Salvatore Riina

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Salvatore Riina

Salvatore Riina, detto Totò (1930 – 2017), criminale italiano

Citazioni di Salvatore Riina[modifica]

  • Andreotti è un tragediato [calunniato] come lo sono io. E più tragediato ancora è il giudice Carnevale. Questi pentiti tutti accusano perché prendono soldi.[1]

Citazioni su Salvatore Riina[modifica]

  • Ad organizzare questa inaspettata visita di cortesia [la strage di viale Lazio] era stato il futuro capo di Cosa nostra, il signor Totò Riina, chiamato affettuosamente dagli amici "La belva". (La mafia uccide solo d'estate)
  • L'unica differenza tra un ladro di professione e un uomo d'affari è che l'uomo d'affari si percepisce come una brava persona. Lui è un'ottima persona. E c'è sempre qualcuno più figlio di puttana di lui. Come Totò Riina, quando il presidente gli ha detto: "Lei stuprava i bambini", e lui diceva: "E in Bosnia che cazzo fanno, signor giudice". il giudice rimase senza parole. (Beppe Grillo)
  • Riina e Provenzano sono due pecorai, perché stavano sotto gli ordini dei politici. (Carmine Schiavone)

Note[modifica]

  1. Citato in Totò Riina "Io e Andreotti calunniati", La Stampa, 20 ottobre 1994.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]