Traitor - Sospetto tradimento

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Traitor - Sospetto tradimento

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Traitor

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 2008
Genere drammatico
Regia Jeffrey Nachmanoff
Soggetto Steve Martin
Sceneggiatura Jeffrey Nachmanoff
Produttore Don Cheadle, David Hoberman, Ashok Amritraj, Richard Schlesinger
Interpreti e personaggi

Traitor – Sospetto tradimento, film statunitense del 2008 con Don Cheadle, Guy Pearce e Saïd Taghmaoui, regia di Jeffrey Nachmanoff.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Se vuoi che uno parli, devi premere sui suoi punti deboli, non sui tuoi. (Clayton)
  • Le tattiche cambiano sempre. Non lo sconfiggi un impero seguendo le regole. C'è stato un tempo in cui erano gli americani i terroristi per gli inglesi. Hanno già dimenticato la loro storia. (Omar)
  • Ci sono un miliardo e duecento milioni di musulmani al mondo, solo il 20% arabi, gli altri hanno una faccia comune. (Clayton)
  • Addestriamo a uccidere ma questo non significa che vogliamo la violenza. Usiamo la violenza solo perché è stata usata contro di noi. I crociati hanno invaso la nostra terra, sganciato bombe sulla nostra gente, rubato le nostre risorse naturali. (Omar)
  • La storia lo mostra continuamente. Non importa quanto grande sia l'impero, quanto scarse siano le probabilità. L'uomo che non ha paura di morire, non potrà mai essere sconfitto. (Samir)
  • Mio figlio conosce a sufficienza la morte per capire il valore della vita. (madre di Samir)
  • Non combatti, se non hai deciso che vuoi farlo. (Clayton)
  • Negli scacchi, come nella guerra, la chiave per vincere è anticipare la mossa che farà il tuo avversario. Pensare due mosse avanti. (emiro)
  • La guerra non è così difficile. Superare le tentazioni, vivere correttamente: questa è la grande jihād. (Omar)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Uadi: Decido io qui chi mangia e chi sta senza, chi vive e chi muore. Allora, hai capito?
    Samir: No. Chi muore e chi vive lo decide Allah. Tu questo l'hai capito?
  • Uadi: Ho cinquanta uomini qui dentro pronti a uccidere per me.
    Omar: E quanti ne hai pronti a morire?
  • Samir: Se un uomo non ha scoperto qualcosa per cui morire, non è fatto per vivere.
    Omar: Chi ha detto questo?
    Samir: Martin Luther King.
  • Carter: Non dimenticare da che parte stai.
    Samir: Dalla parte di Dio. Come tutti.

Explicit[modifica]

Samir: Sai, il Corano dice che uccidere un uomo innocente è come uccidere l'umanità intera.
Clayton: Dice anche che se salvi una vita hai salvato l'umanità intera.[1] Tu sei un eroe, Samir.
Samir: Chiamami come ti pare, io ho chiuso.
Clayton: Sappiamo come trovarci. Salām alaykum.
Samir: Alaykum salām. Dovresti iniziare sempre con questa frase.

Note[modifica]

  1. Cfr. Corano: «Chiunque uccida un uomo che non abbia ucciso a sua volta o che non abbia sparso la corruzione sulla terra, sarà come se avesse ucciso l'umanità intera. E chi ne abbia salvato uno, sarà come se avesse salvato tutta l'umanità».

Altri progetti[modifica]