Laurent-Désiré Kabila

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Busto di Kabila

Laurent-Désiré Kabila (1939 – 2001), politico congolese.

Citazioni di Laurent-Désiré Kabila[modifica]

  • [Durante la Prima guerra del Congo] Il fuoco cesserà solo dopo che saremo seduti gli uni davanti agli altri.[1]
  • Ho dato il mio assenso all' appuntamento con Mobutu per discutere della sua partenza. Per quanto ne so si tratterà solo di una breve cerimonia nel corso della quale Mobutu accetterà di andarsene. Se così non fosse, saranno le nostre forze che ora stanno avanzando verso Kinshasa a costringerlo ad andarsene.[2]
  • [Alla presa del potere] Ora rimane la cosa più difficile, governare questo paese distrutto.[3]
  • [Alla morte di Mobutu] Non provo nulla, sono solo sorpreso.[4]

Citazioni su Laurent-Désiré Kabila[modifica]

  • Fu Mobutu a consegnare Lumumba ai suoi assassini (nel 1960); e ora Kabila si dichiara fedele alla memoria di Lumumba. È come se trentasette anni dopo spuntasse dalla foresta "il vendicatore". (Bernardo Valli)
  • [...] gli Stati Uniti che sostennero Mobutu, e indirettamente contribuirono all' assassinio di Lumumba, ora accompagnano al potere Kabila, l'uomo che esalta, o addirittura "vendica" Lumumba. (Bernardo Valli)
  • La questione del cessate il fuoco non è nel suo vocabolario. (Nelson Mandela)
  • Personalmente non ho fiducia in Kabila. Il suo percorso e i suoi metodi li conosciamo. (Tahar Ben Jelloun)

Che Guevara[modifica]

  • Conosce gli uomini... Si dà molto da fare.
  • Kabila è inaffidabile e incapace.
  • Perché ha portato tante bottiglie di whisky se era per restare soltanto cinque giorni?... Gli piacciono troppo le donne e l' alcol.

Note[modifica]

  1. Citato in Zaire, 'papa' Kabila conta gli ultimi giorni di Mobutu, la Repubblica, 27 marzo 1997.
  2. Citato in Zaire, presto l'incontro tra Mobutu e Kabila, la Repubblica, 30 aprile 1997.
  3. Citato in La legge di Kabila regna sul Congo, la Repubblica, 19 maggio 1997.
  4. Citato in Nessuno piange sulla bara di Mobutu, la Repubblica, 9 settembre 1997.

Altri progetti[modifica]