Il medico della mutua

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il medico della mutua

Immagine Il medico della mutua.png.
Titolo originale

Il medico della mutua

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1968
Genere commedia, satirico
Regia Luigi Zampa
Soggetto Giuseppe D'Agata (omonimo romanzo)
Sceneggiatura Sergio Amidei, Alberto Sordi, Luigi Zampa
Produttore Bruno Turchetto
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Il medico della mutua, film italiano del 1968 con Alberto Sordi, regia di Luigi Zampa.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Eh, caro Tersilli, io mi auguro che tu abbia ragione ma... io non mi sento tranquillo. Io li conosco i medici, sarebbero capaci di passare sul cadavere della madre pur di fregare un collega. (dott. Bui)
  • Tutti sani come pesci, eh? Mortacci vostra. Sono passati i dolori, tutto vi funziona adesso che dovete pagare, eh! (dott. Tersilli, [affacciato alla finestra, guardando la gente per strada])

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Dott. Tersilli: Mamma!
    Celeste: Che c'è?
    Dott. Tersilli: Ma non dici niente, l'automobile nuova.
    Celeste: La Seicento? Se l'è fatta anche il figlio del portiere.
    Dott. Tersilli: Sì, lo so, ma non fa mica il medico della mutua, quello è stagnaro, eh.
  • Amelia Bui: Lei mi capisce, non sono più giovanissima, vorrei giocarmi bene quelle poche carte che mi restano.
    Dott. Tersilli: Amelia, lei ha ancora una gran quantità di carte...
    Amelia Bui: Non mi faccio illusioni, Guido.
    Dott. Tersilli: Amelia!
    Amelia Bui: Cosa c'è?
    Dott. Tersilli: Amelia, mi fai girare la testa.
    Amelia Bui: Non sono più una ragazzina, Guido.
    Dott. Tersilli: E che vuol dire? Scommetto che non sei cambiata da quando eri ragazza.
    Amelia Bui: È vero, ero solo un po' più magra...Che fai!?
    Dott. Tersilli: Io ti mordo!
    Amelia Bui: Non ora, Guido, non posso, lasciami pensare.
    Dott. Tersilli: Pensa ai mutuati, un bel capitale, sai.
  • La prostituta: Posso fuma'?
    Dott. Tersilli: Prego. Anzi, guardi, gliene offro una io.
    La prostituta: Ah, grazie.
    Dott. Tersilli: Benché come medico non dovrei.
    La prostituta: Lei crede davvero che il fumo faccia male?
    Dott. Tersilli: E ci credo sì. Tutto fa male, signorina. La vita fa male.
    La prostituta: A chi lo dice...

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]