La morte va a braccetto con le vergini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

La morte va a braccetto con le vergini

Immagine Csók István Báthory Erzsébet.jpg.
Titolo originale

Countess Dracula

Lingua originale inglese
Paese Regno Unito
Anno 1971
Genere Horror
Regia Peter Sasdy
Sceneggiatura Jeremy Paul
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La morte va a braccetto con le vergini, film horror del 1971 diretto da Peter Sasdy.

Frasi[modifica]

  • Uno scaldaletto, una magra consolazione per le vecchie vedove, la loro unica fonte di calore. (Maestro Fabio)
  • Sposarti? Sei pazza davvero. Non ti rendi conto che diventi più brutta ogni volta che invecchi? E non puoi vivere di assassini. (Capitano Dobi)

Dialoghi[modifica]

  • Rosa: Signore, avete visto la mia figliola? È Teri, la cameriera della contessa. È sparita. Sto così in pena.
    Capitano Dobi: E che vuoi che ne sappia? Cercala nel bordello.
    Rosa: Non l'avrebbe mai fatto la mia bambina!
    Serva: Se fosse là, lui l'avrebbe vista.
  • Capitano Dobi: Ma che cos'hai fatto?
    Contessa Elisabeth Nadasdy: Dobi!
    Capitano Dobi: Dov'è?
    Contessa Elisabeth Nadasdy: Chi?
    Capitano Dobi: La ragazza, la cameriera.
    Contessa Elisabeth Nadasdy: Guardami Dobi, guardami!
    Capitano Dobi: E che cosa dirà tua figlia quando domani arriverà e troverà che sei giovane come lei?
    Contessa Elisabeth Nadasdy: Mai arriverà!
  • Contessa Elisabeth Nadasdy: Non vuoi di nuovo vedermi bella e felice?
    Capitano Dobi: Perché tu possa fare l'amore con i giovani ufficiali? Ti preferisco così come sei, piuttosto che vederti svolazzare come una inesperta baldracca di bordello. Da vecchia sei più dignitosa.
    Contessa Elisabeth Nadasdy: Sei crudele! Allora non mi hai mai amato.
    Capitano Dobi: Oh, sì che ti ho amato. Ma non capisci come andrà a finire? O perderai il senno o il balivo ti manderà sulla forca.
    Contessa Elisabeth Nadasdy: Se dovesse accadere, non dimenticare che tu sarai lì accanto a me.
  • Imre Toth: Perché ci stanno fissando?
    Capitano Dobi: Timore.
    Imre Toth: Timore? Timore di che?
    Capitano Dobi: Come il cane teme il padrone.
    Imre Toth: Ma il cane è sempre pronto a servire il padrone, e qui invece nessuno ci sta servendo.
  • Capitano Dobi: Perché star sotto a una donna sola se puoi metterne sotto tante?
    Imre Toth: Be', se quella donna riunisce tutte le virtù.
    Capitano Dobi: Amante, amica, madre, eccetera. Esiste una donna del genere?
    Imre Toth: Tu sai che esiste, e io l'ho trovata.
    Capitano Dobi: Sei davvero un privilegiato!
    Pagliaccio: Ma non invulnerabile.
    Imre Toth: E perché?
    Pagliaccio: Essendo abbagliato dalla luce del tuo amore, non puoi vedere nell'ombra un uomo che ti tradisce.
  • Imre Toth: Perché dovrei avere dei nemici?
    Pagliaccio: Tutti hanno dei nemici, ma chi è più fortunato ne ha di più, perché è più invidiato.
    Capitano Dobi: Va via, idiota! Discorsi da turchi...
  • Ziza: Perché ridete? Avanti, ditelo anche a me.
    Capitano Dobi: Ho fatto una scommessa con lui.
    Ziza: Su di me? Lo scaldo quando voglio. Mi va al sangue.
    Capitano Dobi: Scommetto che non ti porterà mai nel castello.
    Ziza: Nel castello? Allora hai vinto. Io là non ci entro davvero.
    Imre Toth: E perché no?
    Ziza: Non hai sentito quello che dicono in giro della contessa? È una strega.
    Imre Toth: Una strega?!
    Ziza: Tutte le Báthory sono streghe. Hanno venduto l'anima al Diavolo. Il loro avo era un serpente con sette teste.
    Imre Toth: Ma chi te l'ha detto?
    Ziza: E la più strega di tutte è proprio la contessa Elisabeth.
  • Maestro Fabio: La mia mente è più vivace di notte quando gli altri dormono.
    Capitano Dobi: Fa pure quel che ti pare, ma resta in biblioteca. Non girare così furtivamente. Puoi spaventare qualcuno.
    Maestro Fabio: O diventare uno spettro anch'io.
  • Maestro Fabio: Il capitolo sui sacrifici di sangue...
    Capitano Dobi: Sì, sì, l'ho letto.
    Maestro Fabio: Ma non tutto, castaldo. Non avresti commesso un errore così elementare. Qui dice chiaramente: «Per restituire gioventù e bellezza, può essere usato soltanto sangue di una vergine».
    Contessa Elisabeth Nadasdy: E quella era una prostituta.

Citazioni su La morte va a braccetto con le vergini[modifica]

  • Questo è a mio parere un film decisamente modesto, che sfiora appena i livelli di qualità ai quali ci ha abituato la Hammer in passato. (Luigi Cozzi)

Altri progetti[modifica]