Zombi (film)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Zombi

Immagine Dawn Of The Dead logo.png.
Titolo originale

Dawn of the Dead

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America, Italia
Anno 1978
Genere orrore
Regia George A. Romero
Sceneggiatura George A. Romero
Produttore Richard P. Rubinstein, Claudio Argento
Interpreti e personaggi
Note
Remake: L'alba dei morti viventi (2004)

Zombi, film statunitense del 1978 con David Emge, regia di George A. Romero.

Incipit[modifica]

[Jane si risveglia da un incubo] Tutto bene? Qui siamo colla merda fino al collo. (Tony)

Frasi[modifica]

  • Dobbiamo annientare tutti i cadaveri. O distruggendo il cervello, o staccando il cervello dal resto del corpo. Dobbiamo tenere la situazione sotto controllo prima che sia troppo tardi, si stanno moltiplicando troppo rapidamente! (Dr. Foster)
  • Sì, andiamo Martinez, facci vedere quel tuo culo di portoricano così te lo facciamo saltare! (Wooley)
  • Questi portoricani faranno tutto quello che volete, adesso. È gente semplice, hanno poche cose, non vogliono perderle. E i loro morti non li vogliono consegnare a nessuno. Molti sono morti la settimana scorsa in queste strade, li troverete dall'altra parte di questo seminterrato, sono stato ora per i sacramenti. Adesso potete fare quello che volete, ora siete più forti di noi... Ma presto credo che loro [gli zombi] saranno più forti di voi! Quando i morti camminano, signori, bisogna smettere di uccidere o si perde la guerra. (Vecchio prete) [rivolto a Roger e Peter]
  • La gente è impazzita. Basterebbe che si organizzasse, e invece si fanno prendere dal panico! Non posso credere che non si possa fare qualcosa. (Stephen)
  • La domanda spontanea, la prima domanda che ci si pone, è se sono cannibali. No, non sono cannibali. Il cannibalismo nel vero senso della parola implica un'attività tra specie simili, ma queste creature non si possono considerare esseri umani, e non si uccidono tra di loro. Si nutrono soltanto di carne viva, hanno poca intelligenza e nessuna capacità di ragionamento. Gli restano alcune capacità elementari e hanno reminiscenze di quando erano in vita. Secondo alcune notizie queste creature userebbero degli attrezzi, anche in questo caso si tratta di azioni semplici e molto primitive, e cioè l'uso di oggetti come clave o simili. Ma posso dire che anche alcuni animali fanno un uso rudimentale di simili arnesi. Queste creature sono guidate soltanto da puro istinto emotivo, il loro unico motore è il desiderio di cibo. Il cibo che li sostiene. Non dobbiamo essere indotti a credere che costoro siano membri della nostra famiglia o nostri amici, non lo sono, non provano alcuna emozione. Questi mostri devono essere uccisi a vista, distrutti senza pietà! (Dr. Millard Rausch)
  • È facile beccarli, comincio a prenderci gusto! (Roger)
We got this, man! We got this by the ass!
  • Mio nonno era una specie di stregone a Trinidad, ci diceva: "Quando non ci sarà più posto all'inferno, i morti cammineranno sulla terra". (Peter)

Dialoghi[modifica]

  • Ragazza: Sto ancora sognando?
    Jane: No...
  • Dr. Foster: Ma lei si rende conto o no che i morti stanno resuscitando?
    Berman: Guardi, non c'è bisogno di lei, senta...
    Dr. Foster: Lei ci crede o no che i morti stanno resuscitando e stiano attaccando i vivi!?
    Berman: Mi creda, è già difficile crederci senza che voi venite a dirci che dobbiamo dimenticare la dignità umana!
    Dr. Foster: Ah, dignità umana? Dignità umana?? Dignità umana, ma andiamo! Guardi che questo non è uno show televisivo, signor Berman, e non c'è bisogno che lei racconti al pubblico le stupidaggini che raccontate di solito!
  • Berman: Ci serve una spiegazione scientifica, non una spiegazione fantascientifica!
    Dr. Foster: È per l'atteggiamento di gente come lei che questa situazione è affrontata con tanta irresponsabilità dal pubblico in generale! Voi non ci avere ascoltato, non avete voluto credere a questa situazione per tre settimane! Che cosa bisogna fare? Che cosa bisogna fare perché la gente apra gli occhi?
    Berman: La gente non ne vuole sapere delle sue soluzioni, dottore! E per quanto mi riguarda non posso dargli torto!
    Dr. Foster: Io vi dico che ogni cadavere che non viene distrutto subito diventa uno di loro! Si alza e comincia a uccidere! Le persone che vengono uccise si rialzano e uccidono ancora!
  • Dan: Foster ha ragione, stiamo perdendo.
    Jane: Già, ma non col nemico... Stiamo perdendo con noi stessi.
  • Berman: Dottor Foster, il pubblico vuole dei fatti, che cosa ci può dire?
    Dr. Foster: Be', ci sono varie cose che sappiamo con certezza. Lei mi ha chiesto perché uccidono. Uccidono per una sola ragione: uccidono per nutrirsi. Mangiano le loro vittime, mi spiego, signor Berman? È questo che li spinge ad uccidere. Se avessimo ascoltato, se avessimo affrontato questo problema nel modo giusto senza emotività, non saremo al punto in cui siamo!
  • Stephen: Alle nove, d'accordo?
    Jane: Stephen, non capisci che dobbiamo...
    Stephen: Non dobbiamo un accidente, dobbiamo solo sopravvivere! Qualcuno dovrà pure sopravvivere. Vedi di essere sulla terrazza alle nove precise e non mi costringere a venire a cercarti!
  • Roger: Io me ne vado. No, non per Wooley, ma dico per tutto questo.
    Peter: Sì... Sì, lo so.
    Roger: Senti, ce ne sono un sacco che stanno scappando, potrei farlo anch'io, no? ...Potrei scappare anche stanotte. Un mio amico ha un elicottero, è uno che controlla il traffico e ha deciso di scappare. Mi ha offerto di andare con lui. Tu credi che sia giusto?
  • Peter: Qualcuno di voi lascia dei parenti, laggiù?
    Jane: Un ex-marito.
    Roger: Un'ex-moglie. E tu, Peter?
    Peter: Un po' di fratelli.
  • Roger: Ci sono un sacco di aerei privati in queste zone agricole, avranno fatto il pieno e se ne saranno andati.
    Stephen: Già, ma dove? Dove cavolo possono andare?
    Peter: E noi, dove stiamo andando?
  • Stephen: Dobbiamo trovare del carburante, forse dalle parti di Cleveland.
    Roger: No, no. Dobbiamo stare alla larga dalle grandi città. Se è come a Philadelphia, non ne usciremo vivi.
    Peter: Forse non usciremo vivi da nessun posto, anche qui per poco non ci restavamo.
    Roger: Ma ce la siamo cavata, se quei cosi non cominciano a diventare troppi, possiamo tenerli a bada.
    Peter: Non è stato uno di quei "cosi" che stava per farmi la pelle?
  • Jane: Ma perché ritornano in un grande magazzino?
    Stephen: Dev'essere l'istinto... Il ricordo di quello che erano abituati a fare. Era un posto importate quando erano vivi.
  • Peter: Laggiù c'è un sacco di roba che ci potrebbe far comodo.
    Roger: L'ho vista.
    Peter: È un bel posto... Ma è pieno di zombi laggiù. Dici che li battiamo sul tempo?
    Roger: Facciamo una sortita.
    Peter: Ci proviamo!
  • Roger: Ehi, adesso che siamo dentro come facciamo a tornare indietro?
    Peter: Ci pensiamo dopo, prima andiamo a fare spese!
    Roger: Yahooo! Orologi, orologi!
    Peter: Ehi ehi ehi, prendiamo solo quello che ci può servire, eh? Io prendo una radio e una televisione.
    Roger: Il gas per l'accendino! La cioccolata!
    Peter: Okay!
    Roger: Whooo! Ci facciamo anche la pelliccia di visone?
    Peter: Lascia perdere!
  • Roger [Peter porta una carretta]: Ecco, bravo, così torniamo indietro col cavolo!
    Peter: Ci proviamo, amico. Non siamo mica venuti per sgranchirci, tanto vale prendersi tutto quello che si può!
    Roger: Sì, ma non è detto che ci riusciremo.
  • Stephen: Li abbiamo distrutti senza che neanche ci toccassero! È stato uno scherzo.
    Peter: Adesso non esagerare, amico. Ci è andata bene se siamo riusciti a salvare la pelle, non lo dimenticare. Se li sottovaluti finisce che quelli ti mangiano a colazione. Loro hanno un grosso vantaggio su di noi: non pensano. E quel branco là fuori sono solo una parte. Ogni giorno che passa ce ne saranno di più.
    Stephen: Ma quei cosi si potrebbero bloccare facilmente, se la gente seguisse gli ordini e facesse come gli si dice!
    Peter: Allora senti un po' amico... Se fosse la tua ragazza a essere fatta fuori, saresti capace di stroncarle la testa? [Stephen non risponde]
  • Roger: Come sta?
    Peter: Sembra a pezzi.
    Roger: Eh, lo credo.
    Peter: No, davvero, sembra ridotta male fisicamente.
    Stephen: È incinta.
    Peter: E di quanto?
    Stephen: Tre mesi e mezzo o quattro.
    Roger: Cristo... Steve, dobbiamo cercare di andarcene!
    Peter: Ce la caveremo.
    Roger: Sì, ma lei forse a bisogno di un dottore!
    Peter: Ci penseremo noi. Questo non cambia nulla... Se ne vuole sbarazzare?
    Stephen: Cosa?!
    Peter: Vuole abortire? Non è troppo tardi. E io so come si fa.
  • Jane: Posso dire una cosa?
    Stephen: Certo.
    Jane: Mi dispiace che abbiate scoperto che sono incinta, perché non voglio essere trattata diversamente dagli altri.
    Stephen: Dai, Jane, lascia stare...
    Jane: E poi non ho intenzione di fare da madre a voi altri! E voglio sapere che sta succedendo. E voglio dire la mia anch'io sui nostri progetti, siamo in quattro, okay?
    Stephen: Per favore...
    Peter: Lo trovo giusto.
    Jane: Bene, allora che cosa si fa?
    Peter: Noi adesso usciamo, ma tu non verrai con noi. E non ci verrai fino a quando non saprai badare a te stessa. Finché non imparerai a sparare e a combattere.
    Jane: Un'altra cosa... Non so come la pensiate voi ma io voglio imparare a pilotare l'elicottero. [rivolta a Stephen] Se dovesse capitarti qualcosa, noi dobbiamo essere capaci di cavarcela ugualmente!
    Peter: Ha ragione, amico.
  • Roger: Peter? ...Peter!!
    Peter: Sì, sono qui, amico.
    Roger [ultime parole]: Non lo fare se non sei sicuro che sono diventato uno zombi... io... io cercherò di non tornare. Intesi? Cercherò di non tornare... Cercherò di non tornare! ...Capito?
  • Dr. Millard Rausch: Io mi domando se valga la pena di salvare l'umanità. Guardate a che cosa siamo arrivati. Per quello che ne so io, i cervelli della gente sono già morti, sono solo gli idioti ad essere vivi!
    Uomo: Gli idioti come te!
    Dr. Millard Rausch: Ma io ho scoperto come fare per sopravvivere e sto cercando di aiutare anche gli idioti come voi!
    Commentatore TV: Per favore, per favore! [la gente nello studio si zittisce] È il suo modo di fare che in effetti irrita la gente, lei è illogico...
    Dr. Millard Rausch: Macché illogico... L'unico modo è quello di istituire dei centri per la raccolta dei cadaveri in celle refrigerate, i cadaveri andrebbero decapitati e dati in pasto agli zombi, questo ci permetterebbe di tenerli sotto controllo finché non saremo in grado di risolvere il fenomeno scientificamente.
    Commentatore TV: Ma come, dovremmo anche nutrirli?
    Dr. Millard Rausch: Ma vi rendete conto che ci troviamo di fronte a una nuova specie che sta aumentando continuamente di numero? E questo vuol dire... [la gente nello studio si arrabbia alzando la voce]
    Commentatore TV: E noi dovremmo nutrirli!
    Dr. Millard Rausch: Cos'altro vorreste fare per difendervi da loro?
    Commentatore TV: Io pensavo che voi scienziati aveste trovato un sistema per risolvere il problema, non per aumentare il numero di questi mostri.
    Dr. Millard Rausch: Be', un'altra alternativa ci sarebbe... In effetti ci sarebbe... Visto che sembrano riunirsi in aree densamente popolate, e poiché le nostre risorse nucleari sono ancora intatte, potremmo sganciare bombe atomiche su tutte le grandi città.
    Uomo: Ma non dici mica sul serio?!
    Dr. Millard Rausch: Certo che dico sul serio! Non riusciremo mai ad affamarli ed è proprio questo il problema!
    Uomo#2: Ma che cavolo stai dicendo?
    Dr. Millard Rausch: Non li mancherà cibo finché noi saremo vivi. E se siamo morti? Che ci importa di quello che succede quando siamo tutti morti! [la gente si arrabbia] Se c'è un momento in cui deve essere presa una decisione, è adesso! Questa non è demagogia, qui non ci sono repubblicani e democratici, siamo arrivati al limite, signori, siamo arrivati al limite! E non devono esserci dissensi e divisioni tra esseri umani. Non possiamo più tollerare diversità di opinioni tra esseri viventi.
    Commentatore TV: Per favore, lasciatelo finire!
    Dr. Millard Rausch: Non vi fate vincere dall'emotività! Dobbiamo rimanere razionali, logici, lucidi.
  • Stephen: Ho una sorpresa per te.
    Jane: Che cos'è? [Stephen fa il gioco delle mani chiuse]
    Stephen: Avanti, scegli, che mano vuoi?
    Jane: Questa! [Stephen apre la mano, è una fede nuziale] No, Stephen... Non adesso. Non ha senso. [gliela restituisce]
  • Blades: Entrano ed escono dal tetto.
    Motociclista: Che figli di puttana!
    Blades: Hanno bloccato tutte le uscite con i camion, guarda là!
    Motociclista: Sì, coi camion... Sono mica fessi.
    Blades: Tu che dici, li attacchiamo adesso o stanotte?
    Motociclista: Stanotte!
  • Motociclista [Sledge prende un televisore]: Ehi, ma che te ne fai? Non trasmettono più!
    Sledge: Ah già, che stronzo. [butta il televisore per terra] Martello. [glielo passano] Trasmetti questo. [si mette a distruggere i televisori]

Explicit[modifica]

Peter: Quanta benzina abbiamo?
Jane: Non molta.
Peter: Okay...

Altri progetti[modifica]