Proverbi piemontesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Proverbi del Piemonte.

  • Amor e merda a son doe canaje: una a mangia ël cheur e l'àutra le muraje.
Amore e merda sono due canaglie: una corrode il cuore, l'altra i muri.[1]
  • Cun d' stras e d' tacùn s'anleva un bel matùn.
Con dei cenci e con qualche rattoppo, si tira su un bel ragazzo.[2]
  • L'aja l'è le spessiàri d'i paisan.
L'aglio è il farmacista dei contadini.[3]
  • Doe fomne e n'òca a fan 'n mërcà.
Due donne ed un'oca fanno un mercato.[4]
  • Ël can ëd doi padron a meuir ëd fam.
Il cane di due padroni muore di fame.[5]

Note[modifica]

  1. Citato in Domenico Caresio, p. 70.
  2. Citato in Tristano Bolelli, Adriana Zeppini Bolelli, Dizionario dei dialetti d'Italia, La Domenica del Corriere, Milano, 1983, vol. 4, p. 249.
  3. Citato in Daniela Guaiti, Piemonte, Edizioni Gribaudo, Milano, 2010, p. 94.
  4. Citato in Domenico Caresio, p. 84.
  5. Citato in Domenico Caresio, p. 85.

Bibliografia[modifica]

  • Domenico Caresio, Grande raccolta di proverbi piemontesi (a cura di Dario Pasero), Santhià, GS Editrice, 2000, ISBN 88-87374-52-x.