Sauron

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Sauron, personaggio creato dallo scrittore britannico J. R. R. Tolkien.

Citazioni di Sauron[modifica]

Lo Hobbit - La desolazione di Smaug[modifica]

  • Cresciamo in numero. Cresciamo in potenza.
  • La guerra è in arrivo.
  • La morte arriverà per tutti!
  • Non c'è luce, Stregone, che possa sconfiggere le tenebre!

Citazioni su Sauron[modifica]

  • Qualcosa di purulento cresce nel cuore della Terra di Mezzo, qualcosa che è sfuggito alla tua vista, ma il Grande Occhio lo ha veduto! Perfino ora lui aumenta il suo vantaggio, il suo attacco avverrà presto, tutti voi morirete! (Il Signore degli Anelli - Il ritorno del Re)
  • Un potere oscuro dimora lì [a Dol Guldur]. Tale che non ho mai avvertito prima. L'ombra di un antico orrore. L'ombra che può riunire gli spiriti dei morti. E poi l'ho visto, Gandalf! Dall'oscurità è giunto... un Negromante! (Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato)
  • – C'è qualcosa all'opera dietro il male di Smaug. Qualcosa di molto più potente. Possiamo rimanere ciechi nei suoi confronti, ma esso non ignorerà noi, ve l'assicuro. Una malattia aleggia su Bosco Fronzuto. Quelli che abitano li ora lo chiamano Bosco Atro e dicono...
    – Ebbene? Non fermarti ora. Dicci cosa dicono gli abitanti del bosco.
    – Parlano di un Negromante che vive a Dol Guldur. Uno stregone che può rievocare i morti.
    – Questo è assurdo. Non esiste un tale potere a questo mondo. Questo "Negromante" non è altro che un uomo mortale, un illusionista che si diletta di magia nera.
    – E così la pensavo anch'io, ma Radagast ha visto... (Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato)
  • Tu sei senza nome! Senza volto! Senza forma! Ritorna nel vuoto da cui tu sei venuto! (Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate)

Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello[modifica]

  • Nella terra di Mordor, tra le fiamme del Monte Fato, Sauron, l'Oscuro Signore, forgiò in segreto un Anello sovrano, per controllare tutti gli altri e in questo anello riversò la sua crudeltà, la sua malvagità e la sua volontà di dominare ogni forma di vita: un Anello per domarli tutti.
  • Tu sai a cosa mi riferisco, Gandalf. Un grande occhio, senza palpebre, avvolto nelle fiamme.
  • Rinchiuso nella sua fortezza il signore di Mordor vede tutto. Sta richiamando a lui tutto il male. Presto avrà creato un esercito abbastanza imponente da lanciare un attacco alla Terra di Mezzo.
  • Non avrai pensato che un Hobbit potesse contrastare la volontà di Sauron? Nessuno può farlo. Contro il potere di Mordor non ci può essere vittoria. Noi dobbiamo unirci a lui, Gandalf. Dobbiamo unirci a Sauron. Sarebbe saggio, amico mio.
  • Esiste un solo signore dell'anello, solo uno può piegarlo alla sua volontà ed egli non divide il potere! (Gandalf)

J. R. R. Tolkien[modifica]

  • Ama molto questo genere di azioni: amico contro amico e lealtà trasformata in confusione. (Gandalf)
  • È quell'Unico Anello che egli perse molto tempo fa, affievolendo di parecchio la propria potenza. Lo desidera più di qualsiasi altra cosa al mondo, ma non deve mai più riaverlo. (Gandalf)
  • Egli è molto saggio, e soppesa ogni cosa con estrema accuratezza sulla bilancia della sua malvagità. Ma l'unica misura che conosce è il desiderio, desiderio di potere, ed egli giudica tutti i cuori alla stessa stregua. La sua mente non accetterebbe mai il pensiero che qualcuno possa rifiutare il tanto bramato potere, o che, possedendo l'Anello, voglia distruggerlo. questa dev'esser dunque la nostra mira, se vogliamo confondere i suoi calcoli. (Gandalf)
  • Sauron era divenuto uno stregone di spaventosa potenza, padrone di ombre e fantasmi, di tenebrosa sapienza e crudelissima forza, tanto da deformare tutto ciò che toccava e stravolgere tutto ciò che governava, signore di lupi mannari; il suo dominio era perenne tormento.
  • Sempre, dopo una disfatta ed una tregua, l'Ombra si trasforma e s'ingigantisce nuovamente.

Altri progetti[modifica]