Il soldato di ventura

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il soldato di ventura

Immagine Hector der ritter ohne furcht und tadel.svg.
Titolo originale

Il soldato di ventura

Lingua originale italiano
Paese Francia, Italia
Anno 1975
Genere commedia
Regia Pasquale Festa Campanile
Sceneggiatura Castellano e Pipolo, Pasquale Festa Campanile, Franco Verucci
Interpreti e personaggi

Il soldato di ventura, film italiano del 1976 con Bud Spencer, regia di Pasquale Festa Campanile.

Frasi[modifica]

  • Se non accettate, sarò costretto da buon italiano a chiamarvi cacasotto. (Ettore Fieramosca) [Rivolto a La Motte al suo rifiuto della disfida]
  • Tredici buffoni italiani contro tredici cacasotto francesi. (Ettore Fieramosca)
  • Chi gioca con Miale da Milazzo o esce ricco o esce pazzo. (Miale da Milazzo)
  • Ma vuje che vulite 'a me? Io nun saccio scrivere... tanto vuje non sapite leggere! (Bracalone da Napoli) [Dopo aver finto di scrivere le imprese di Ettore]
  • Fossi stato San Giorgio me sarei messo n'combutta cor dragone. (Capoccio da Roma)
  • Bisogna stare attenti al cannone, spara un colpo ogni tre ore! È una macchina quasi straordinaria! (Un nobile francese)
  • Mi gioco los cojones! (Gonzalo Pedro di Guadarrama)
  • Prendi Attila, Riccardo Cuor di Leone, Giulio Cesare, Annibale... mischiali tutti insieme, e quelli non fanno neppure un pelo del culo di Mariano da Trani. (Bracalone da Napoli) [quando lo issano con la corda]
  • [Quando scopre che Bracalone non sapeva scrivere] E mo' che dirà di noi la storia? (Ettore Fieramosca)
  • Combatti! Combatti! (Statua di S. Crispiano) [In risposta alla richiesta di Ludovico "Che debbo fare? Rispondi, per la Madonna, San Crispiano!" In realtà era Bracalone che per convincere Ludovico da una finestrella faceva la voce della statua]
  • Costui l'è un italiano e ci sta coprendo di ridicolo agli occhi del mondo! Leonardo Da Vinci! (Albimonte da Peretola) [parlando delle teorie di Leonardo e dell'onore dell'Italia]
  • Dodici a terra e solo Ettore a cavallo! Ma che tene 'a colla sotto 'o culo? (Bracalone da Napoli)

Dialoghi[modifica]

  • [Sotto le mura di Barletta]
    Bracalone da Napoli: Aah! m'hanno tirato nu 'rinale, hanno tirato! Fateme rientrare! Fateme rientrare! Uè-uè-uè-uè, l'olio bollente!! L'olio bollente! Mamma mia!... Ma non è bollente, è tiepido...
    Ettore Fieramosca: E no, chesta è pipì, che schifezza, ma che fetienti che so' sti spagnoli! È meglio l'olio bollente, no?
    Bracalone da Napoli: Eh già, pecché vene 'n capa a me, quant'è bell' chist'!
  • [Sotto le mura della prigione dove è rinchiuso Riccio]
    Bracalone da Napoli: Ricc'e Milazz!
    detenuto della prigione: Prrrr! [pernacchia]
    Bracalone da Napoli: A sòreta... Ricc'e Milazz!!
  • Salomone da Cavorà [dopo che Ettore l'ha convinto a combattere insieme agli italiani contro i francesi]: E va bene, m'ha cunvintu! Tantu cchiù ca l'agghiu sempre schifatu 'i spagnoli!
    Ettore Fieramosca: Francesi sono i nostri avversari, non spagnoli!
    Salomone da Cavorà: Embè, e che t'agghiu dittu, ah? Che l' agghiu sempre schifatu 'i frangisi!

Altri progetti[modifica]