In Time

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

In Time

Immagine In Time Logo.png.
Titolo originale

In Time

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2011
Genere fantascienza, thriller, drammatico
Regia Andrew Niccol
Sceneggiatura Andrew Niccol
Produttore Marc Abraham, Eric Newman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

In Time, film statunitense del 2011 con Justin Timberlake e Amanda Seyfried, regia di Andrew Niccol.

Frasi[modifica]

  • È rubare se è già stato rubato? (Will Salas)
  • Non mi interessano le ore della giornata, ma che non mi sfugga il tempo dalle mani. (Will Salas)
  • Mi sto chiedendo se tu abbia vissuto almeno un giorno nella tua vita. (Sylwia Weis)
  • Ho poco tempo. Non ho tempo per capire come sia successo, funziona cosi. Siamo geneticamente progettati per smettere di invecchiare a venticinque anni. Il problema? È che viviamo solo un altro anno… se non guadagnamo altro tempo, il tempo è la valuta in corso. Lo guadagnamo e lo spendiamo. I ricchi posso vivere per sempre, invece noi. Voglio solo svegliarmi senza che il tempo mi sfugga dalle mani... (Will Salas)
  • Non siamo destinati all'eternità. (Sylwia Weis)

Dialoghi[modifica]

  • Will Salas: Sei pentita di tutto questo?
    Sylwia Weis: No, tu mi hai salvato la vita.
    Will Salas: Quando?
    Sylwia Weis: Ora e tutti i giorni da quando ti conosco.
  • Sylwia Weis: Quanto abbiamo?
    Will Salas: Un giorno... si può fare tanto in un giorno.

Citazioni su In Time[modifica]

  • Rispetto a Gattaca (1997), è un efficace esempio di SF d'azione, ricco di inseguimenti e sparatorie. Tra i 2 protagonisti, Bonnie & Clyde del futuro, il più incisivo è Timberlake. Tra le figure di contorno spicca Murphy nella parte di uno sbirro traditore delle sue origini sociali. Rarefatto, ossessivo e, a modo suo, dogmatico. Il neozelandese Niccol rimane un cineasta-autore da seguire. (Il Morandini)
  • Le complicatissime premesse dell'ottima sceneggiatura (scritta dal regista) sono mirate a costruire un concitato e appassionante action movie fantascientifico che vuole riflettere sul nostro presente: un mondo in cui il capitalismo ha ridotto l'uomo a merce e in cui, letteralmente, il tempo è diventato denaro. L'impresa del reietto che si ribella al destino sfidando l'estabilishment rielabora in modo originale sia il mito di Robin Hood sia quello di Bonnie e Clyde, rivendicando una resistenza neo-umanista alle logiche di un Potere che ha amplificato la disuguaglianza sociale. Un film-scommessa molto personale (e coerente con le opere migliori di Niccol), a cui si perdonano volentieri qualche inverosimiglianza e un paio di scivoloni mélo, ma che non ha purtroppo goduto né del favore della critica né di quello del pubblico. (Il Mereghetti)

Altri progetti[modifica]