Lucia Annunziata

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Lucia Annunziata.

Lucia Annunziata (1950 – vivente), scrittrice, giornalista e conduttrice televisiva italiana.

Citazioni di Adriano Celentano[modifica]

  • [Adriano Celentano] [...] ha il diritto di dire quello che vuole, e lo avrei difeso anche se avesse detto che i gay sono da mandare al campo di sterminio.[1]
  • I funerali di Lucio Dalla sono uno degli esempi più forti di quello che significa essere gay in Italia: vai in chiesa, ti concedono i funerali e ti seppelliscono con il rito cattolico, basta che non dici di essere gay. È il simbolo di quello che siamo, c'è il permissivismo purché ci si volti dall'altra parte.[2]
  • [...] noi donne europee, abbiamo bisogno di cominciare una discussione vera su quello che l'immigrazione sta portando nei nostri paesi; sul disagio, e sulle vere e proprie minacce alla nostra incolumità fisica che avvertiamo nelle strade, sui bus, nei quartieri delle nostre città.[3]
Dall'intervista di Bruno Volpe, Lucia Annunziata: "Io, atea devota, ammiro Benedetto XVI", Papanews.it, 27 settembre 2007
  • Benedetto XVI è un eccellente teologo e un ottimo Pastore.
  • [...] [In merito al Family Day] vi ho preso parte perché reputo la famiglia un patrimonio dell'umanità che merita tutela: la famiglia non è né di destra né di sinistra, appartiene ai valori universali.
  • Io rimango atea e marxista, ma esprimo ogni apprezzamento verso la cultura cattolica.

Incipit de La crepa[modifica]

Il 5 maggio la pioggia su Sarno era insistente, sottile, tiepida; a coprirsi si sudava perché maggio aveva già quasi portato, come sempre nel Sud, l'estate.
Un unico presagio, cui non si badò molto al momento, e che riaffiora soltanto nella memoria: la montagna era da giorni ricoperta da una fittissima nuvola, scesa fino alle sue pendici. Era una nuvola, non nebbia – che da queste parti non c'è mai, perché la terra non si raffredda davvero mai. Una nube nera di pioggia, pesante, tale da impedire totalmente la visuale. «Se solo avessimo potuto vedere» dicono oggi molti dei superstiti.
Ma la rabbia della montagna, covata a lungo, non voleva avere testimoni. Luogo di miti greci, di antropomorfismi che affiorano naturali nella mente degli abitanti: come non pensare a quella nuvola come al segno di una volontà assassina?

Note[modifica]

  1. Dalla trasmissione televisiva Servizio pubblico; citato in Corinna De Cesare, Annunziata: Celentano? «Lo avrei difeso anche se avesse detto di sterminare i gay», Corriere.it, 24 febbraio 2012.
  2. Dalla trasmissione televisiva In mezz'ora, 4 marzo 2012; citato in Paolo Conti, Annunziata e il tabù sui gay «Un' ipocrisia all'italiana», Corriere della Sera, 5 marzo 2012.
  3. Da Sul corpo delle donne no pasaran, Huffington Post.it, 6 gennaio 2016.

Bibliografia[modifica]

  • Lucia Annunziata, La crepa, Rizzoli, 1998.

Altri progetti[modifica]