John Seward

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

John Seward, M.D., personaggio del teatro, della letteratura e del cinema creato da Bram Stoker.

Citazioni di John Seward[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Dracula[modifica]

  • Negli uomini egoisti, la cautela costituisce una corazza altrettanto impenetrabile ai loro nemici e a loro stessi.
  • La gente ha snobbato la vivisezione, eppure guarda i risultati cui ha condotto!
  • Perché non far progredire la scienza in quello dei suoi campi che è il più arduo e decisivo: la conoscenza del cervello? Se mai riuscissi a cogliere il segreto di almeno una mente siffatta – se possedessi la chiave delle fantasie di almeno un lunatico –, potrei far progredire la branca della scienza che mi è propria, portandola a un livello rispetto al quale la fisiologia di Burdon-Sanderson o le conoscenza del cervello di Ferrier sarebbero quisquilie. Ah, ci fosse un motivo valido! Non devo pensarci troppo, altrimenti potrei sentirmene tentato; una causa sufficiente rischierebbe di indurmi al gran passo, perché come escludere che anch'io sia in potenza dotato di un cervello eccezionale?
  • Queste infinitesimali differenze tra uomo e uomo sono troppo insignificanti per un essere Onnipotente. Come si tradiscono facilmente questi poveri pazzi! "Non sai tu che il vero Dio si prende cura anche di un passero?" Ma per il Dio creato dalla vanità umana tra un passero e un'aquila non vi è alcuna differenza. Oh, se gli uomini soltanto lo sapessero!
  • Se non riesco a dormire, cloralio, il moderno Morfeo, C2HCl3OH2O! Devo stare attento a non trasformarla in abitudine. No, questa sera non ne prenderò! Ho pensato a Lucy, e non voglio profanarla mescolando le due cose.
  • Seguire uno sciame d'api migranti è nullla a paragone del tener dietro a un matto nudo, quando vien preso dall'uzzolo di tagliare la corda!
  • È stato come uno choc per me piombare dalla meravigliosa, fumosa bellezza di un tramonto londinese, con le luride luci e le ombre d'inchiostro della città e gli straordinari riflessi colorati dell'orrida nuvolaglia e delle acque stagnanti, per ritrovarmi nella freddezza arcigna del mio edificio di pietra, con la sua ricchezza di palpitante miseria, e il mio desolato cuore a convivervi.
  • Nessuno che non l'abbia sperimentato sa che cosa significhi sentire la propria linfa vitale penetrare nelle vene della donna che ama.
  • Sono troppo infelice, troppo giù di morale, troppo nauseato del mondo e di tutto quel che c'è dentro, vita compresa, e non mi importerebbe niente di sentire in questo momento il batter d'ali dell'Angelo della Morte.
  • La devozione è così rara, che non si può non essere grati a coloro i quali, senza esserne richiesti, ne fanno oggetto le persone che amiamo.
  • Una stretta di mano, un braccio sulle spalle, un singhiozzo all'unisono, sono espressioni di simpatia che giungono gradite al cuore.
  • A volte mi dico che siamo tutti pazzi e che ci ritroveremo a recuperare la salute mentale stretti in una camicia di forza.
  • È davvero sorprendente la capacità di recupero della natura umana. È sufficiente che un ostacolo, quale che sia, sia rimosso in qualsiasi modo – morte compresa – e noi subito ritorniamo di corsa al nostro essere così disposti alla speranza e al godimento.
  • Ritengo che la natura operi in maniera tale da farci sperare e credere, contro noi stessi, che le cose andranno come dovrebbero, non già come dovremmo sapere che andranno. Il futuro per gli angeli è tutto luce, ma per gli uomini è tutt'al più un fuoco fatuo.

Dracula: morto e contento[modifica]

  • Oh, fategli un clistere. [...] Gli darà il senso di appagamento.
  • Io non sconcio! Io acconcio!
  • Mettigli la camicia di forza e fagli un clistere! Aspetta, fagli il clistere prima, che non caghi sulla camicia di forza.
  • Nutro seri dubbi su questa teoria vampiristica. Per tutti i santi, chi in tutta l'Inghilterra, pur compiendo un titanico sforzo di immaginazione, potrebbe mai sentirsi un vampiro?

Citazioni su John Seward[modifica]

  • È medico, e molto intelligente. Ma ci pensi? Ha solo ventinove anni, e dirige, tutto da solo, un enorme manicomio. [...] Lo ritengo uno degli uomini più energici che abbia mai visto, e insieme il più controllato. È assolutamente imperturbabile. Oh, riesco benissimo a immaginare lo straordinario potere che esercita sui suoi pazienti. Ha una maniera singolare di fissarti negli occhi, quasi volesse leggerti nel pensiero. Lo fa molto speso anche con me, ma io mi lusingo all'idea che in me trova un osso duro da rodere. (Lucy Westenra, Dracula)
  • Il dottor John Seward è direttore del manicomio di Purfleet, e per tutto il tempo che ho dedicato alla lettura di Dracula di Bram Stoker, mi è parso di ritornare al San Giacomo della Tomba, il mio vecchio manicomio. Una lettura che mi ha, anche per questo, letteralmente portato dentro le pagine con una partecipazione che sanno imprimere i grandi scrittori. (Vittorino Andreoli)
  • Van Helsing sarebbe oggi un epidemiologo che adatta le proprie conoscenze alla malattia, pensando che la sua verità sia sempre parziale, il dottor Seward invece, che non ammette l'irrazionale, apparterrebbe a chi ha negato la natura dell'infezione fin dove ha potuto, perché non ha saputo definirla con le nozioni che possedeva. (Chiara Valerio)

Altri progetti[modifica]