Giovanni Bertacchi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Bertacchi (1925 circa)

Giovanni Bertacchi (1869 – 1942), poeta e critico letterario italiano.

Citazioni di Giovanni Bertacchi[modifica]

  • L'aspra montagna oltre se stessa ascende, | e si tramuta in cielo.[1]
  • La palude dei sogni è nella luna.[1]

Citazioni su Giovanni Bertacchi[modifica]

  • Giovanni Bertacchi studente, aveva un suo rilevo particolare, qualche cosa, per dirla con due brutte e presuntuose parole venute di moda nei giornali, di «inequivocabile e inconfondibile». Il suo aspetto secco e angoloso era di una insignificante irregolarità, ma chi, ricordando il complimento fatto un giorno dal poeta Malherbes a Maria de' Medici, avesse notato quelle sue manine piccolissime, bianche, nervose, o avesse osservato quei suoi occhi, che a furia di guardar dentro l'anima delle cose non vedevano, talvolta, quello che c'era di fuori, non avrebbe potuto a meno di sospettare nel giovane paesano, una fine e nobile spiritualità. (Mario Borsa)

Note[modifica]

  1. a b Citato in Francesco Flora, IL Flora, Storia della letteratura italiana, cinque volumi, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1972, vol. V, p. 658.

Altri progetti[modifica]