Sabrina Ferilli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Sabrina Ferilli

Sabrina Ferilli (1964 – vivente), attrice, conduttrice e showgirl italiana.

Citazioni di Sabrina Ferilli[modifica]

  • Faccio i film che mi piacciono. Senza rinunciare all'optional del culo a mandolino. (dall'intervista di Fulvia Caprara, Ferilli, bella senza vergogna, La Stampa, 22 giugno 1995, p. 20)
  • Il mio sogno sarebbe un harem con 15 fidanzati e nessun marito. (citato in Giuseppina Manin, "Col partito delle bacchettone non ci sto", Corriere della sera, 9 settembre 1994, p. 35)
  • Quando mi raccontano di sesso nei camper, di stupefacenti, di ammucchiate strane, quasi non ci credo: io il massimo dell'erotismo l'ho fatto appoggiata per terra. (dall'intervista di Lietta Tornabuoni, Torna la Bella Italiana, La Stampa, 2 luglio 1995, p. 17)
  • [I produttori tedeschi di Inka Connection (1995)] Mi hanno riconosciuta e mi hanno voluta. [...] Gli serviva una donna "cazzuta". (dall'intervista di Simonetta Robiony, Ferilli, una vamp a Venezia, La Stampa, 20 giugno 1994, p. 17)
Intervista di Ottavia Da Re, Sabrina Ferilli: La provinciale, Quelliche…ilcinema, 18 giugno 2006
  • Il bello del mio è mestiere è che è un mestiere libero. Dato che per me la tv è andata a recuperare un certo tipo di cinema, che una volta si faceva al cinema, per tutta una serie di motivi mi sono trovata a raccontare delle storie che una volta venivano raccontate al cinema e che oggi invece sono di interesse televisivo.
  • Cerco di portare in scena dei personaggi che, anche sbagliando, risultino comunque concreti che credono in valori fondamentali, personaggi che magari si rispecchiano nella società e nelle sue professioni anche più umili.
  • La bellezza non può penalizzare nessuno… l'importante è capire che è una cifra che noi abbiamo e con la quale dobbiamo imparare a fare i conti. Se la bellezza diventa un aspetto fondamentale di una persona è negativa. Se invece la sai gestire diventa un vantaggio. È l'intelligenza che ci salva, sempre.
  • Io amo molto le province. Molto più delle grandi città. Perché continuano ad essere l'unico posto in cui c'è ancora molto "pathos", un'emozione palpitante che gestisce in maniera più forte la realtà. E siccome io vengo dalla provincia rivendico molto questo aspetto. Credo che la provincia riesca ancora a tutelare dei rapporti emotivi e sentimentali fondamentali. C'è maggiore rispetto per l'individuo.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]