The Gentlemen

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

The Gentlemen

Immagine The Princess Victoria, Uxbridge Road, W12 - geograph.org.uk - 850354.jpg.
Titolo originale

The Gentlemen

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America, Regno Unito
Anno 2019
Genere thriller, azione, commedia, poliziesco
Regia Guy Ritchie
Soggetto Guy Ritchie, Ivan Atkinson,Marn Davies
Sceneggiatura Guy Ritchie
Produttore Guy Ritchie, Ivan Atkinson, Bill Block
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Gentlemen, film del 2019, con Matthew McConaughey, Charlie Hunnam, Colin Farrell e Hugh Grant, diretto da Guy Ritchie.

Frasi[modifica]

  • Per essere il re della giungla, non basta comportarsi da re. Devi essere il re. E non devono esserci dubbi. Perché i dubbi creano caos e ti portano alla rovina. (Mickey)
  • A mio parere la padronanza è essenziale in ogni aspetto della vita, più che mai forse quando si tratta del guardaroba. Per un look c'è una stagione. E per ogni stagione, una strategia. (Matthew)
  • Inizia la danza dei maschi alfa. In realtà non parlano di abiti, Raymond. Oh, cazzo no. Sono come due vecchi cani che si annusano i buchi di culo intellettuali. È la solita vecchia storia di chi ce l'ha più grosso. (Fletcher)
  • È una volpe e le volpi hanno una natura prevedibile. Fidati di un ebreo su un ebreo. Se lui entra nel pollaio, ci saranno piume e sangue dappertutto. (Rosalind) [su Matthew]
  • Non sarò preciso su conti e racconti, ma la cifra in ballo è piuttosto cospicua. Domanda: quanto potrebbe valere avere la capacità di staccare la spina a un'azione come questa? Risposta: un uomo avido vorrebbe metà del prezzo di vendita, ma un uomo in gamba sa bene che venti milioni di sterline provocano la giusta scomodità perché tutti si sentano comodi. (Fletcher)
  • Lui [Big Dave] vuole rovinarlo [a Mickey], ma io sono qui per farti un favore. E non è che tu non ottenga nulla per i tuoi soldi. Potresti perfino trasformare la sceneggiatura in un vero film. Potremmo girarla insieme. Potremmo essere soci. Ho imparato molto da te. Bisogna prima pensare a sé stessi, e ora tocca a me. Il sole non sta sorgendo per me, Ray. Sta tramontando. (Fletcher)
  • Io mi sono fatto la reputazione di un uomo che è arrivato in cima con le cattiva. Si può dire che queste mani bianche siano sporche di sangue. Ma nel nuovo business, quando sarà legale e sotto la giurisdizione del rispettabile ombrello della legittimità ministeriale, un'impresa come questa avrà bisogno di un passato pulito, che purtroppo io non possiedo. Andare in pensione non mi sembra così male. Lunghe passeggiate in campagna, potare le rose con la mia dolce metà, allevare cuccioli. Me lo sono guadagnata. (Mickey)
  • Il preventivo di un gentiluomo è la parola di un gentiluomo. (Dry Eye)
  • Penso che sia arrivato il momento di presentare la nostra regina. Una Cleopatra cockney per Micky Cesare cowboy L'unico anello debole, nella sua impenetrabile armatura, è la sua devozione, la sua passione, alcuni direbbero la sua ossessione, per la sua bellissima moglie. (Fletcher) [su Rosalind]
  • Niente domande, niente bugie. (Dry Eye)
  • I cinesi si aggiornano più in fretta dei cazzo di Iphone. (Fletcher)
  • Senti, ti fermo subito, giovanotto così non sprechi altro fiato prezioso. Questo non è un argomento disponibile. A differenza del sale e pepe, non è sul tavolo. (Mickey)
  • Sei superato. Dimentichi le leggi della giungla, se vuoi snobbarmi. Quando il vecchio leone diventa debole, è meglio che si muova prima di essere rimosso. Non è dignitoso. (Dry Eye)
  • Dove cazzo credi di andare? Che tu non esci come sei entrato, illuso coglione mangia anatre! Parli a me delle leggi della giungla. Com'era? Non era dignitoso? Non era da me? Sono un leone vecchio? C'è solo una regola in questa cazzo di giungla! Quando il leone ha fame, mangia! (Mickey)
  • State facendo una brutta figura, siete ridicoli. I ragazzini accoltellano, le femmine sparano. I maschi menano. I veri uomini si battono con la testa. È qui il combattimento. È qui dentro nel cervello. Svegliatevi ragazzi: la vita è veloce e voi no. La vita è dura per le teste vuote. (Coach)
  • Se volete farvi una serata, che fine ha fatto: fumatina, scopatina, un bicchiere di vino. Un po' di Barry White, candele intorno alla vasca e un bel dito nella mogliettina? (Ray)
  • Non puoi farti ingannare da come vanno vestiti i tossici. Hanno frequentato scuole, scuole costose. I genitori hanno soldi, tanti soldi. Possono essere un problema. Merda. (Mickey)
  • I miei ragazzi, sono ingenui, hanno avuto vite dure e stanno diventando bravi, ma sono i miei ragazzi, mia responsabilità. Quindi rispondo io delle loro azioni. Posso restituire la merce, ma non posso restituire il disagio, il tempo, la rottura di coglioni. E quindi vi offro la mia lealtà, la mia parola, il mio tempo, finché il debito sarà saldato. Io farò ammenda, ma lasciate stare i ragazzi. (Coach)
  • Magari si sono dati appuntamento per parlare delle vacanze alle Maldive oppure delle implicazioni a lungo termine dell'uscita dall'Europa. Ma io gli ho filmati, ho estratto il labiale, l'ho fatto tradurre e trascrivere. Un po' come quel film del 1974 La conversazione, con Gene Hackman e John Cazale. Sai, che Coppola l'ha girato fra il primo e secondo Padrino? Non mi ha fatto impazzire. È un po' noioso, sinceramente. (Fletcher)
  • Ma mi pare piuttosto chiaro che non sono solo amici di mahjong, dico bene? (Fletcher)
  • Tu sei in questa piscina da due minuti. Io nuoto nell'oceano con gli squali da più di vent'anni. Ora te lo spiego io come funziona davvero. Tu annegherai e poi i miei granchi del Mossad ti mangeranno. (Matthew)
  • Io alleno i ragazzi a essere bravi ragazzi. Non sono un cazzo di gangster. Ora, sono stato costretto a fare cose da gangster e va bene. Ma non sono Babbo Natale tutto l'anno. Quindi, con il massimo rispetto, faccio quest'ultima cosa per te e chiusa qui. No más. Tre strike, fuori. (Coach)
  • La tua unità economica ha subìto un colpo e, prevedendo una crescita negativa della tua top line, nell'attuale clima avverso, calcolo che quello che valeva quattrocento milioni un mese fa, ora deve ora essere valutato a degli anemici, mmh, centotrenta? Vedi, il problema non è il primo pezzo di domino che cade, Michael, il problema è l'ultimo. (Matthew)
  • Non sarai mai un predatore con noi, Fletcher. Sarai sempre una preda. (Ray)
  • Per essere il re della giungla, non basta comportarsi da re. Devi essere il re. E non devono esserci dubbi. Perché i dubbi creano caos e ti portano alla rovina. Me l'ha detto la mia Regina. (Mickey)

Dialoghi[modifica]

  • Ray: Dovrei infilarti quel cazzo mattarello da qualche parte!
    Fletcher: Non fare lo stronzetto. Speravo che potessimo bere una cosina in pace. Allora, ho un meeting questo sabato al tuo giornale preferito. Essendo io il miglior investigatore privato di questa cittadina fumosa: "buonasera, signore e signori." Sono pronti a sganciare centocinquantamila sterline in cambio di qualche porcata. Buon per me, certo, ma in questo caso, mal per te.
  • Mickey: Mi piace la mezza età. L'imborghesimento, le scuole private, i vini raffinati e un bel cucchiaio di caviale così la pillola va giù. E soprattutto, non vedo l'ora di stare un po' di più con te.
    Rosalind: Ma certo, però non ti voglio a bighellonare qui con l'aria da disoccupato e l'occhio perso.
  • Ray: È che non mi piacciono i tossici. È la sporcizia, il sudiciume, mi prende allo stomaco.
    Mickey: Non sto chiedendo al tuo disturbo ossessivo compulsivo di passarci il weekend. Pensala come filantropia. Forza, guida tu.
    Ray: Nessuna buona azione resta impunita.
  • Ray: Se siete infelici dovreste condividere i vostri pensieri con gli amici. Amici carini, sfogarvi, trovare soluzioni positive. E invece non scegliete altro lo squallore. Annegate nei sensi di colpa, dei liberali di merda.
    Brown: Scusa di cosa avrei la colpa?
    Ray: Di essere uno stronzo, Brown, di essere uno stronzo. Ma non sono uno strizzacervelli, cerco di mandarvi delle vibrazioni positive da uomo a uomo. Era questo che alla fine faceva l'erba. Comunque torniamo a te, Laura, regina in questo regno di merda. Una singola rosa in un calderone di spine. Sei pronta a dare una svolta? Ad aprire le tende per far entrare la luce? Fai a tua madre e tuo padre un favore e tenta l'impossibile: diventa una ragazza felice.
    Laura: Va bene.
    Ray: Porca puttana! È stato facile.
  • Rosalind: Quindi hai ucciso qualcuno?
    Ray: No, è stata la forza di gravità, veramente.
  • Coach: Dimmi solo che non era di Mickey Pearson.
    Ernie: Cavolo, coach, ma sei un indovino? Leggi le foglie di tè? Hai la palla di vetro?
  • Fletcher: “Non ce l'ha fatta? L'ultima cosa che devi fare è attirare un certo polpo."
    Ray: Un certo polpo? Che vorrebbe dire? Non è una una buona traduzione.
    Fletcher: No, non è sbagliata la traduzione. Matthew non lo sa tanto bene il cantonese. Segui il flusso e riempi i vuoti.
  • Fletcher: Quindi, ti raccomando caldamente di pagare al più presto e mi vedrai indietreggiare nel tramonto mandando baci, ok?
    Ray: Be', allora è il momento di usare la porta, bastardo nero.
    Fletcher: È ​​una sciocchezza, no? Perché non sono nero.
    Ray: No, ma la tua cazzo di anima lo è, torbido stronzo.

Altri progetti[modifica]