Il soldato di ventura

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il soldato di ventura

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Il soldato di ventura

Lingua originale italiano
Paese Francia, Italia
Anno 1975
Genere commedia
Regia Pasquale Festa Campanile
Sceneggiatura Castellano e Pipolo, Pasquale Festa Campanile, Franco Verucci
Interpreti e personaggi

Il soldato di ventura, film italiano del 1976 con Bud Spencer, regia di Pasquale Festa Campanile.

Frasi[modifica]

  • Se non accettate, sarò costretto da buon italiano a chiamarvi cacasotto. (Ettore Fieramosca) [Rivolto a La Motte al suo rifiuto della disfida]
  • Tredici buffoni italiani contro tredici cacasotto francesi. (Ettore Fieramosca)
  • Chi gioca con Miale da Milazzo o esce ricco o esce pazzo. (Miale da Milazzo)
  • Ma vuje che vulite 'a me? Io nun saccio scrivere... tanto vuje non sapite leggere! (Bracalone da Napoli) [Dopo aver finto di scrivere le imprese di Ettore]
  • Fossi stato San Giorgio me sarei messo n'combutta cor dragone. (Capoccio da Roma)
  • Bisogna stare attenti al cannone, spara un colpo ogni tre ore! È una macchina quasi straordinaria! (Un nobile francese)
  • Mi gioco los cojones! (Gonzalo Pedro di Guadarrama)
  • Prendi Attila, Riccardo Cuor di Leone, Giulio Cesare, Annibale... mischiali tutti insieme, e quelli non fanno neppure un pelo del culo di Mariano da Trani. (Bracalone da Napoli) [quando lo issano con la corda]
  • [Quando scopre che Bracalone non sapeva scrivere] E mo' che dirà di noi la storia? (Ettore Fieramosca)
  • Combatti! Combatti! (Statua di S. Crispiano) [In risposta alla richiesta di Ludovico "Che debbo fare? Rispondi, per la Madonna, San Crispiano!" In realtà era Bracalone che per convincere Ludovico da una finestrella faceva la voce della statua]
  • Costui l'è un italiano e ci sta coprendo di ridicolo agli occhi del mondo! Leonardo Da Vinci! (Albimonte da Peretola) [parlando delle teorie di Leonardo e dell'onore dell'Italia]
  • Dodici a terra e solo Ettore a cavallo! Ma che tene 'a colla sotto 'o culo? (Bracalone da Napoli)
  • Allah esaudisci, corpo sparisci! E per incanto va' nel paradiso di Allah. (Motivetto che viene cantato prima che Ettore Fieramosca faccia sparire i soldati francesi nella botte e poi nel lago)

Dialoghi[modifica]

  • [Sotto le mura di Barletta]
    Bracalone da Napoli: Aah! m'hanno tirato nu 'rinale, hanno tirato! Fateme rientrare! Fateme rientrare! Uè-uè-uè-uè, l'olio bollente!! L'olio bollente! Mamma mia!... Ma non è bollente, è tiepido...
    Ettore Fieramosca: E no, chesta è pipì, che schifezza, ma che fetienti che so' sti spagnoli! È meglio l'olio bollente, no?
    Bracalone da Napoli: Eh già, pecché vene 'n capa a me, quant'è bell' chist'!
  • [Sotto le mura della prigione dove è rinchiuso Riccio]
    Bracalone da Napoli: Ricc'e Milazz!
    detenuto della prigione: Prrrr! [pernacchia]
    Bracalone da Napoli: A sòreta... Ricc'e Milazz!!
  • Salomone da Cavorà [dopo che Ettore l'ha convinto a combattere insieme agli italiani contro i francesi]: E va bene, m'ha cunvintu! Tantu cchiù ca l'agghiu sempre schifatu 'i spagnoli!
    Ettore Fieramosca: Francesi sono i nostri avversari, non spagnoli!
    Salomone da Cavorà: Embè, e che t'agghiu dittu, ah? Che l' agghiu sempre schifatu 'i frangisi!

Altri progetti[modifica]