Kasia Smutniak

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Kasia Smutniak (1979 – vivente), attrice e modella polacca.

Citazioni di Kasia Smutniak[modifica]

  • È un bel momento per me, sono felice, sto studiando e lavorando tanto, il pubblico mi vedrà così spesso che non mi sopporterà più.[1]
  • Gli uomini sono talmente semplici: vanno dritti al punto. Le donne no.[2]

Da Kasia Smutniak: "Lasciatemi la mia faccia"

Intervista di Selvaggia Lucarelli, Rollingstone.it, 24 gennaio 2018.

  • Soffro l'idea che si ritenga la mia vita qualcosa di eccezionale. Tutti si aspettano che le persone pubbliche abbiano una vita incredibile e invece c'è molto poco di incredibile. Alla fine la vita e i problemi sono gli stessi, i figli, la spesa, la casa.
  • È impossibile perdere la bellezza. Se la perdi, allora cos'è la bellezza? Io sono bella per quella che sono, non per l'immagine che arriva agli altri.
  • Oggi mi sento meglio di dieci anni fa, ogni ruga me la sono guadagnata e me la tengo stretta.
  • Il paradosso è che ogni volta che faccio delle foto, pretendo che ci sia la mia approvazione, e non perché ho paura di essere venuta male, ma di non somigliarmi. Oggi si usa così, troppi ritocchi e pure fatti male, modifiche che io non chiedo. Non voglio vedere la mia immagine stravolta e innaturale.
  • Ho un rapporto fortissimo con Ozpetek nonostante siano passati 4 anni dal film che abbiamo fatto insieme. Lui è molto presente nella mia vita, siamo due che si sono riconosciuti, abbiamo messo in quel film tante cose intime. Ferzan rimarrà per sempre nella mia vita.
  • Oggi so che il diritto al cazzeggio non me lo leva nessuno, lo difendo. Sento che ritagliarmi del tempo per non fare nulla è fondamentale, gli amici non si cercano solo quando si soffre o per condividere i problemi.

Film[modifica]

Note[modifica]

  1. Citato in Alessia Arcolaci, Kasia combatte nella guerra dei nuovi poveri, VanityFair.it, 28 febbraio 2013.
  2. Citato in, Il «lato maschio» di Kasia Smutniak: «Che bello essere un uomo», VanityFair.it, 30 novembre 2012.

Altri progetti[modifica]