale, ha fatto il mediano nelle prime Germanie, adesso fa il libero. È il padrone, è veramente un giocatore che passa una volta ogni cent'anni. (Federico Buffa racconta Storie Mondiali)

Note[modifica]

  1. Citato in Un «Kaiser» per i bianconeri Beckenbauer: «Io tifo Juve», Gazzetta dello Sport, 24 maggio 2003.
  2. Citato in Gli azzurri pagheranno ai Mondiali, Repubblica.it, 20 maggio 2006.
  3. Citato in Beckenbauer, auguri a Mazzola: "Leggenda dell'Inter", Fcinternews.it, 9 novembre 2011.
  4. Citato in Le rivelazioni di Beckenbauer: "Nel 1966 ero già un giocatore dell'Inter, poi...", Gazzetta dello Sport, 5 novembre 2014.

Altri progetti[modifica]