Lalla Romano

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Lalla Romano da giovane

Graziella Romano detta Lalla (1906 – 2001), poetessa, scrittrice, giornalista e aforista italiana.

Citazioni di Lalla Romano[modifica]

  • Anche nei sogni faccio uso di citazioni.[1]
  • Cos'è essenziale, nei ricordi e rievocazioni? Ciò che sarà colto, rivissuto da chi non c'era. In fondo, è la sola immortalità che ci compete.[2]
  • Della nostra storia nulla vive se non raccontato (cantato).[3]
  • È vero che quando la fine sembra già vicina, c'è sempre ancora un tempo da passare. Tempo di pazienza, per molti; e, per gli altri, forse il «tempo di ravvedersi»?[4]
  • Imparare a convivere con i propri sogni fa parte oggi dell'arte di conoscere se stessi.[5]
  • L'essere è autentico, l'esistere è un compromesso. Per questo ogni giovinezza è di per sé tragica.[6]
  • Non chiedere grazia di volo all'uccello ferito, | non chiedere fiori all'arbusto dai rami stroncati, | non chiedere riso di stelle alla notte in tempesta: | neppure pazienza a una donna malata d'amore.[7]
  • Silenzio come pienezza, non povertà. | Dal silenzio nasce sia l'attesa che l'appagamento.[8]

Minima Mortalia[modifica]

  • Ama il prossimo tuo come te stesso: ama la tua morte come la tua vita.
  • Davanti a uno che muore, la parola vivere suona oscena.
  • Il materialismo non è meno nobile dello spiritualismo; anzi, di più perché non pretende di esserlo.
  • Nelle persone ogni qualità ha il contrappeso di qualche difetto.
  • Nello stesso momento che le cose acquistano un grande valore, perdono il loro valore.
  • Non capisco come ci possa essere gente annoiata e gente spensierata. Sono gli stessi, forse.
  • Quando abbiamo imparato a vivere, moriamo.
  • Quando il male passa, perdoniamo Dio.
  • Quando si è sordi, si sentono suoni e rumori che non ci sono.
  • Solo i miracoli sono reali, solo le favole sono vere.
  • Spesso, mentire è carità.

Nei mari estremi[modifica]

  • Bellezza come salvezza. Conseguenza: pulire la bellezza dall'edonismo – e la salvezza dal bigottismo.
  • La rispondenza dei corpi, la si chiami eros о amore, è misteriosa. E, come ogni valore materiale, simbolica.
  • Per me scrivere è stato sempre cogliere, dal tessuto fitto e complesso della vita qualche immagine, dal rumore del mondo qualche nota, e circondarle di silenzio.

Incipit di alcune opere[modifica]

Dall'ombra[modifica]

Un ragguaglio è indispensabile. L'informazione più urgente riguarda l'immagine di copertina. La posizione – l'assembramento – delle figure è chiaramente dovuta non alla scelta delle persone ritratte, né tanto meno è casuale, spontanea. L'insieme è una composizione voluta del fotografo. Doveva essere celebrativa di un avvenimento importante. E infatti quella foto di gruppo fu eseguita per celebrare la licenza del ginnasio superiore (quinta ginnasio) nel 1921, a Cuneo. (Il ginnasio allora cominciava subito dopo la quarta elementare). Il fotografo era il migliore della città, di gusto torinese. Un giudizio disinteressato non può che essere positivo: ma io ho interessi esclusivi e non la amo.

Le parole tra noi leggere[modifica]

Io gli giro intorno: con circospezione, con impazienza, con rabbia.[9]

Una giovinezza inventata[modifica]

Suppongo che a quel tempo le valige fossero tutte a soffietto; comunque la nostra io la portavo con disinvoltura. Era di pelle — come faceva notare la mamma — e non pareva che in fatto di valige si potesse andare più in là.

Note[modifica]

  1. Da Un sogno del Nord, p. 171.
  2. Da Ritorno a Ponte Stura, a cura di Antonio Ria, Einaudi, 2000.
  3. Da Dall'ombra.
  4. Da Tetto murato.
  5. Da Le metamorfosi, Einaudi, 1983.
  6. Da Un sogno del Nord, p. 180.
  7. Da Poesie, p. 140.
  8. Da Diario ultimo, a cura di Antonio Ria, Einaudi, 2006.
  9. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Bibliografia[modifica]

  • Lalla Romano, Dall'ombra, Giulio Einaudi editore, 1999.
  • Lalla Romano, Minima Mortalia, in Opere, a cura di Cesare Segre, Mondadori.
  • Lalla Romano, Nei mari estremi, Giulio Einaudi Editore.
  • Lalla Romano, Poesie, a cura di Cesare Segre, Einaudi, 2001.
  • Lalla Romano, Tetto murato, Einaudi, 1957.
  • Lalla Romano, Un sogno del Nord, Einaudi, 1989.
  • Lalla Romano, Una giovinezza inventata, Einaudi, 1995².

Altri progetti[modifica]

donne Portale Donne: accedi alle voci di Wikiquote che trattano di donne