Al 2017 le opere di un autore italiano morto prima del 1947 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Giovanni Meli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Monumento a Giovanni Meli, Palermo

Giovanni Meli (1740 – 1815), poeta, favolista e drammaturgo italiano.

Citazioni di Giovanni Meli[modifica]

  • [Riferito all'opera di Giuseppe Vella, falsario di storia musulmana] «Azzardannu 'na jurnata / Visitari li murtali, / Virità fu sfazzunata; / Ristau nuda a lu spitali. / [...] / Sta Minsogna Saracina / cu sta giubba mala misa / trova cui pri concubina / l'accarizza, adorna e spisa. / E cridennulla di sangu, / Come vanta, anticu e puru, / d'introdurla in ogni rangu / si fa pregio non oscuru» (Gazetta problematica relativa all'impostura di lu codici arabu di l'abbati Vella)[1]

Incipit di alcune opere[modifica]

Ditirammu[modifica]

Ditirammu Ditirambo
Di Giovanni Meli Versione dell'Ab. Filippo Cinardi
Sarudda, Andria lu sdatu, e Masi l'orvu, Rosario, Maso l'orbo, Andrea accattone,
Ninazzu lu sciancatu, Giuseppe il matto, e lo sciancato Nino
Peppi lu foddi, e Brasi galiotu Lo scotto pareggiando in unione
Ficiru ranciu tutti a taci-maci Con Biaggio galeotto e malandrino
'Ntra la reggia taverna di Bravascu, Nella bettola grande di Bravasco
Purtannu tirrimotu ad ogni ciascu. Mossero la battaglia ad ogni fiasco.
E doppu aviri sculatu li vutti, E dopo che sciupate fur le botti,
Allegri tutti misiru a sotari Cotti e stracotti,
E ad abballari pri li strati strati, Saltano, corrono, danzano, tuffano
Rumpennu 'nvitriati Nei guazzi per le strade
'Ntra l'acqua e la rimarra, sbriziannu Di tutta la cittade,
Tutti ddi genti chi jianu 'ncuntrannu. In mezzo a la belletta e la corrente
Spruzzano, lordano tutta la gente.

L'origini di lu munnu[modifica]

POEMETTO BERNESCO
con versione italiana del prof. Giuseppe Gazzino da Genova
Argumentu Argomento
Spiega lu primu statu di li Dei, Spiega qual degli Dei fosse lo stato
Prima chi fussi fattu l'Universu, Anzi che forma avesse l'universo;
Li soi primi pinseri e primi idei, Quanto dappria fu detto e immaginato
Pri stabiliri li cosi cu versu. Onde il tutto ordinar pel proprio verso.
Dopu varii pariri cchiù plebei, Poi che i varj pareri ebbe ascoltato,
Giovi si fa stirari pri traversu, Stiracchiar si fa Giove di traverso;
E da ddi soi stinnicchi e cosi tali E da quel tira tira, e cose tali
Nni risulta lu munnu cu l'armali. Fuora il Mondo ne vien cogli animali.

Citazioni su Giovanni Meli[modifica]

  • Eppure, sullo scorcio del secolo XVIII, la Sicilia era più remota da ogni sentimento d'italianità che non fosse, starei per dire, ai tempi di Federico II. Patria, razza, mondo era l'isola delle tre punte, l'isola che fu creata dalla testa di Giove, mentre l'Italia non era che una gamba della divinità secondo l'apologo del Meli. Matrigna chiama il Meli la lingua italiana, in antitesi alla siciliana madre. (Giuseppe Antonio Borgese)
  • E sarà magari una suggestione che viene in parte dal dialetto (irto di consonanti e con due, tre o addirittura quattro vocali di seguito, e ciascuna con un suono distinto): ma i poeti di San Fratello o di Nicosia più fanno pensare al Porta che al Meli. (Leonardo Sciascia)

Note[modifica]

  1. Citata in Bartolomeo Lagumina, Il falso codice arabo-siculo, «Archivio storico siciliano», n.s., V (1880), pp. 232-314: 251, riportato da Paolo Preto in Una lunga storia di falsi e falsari, 2006, p. 24. Citata in Michele Amari, Storia dei Musulmani di Sicilia, 1854, pp. IX-X)

Bibliografia[modifica]

  • Giovanni Meli, Ditirammu, in "Opere", Salvatore Di Marzo editore, Francesco Lao tipografo, Palermo, 1857.
  • Giovanni Meli, L'origini di lu munnu, in "Opere", Salvatore Di Marzo Editore, Palermo, 1857.

Altri progetti[modifica]